Ospedale G.B. Grassi Roma

 
3.4 (25)
Scrivi Recensione

Giudizio dei pazienti

Voto ospedale
 
3.4 (25)
Voto reparti
 
4.3 (115)
Indirizzo
Via Passeroni 28, Roma
L'Ospedale Giovan Battista Grassi è situato a Roma in Via Passeroni 28 a Ostia Lido. La struttura, oltre alle attività di D-H ed ambulatoriali specialistiche, eroga prestazioni attraverso i seguenti principali reparti di degenza: Medicina Generale, Chirurgia Generale, Cardiologia, Unità di terapia intensiva coronarica, Ostetricia e Ginecologia, Pediatria, Neonatologia, Nido, Anestesia e Rianimazione, Oculistica, Pronto Soccorso, Otorinolaringoiatria, Radiologia, Laboratorio Analisi, Ortopedia, Centro Trasfusionale, Neurologia, Anatomia e Istologia patologica, Nefrologia e Dialisi, Servizio Psichiatrico di Diagnosi, Fisiopatologia respiratoria.

Recensioni dei pazienti

25 recensioni

 
(11)
 
(3)
 
(1)
 
(6)
 
(4)
Voto medio 
 
3.4
 
3.6  (25)
 
3.4  (25)
 
3.4  (25)
 
3.2  (25)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Esame strumentale RM

VORREI RINGRAZIARE IL DOTT. SPARVOLI E LA SUA EQUIPE PER LA PROFESSIONALITA' E CORTESIA DIMOSTRATE.

Patologia trattata
FISTOLA PERIANALE.



Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
4.0

Grazie

Sono stata ricoverata dal 23 dicembre al 10 gennaio 2018, devo dire con tutte le attenzioni possibili da parte sia dei medici che di tutto lo staff infermieristico... Malgrado la carenza di unità infermieristiche, ho visto grande professionalità e umanità verso me e le altre ricoverate.
Grazie infinite!!!

Patologia trattata
Influenza e patologia oncologica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Risonanza magnetica

Mi sono recata all'ospedale G.B. Grassi per effettuare una risonanza al ginocchio e sono stata davvero impressionata dalla competenza, gentilezza e professionalità del Dott. Sparvoli Luca.
Lo consiglio davvero a tutti.

Patologia trattata
Lesioni al ginocchio.



Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Reparto Radiologia

Ieri sera mi sono recato nel reparto radiologia per sottoporre mia figlia a una risonanza e per mia fortuna ho fatto la conoscenza del dottor Luca Sparvoli, un medico che svolge il suo lavoro con competenza, cordialità e professionalità. Sono rimasto sorpreso dal fatto che il dottore operi in una struttura pubblica dove non sempre si hanno tante attenzioni, anche per il fatto che le strutture non sono all'altezza. In questo reparto invece ho trovato pulizia, efficienza e soprattutto competenza. Sperando che questo esempio non rimanga un isola nell'oceano, porgo i miei ringraziamenti e i miei saluti a tutti quei medici che come il dottor SPARVOLI fanno del loro lavoro una missione e non una questione solo di profitto. Grazie.

Patologia trattata
Fibroma al ginocchio sx.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

Pronto soccorso ortopedico

La sera del 31 marzo 2017 sono incorso in uno sfortunato incidente stradale, a seguito del quale ho riportato la frattura scomposta sia della tibia che del perone della gamba sinistra; è apparsa subito evidente la competenza nell'affrontare la delicata situazione sia del medico ortopedico dr. Millefiorini, che dell'infermiere Riccardo, che mi hanno posto in condizione di stabilità rapidamente ed efficacemente.
Il giorno seguente, nel giro di controllo, il primario dr. Pallotta, congiuntamente ai collaboratori dr. Mignucci e Iachelli, mi informavano sulle prospettive che mi aspettavano per risolvere le fratture.
Tra le varie strade percorribili, il dr. Iachelli optava per la osteosintesi con chiodo bloccato. scelta non semplice ma che si è rivelata vincente. L'intervento ha avuto luogo rapidamente, il giorno 04 Aprile, ed è durato oltre 4 ore, alla fine delle quali eravamo esausti sia il chirurgo, dr. Iachelli che io.
Devo dire che tutto il reparto ortopedico, ambulatorio compreso, sono stati oltre che premurosi e sensibili, anche molto competenti e attaccati all'esito del lavoro svolto, in particolare l'infermiere Stefano e il dr. Iachelli che mi hanno seguito nelle visite di controllo con attenzione e simpatia.
Tutto questo ha portato ad un tempo di recupero significativamente breve nonostante la difficolta di calcificazione delle fratture.
C'è da dire che tutti i medici, in particolare i radiologi, che hanno avuto l'opportunità di osservare l'intervento di osteosintesi, non hanno potuto fare a meno di esprimere ammirazione per l'abilità nell'esecuzione della difficoltosa operazione.

Patologia trattata
Frattura Tibia e Perone gamba sx.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Pronto Soccorso

Il 1 Giugno 2016 sono arrivato al Pronto Soccorso con esiti da ictus emorragico già molto gravi. Volevo ringraziare tutti i medici del Pronto Soccorso che in quella giornata verso le ore 10.00 si sono subito prodigati ad assistermi con la celerità che la gravità richiede. Un ringraziamento particolare va alla dottoressa di cui purtroppo non ricordo il nome, la quale ha fatto subito richiesta di un letto in una Stroke Unit. Il 2 Giugno sono stato subito trasferito all'Ospedale S. Filippo Neri di Roma. Grazie anche per l'assistenza e la cordialità ricevuta dai miei familiari.

Patologia trattata
ICTUS EMORRAGICO.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Pronto soccorso

Impossibile comunicare con qualcuno. Posso capire i dottori che sono impegnati, ma gli addetti agli sportelli e le guardie giurate, oltre stare sempre davanti ai monitor, non si dedicano ad alcuna comunicazione e sono di una scortesia massima.. Sono solo capaci a dire "entrata per 22.30 e 18.30".

Patologia trattata
Scompenso cardiaco (codice rosso).
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

TRATTAMENTO DURANTE RICOVERO

SONO STATA RICOVERATA PRESSO IL PRONTO SOCCORSO IL GIORNO 07/11/2016 PER UN DISTURBO RESPIRATORIO, DOLORI MUSCOLARI E REFLUSSO ACIDO. UN PARTICOLARE RINGRAZIAMENTO AL DOTT. CARDARELLI, CHE SI E' SUBITO PRODIGATO NONOSTANTE L'ENORME AFFLUSSO DI PAZIENTI E LA MANCANZA DI PERSONALE PARAMEDICO. IL DOTT. CARDARELLI HA SUBITO DIMOSTRATO
GRANDISSIME DOTI PROFESSIONALI E UNA STRAORDINARIA UMANITA' VERSO I PAZIENTI, LO RINGRAZIO DI CUORE E GLI AUGURO DI CONTINUARE SEMPRE IN
QUESTA DIREZIONE. GRAZIE MILLE!
LUISA CAMPUS

Patologia trattata
DISTURBO GASTRICO E RESPIRATORIO.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Donazione sangue

In questo momento di grande criticità per le persone terremotate, Avis sta invitando tutto ad andare a donare il sangue, ma voi non vi siete come al solito organizzati e state mandando via le persone perchè il flusso è troppo grande; e non avete il personale per far fronte a tale criticità. Penso che in questo momento sia doveroso da parte vostra gestire al meglio il tutto. Come al solito vi state distinguendo come uno dei peggiori ospedali.

Patologia trattata
Donazione sangue (per terremotati).
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Edema polmonare fase iniziale: scarsa attenzione

Servizio molto scarso. Sono un legale e mi assumo la responsabilità di quanto da me asserito inerente a ciò che è accaduto a mia madre all'Ospedale Grassi, ove è entrata con un edema polmonare in fase iniziale e ne è uscita deceduta dopo tre giorni, all'età di 74 anni. Senza la mia costante presenza, inoltre, mia madre non sarebbe stata cambiata, nè lavata, nè idratata. Evidenzio, da ultimo, che è in corso una richiesta risarcimento danni per i fatti in questione.

Patologia trattata
Edema polmonare in fase iniziale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Artroprotesi anca destra

Volevo ringraziare tutto il reparto di ortopedia, gli infermieri, i medici, per la competenza, la disponibilità dimostrate e in particolare il dottor Iachelli che mi ha operata. L'operazione è perfettamente riuscita e il dottor Iachelli mi è stato vicino anche dopo l'intervento, interessandosi del mio stato di salute e mostrando una umanità fuori dal comune.
Un grazie molto sentito.

Patologia trattata
Frattura collo del femore.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Frattura trimalleolare scomposta

Sono stata portata dall'ambulanza al Grassi in codice giallo alle 21.00 del 28/12. Il primo soccorso e' stato effettuato in tempi ragionevoli, lastre e inevitabile raddrizzamento del piede senza anestesia che avrebbe comportato tempi lunghi per le necessarie analisi. Gran dolore ma, come promesso, per pochi istanti. Ricovero provvisorio in ginecologia per non mandarmi a Roma.
Grande incazzatura per l'assenza di Wi-fi, di campo per il cellulare, per l'orzo schifoso la mattina, per tanti piccoli dettagli.
Dopo due giorni trasferita in ortopedia.
Surreale: mancano le sedie a rotelle, ne ho noleggiata una..
Chi cucina andrebbe rinchiuso e gettata la chiave perche' ci vuole una scienza perche' il cibo, pur abbondante, esca cosi cattivo. Ma il 4/1 vengo operata dal dott. Iachelli e l'intervento è perfetto.
L'assistenza medica (non quella infermieristica badate bene) post operatoria e nelle visite successive è stata ineccepibile. La convalescenza, nonostante la mia età, il fatto che fumo e ho l'osteoporosi, meglio del previsto. Postumi in linea con il tipo di fratture ovvero gonfiore specie serale, ci vorra' qualche mese.
Insomma, se riuscite a tollerare le eccessive disfunzioni organizzative dell'ospedale, gli ortopedici sembrano essere all'altezza del Rizzoli di Bologna.

Patologia trattata
Frattura trimalleolare scomposta caviglia destra con lussazione.
Intervento chirurgico di osteosintesi con placca e viti.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Pronto Soccorso

Scrivo perché queste cose non dovrebbero accadere.
Mia madre era da un po' di giorni che aveva un forte prurito in tutto il corpo, non passava, non dormiva, non ce la faceva più!!
Il giorno 10/05/2015 decisi di portarla al pronto soccorso dell'ospedale G.B. Grassi.
Siamo arrivate alle ore 14.39 e come sempre aspettiamo per ore ed ore, quando finalmente alle ore 23.01 è arrivato il suo turno.
Una volta entrata è stata visitata dalla Dott.ssa Mafrici Antonella, la quale la pregò di non toccare nulla in quanto secondo lei mia madre era affetta da varicella e quindi poteva essere contagiosa per altri ammalati. L'ha dimessa immediatamente senza farle neanche un prelievo venoso.
La prognosi di dimissioni è: Sì invia al curante per controlli e si consiglia visita dermatologica.
Il giorno seguente siamo andate dal nostro medico curante, il quale le ha fatto fare subito dei prelievi - ripeto che li avrebbero dovuti fare al pronto soccorso ma non sono stati fatti!!!
Il giorno seguente, appena fatti i prelievi e ritirate le risposte il giorno stesso, il nostro medico fa con urgenza una base di ricovero a mia madre, era il giorno 12/05/2015.
Corriamo la sera stessa all'ospedale S. Camillo e grazie a prelievi e tc riscontrano a mamma una neoplasia al pancreas!!
Capendo tempestivamente di cosa si trattasse, l'hanno fatta trasferire subito al centro trapianti d'organo c/o lo Spallanzani, dove mia madre è stata operata il 19/05/2015 ad un adenocarcinoma al pancreas, intervento delicatissimo ad altissimo rischio di complicanze. Ad eseguire l'intervento è stato il responsabile del reparto, il Dott. Ettorre e tutta la sua equipe.
Intervento riuscito con successo. Grazie Dott. Ettorre e Dott. Lepiane che avete salvato la vita di mamma, non vi dimenticheremo mai...

Patologia trattata
Sospetta varicella.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Diagnostica per Immagini e Radiologia Intervent.

Sono venuta in contatto con il Dr. Luca Sparvoli per controlli di routine post neoplasia, riscontrando in questo grandissimo Medico dosi ineguagliabili di professionalità, competenza e umanità. Un medico che mette il cuore i tutti quello che fa.... Grazie Dottor Sparvoli anche per la sua disponibilità!

Patologia trattata
Indagini ecografiche.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Arroganza e maleducazione

Buongiorno.
Segnalo una mancanza totale di rispetto perpetrata ai danni dei visitatori dei pazienti in reparto.
Domenica mi reco a trovare mio cognato ricoverato presso il reparto chirurgia uomini dell'ospedale G.B. Grassi di Ostia.
L'entrata prevista per le visite, così come scritto su una nota di fronte al reparto, è alle ore 13.15. Premetto che tutte le volte che sono andato, e sono molte, visto che mio cognato ha una patologia che prevede una lunga degenza, l'orario non viene mai rispettato, con una percentuale di NON puntualità del 70 per cento. Domenica alle 13.35, cioè 20 minuti dopo l'orario previsto, la porta era ancora chiusa, naturalmente nessuno ci ha avvisati, cosa che secondo me appartiene alla buona educazione, ma questo non accade mai.. ok pazienza. Una signora anziana si è avvicinata al citofono con il codice, pensando di dover suonare, cosa non permessa, ok. Ma mentre si accingeva a suonare, da dietro tuona una voce perentoria con un tono rude, aggressivo e profondamente irrispettoso che l'apostrofa: ECCO ADESSO CI METTIAMO ANCHE A DIGITARE I CODICI - CHE MODO E` QUESTO ed altre frasi più o meno pesanti, con un tono arrogante ad altissima voce, continuando ad inveire contro la poveretta... A quel punto sono intervenuto dicendo alla infermiera (di cui conosco il nome), che non era il caso che inveisse in quel modo; per tutta risposta si gira, mi grida qualcosa e mi lascia là borbottando frasi tipo..- OK SI VABBE`...e si dilegua. Non aggiungo altro.
Magari sarebbe carino considerare che i parenti dei pazienti sono persone e meriterebbero un po' di rispetto e che, pur aspettando pazientemente un orario mai rispettato, devono sopportare le intemperanze di un'infermiera poco gentile e arrogante.
Questo è quello che è successo.

Patologia trattata
Peritonite addominale.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

State lontani dal Pronto Soccorso del Grassi!!!

Sono arrivata ieri a mezzogiorno seguendo l'ambulanza che portava mio padre, 83 anni, obeso, cardiopatico, con bombola di ossigeno fissa e al 5° intervento di tumore alla vescica. Arrivo in contemporanea con l'ambulanza nel girone infernale che è la sala di accettazione del Grassi, alla quale per inciso si accede random, allo sportello in vetro il "buco" dal quale si dovrebbe comunicare, è chiuso con fogli di carta su cui è scritto "Non Bussare", la porta si apre solo se te la aprono dall'accettazione ma, non potendo chiederglielo, bisogna aspettare che qualcuno esca ed intrufolarsi. Arrivo insieme a mio padre che sento lamentarsi da lontano, nell'ambulanza lo hanno fatto cadere due volte! Chiede ripetutamente di aiutarlo a mettersi seduto per alleviare il dolore alla schiena, ma gli viene rifiutato, mi chiamano per sollevargli la maglia per l'elettrocardiogramma (evidentemente non rientrava tra le loro competenze), poi mi fanno uscire e sento gridare da dentro la sala mio padre, che chiedeva aiuto per cambiare posizione, lo portano fuori e una delle due infermiere, urlando, apostrofa mio padre davanti a tutti dicendo "E che C...! Ma mica t'avemo gonfiato noi!" Mi arrabbio e la minaccio di denuncia, mi risponde l'altra infermiera con accento straniero, dicendo che loro non si prendevano la responsabilità di tenere seduto mio padre, che non avevano sedie a rotelle in cui entrasse (bugia!) e poi urlando a tutti i presenti ha chiesto di essere testimoni che se mio padre fosse caduto ero responsabile sono io. Dopo 4 ore! 4! Chiedo ad un infermiere il pappagallo e quest'altro tizio mi risponde come fosse la decima volta gridando che lui manco era del pronto soccorso, mentre in realtà era proprio quello che si occupava di chiamare le persone in attesa per accedere alla visita. Alla fine di malagrazia piglia un pappagallo e lo molla in mano a mio padre, al centro della sala, senza aiuto, su una barella, di fronte a tutti... avrebbe dovuto arrangiarsi da solo. Mi arrabbio di nuovo solo per sentirmi dire "E' giù tanto che gliel'ho dato". Altro giro altra corsa... dopo altre tre ore chiedo all'infermiera dell'accettazione se mi dice quante persone ci sono prima di mio padre, gentilmente (!) mi chiede di seguirla nella stanzetta mentre controllava il computer, dietro me ecco l'altro personaggio di questa carrellata di inetti-maleducati, l'addetto alla vigilanza, che mi apostrofa con un "Che ce stai a fa'qua? Te ne devi anna'!" gli ricordo in malo modo che non lo conosco, non lo voglio conoscere e che pretendo mi sia dia del lei... Potrei continuare... siamo stati 10 ore prima che mio padre fosse visitato e poi ricoverato perchè... A RISCHIO INFARTO!!!
Uno schifo da tutti i punti di vista.

Patologia trattata
Paziente anziano, obeso, con bombola ad ossigeno, a rischio infarto.
Punti deboli
Personale del Pronto Soccorso, quantomeno quelli in turno ieri sera 6/02/2014, inetti, incompetenti, maleducati, arroganti.
L'igiene è assente, barelle sporche, con capelli, lenzuolini ammucchiati già usati, infermiere che lasciano i pazienti con flebo finite per ore al braccio: é successo anche questo a mio padre e, quando finalmente siamo entrati in visita, sono dovuta stare in piedi per 4 ore perchè l'unica sedia mi è stata tolta dalla dottoressa che subentrava in turno.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pronto soccorso e assistenza pediatrica

Mi spiace scrivere questo commento negativo. Porto mio figlio al P.S. del Grassi, dopo più di 24 ore che non dorme, per un forte dolore alla nuca, indirizzata dalla mia pediatra che avevo avvisato per telefono. Al triage l'infermiera non si degna neanche di guardarmi, presa da una telefonata di natura palesemente personale. Dopo più di quindici minuti mi dice che devo aspettare che si apra la porta per entrare. Dunque mi siedo lì davanti, essendo molto stanca anch'io per la notte insonne. La porta si apre e una signora si intrufola prima di me "superando" me e il mio bimbo di 5 anni. Riesco ad entrare solo dopo altri quindici minuti grazie alla gentilezza di un signore impietosito, che si era accorto di tutta la scena, mentre l'infermiera non fa una piega. La prima frase che mi dice, in tono totalmente inacidito, è "ma lei non ce l'ha una pediatra?". E io le rispondo che certo, la pediatra ce l'ho, ed è stata lei stessa a indirizzarmi in P.S. Quando le dico che mio figlio ha un forte dolore alla nuca si spaventa e mi fa entrare in codice verde. Il pediatra di turno, a onor del vero molto cordiale e gentile - forse per controbilanciare l'astiosità del personale paramedico - non riscontra segni di meningite e dunque ci manda in visita dall'otorino, secondo il quale mio figlio avrebbe un'otite da curare con gli antibiotici. Tuttavia lo stesso pediatra di turno che ci dimette (senza effettuare alcun esame strumentale), non pare molto sicuro, e infatti mi invita a tornare in P.S. al primo segno di peggioramento. E infatti nulla risolve il forte dolore alla nuca.
Mi reco dunque nel tardo pomeriggio all'Ospedale Bambino Gesù, dove immediatamente prelevano il sangue e fanno una lastra. Risultato: polmonite estesa che ha richiesto il ricovero di dieci giorni in isolamento.

Patologia trattata
Polmonite (ma non diagnosticata da loro).
Punti di forza
La gentilezza dei medici che lavorano in condizioni inaccettabili.
Punti deboli
L'incompetenza, la disorganizzazione, la sporcizia, il senso di abbandono, la mancanza di ogni riguardo per il paziente di P.S.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Pronto Soccorso pessimo

Ci eravamo accorti che nel vasetto di frutta omogeneizzata che stava mangiando il nostro bimbo c'erano frammenti di vetro, al Pronto Soccorso ci hanno fatti sistemare in una sala d'aspetto dicendo che il bimbo aveva priorità e che con l'ecografia avrebbero rilevato la eventuale presenza dei frammenti. Dopo un'ora arriva un addetto dicendo che l'ecografia non serve a nulla, è meglio se andiamo al Bambino Gesù. Ci fanno aspettare ancora e dopo mezz'ora arriva la pediatra che ci ripete la stessa cosa, dopo una visita sommaria. Risultato: tempo perso, personale latitante e "scaricabarile" (ad ogni richiesta di informazione rispondevano: non deve parlare con me). Da evitare!

Patologia trattata
Presunto ingurgitamento di frammenti di vetro.
Punti di forza
Nessuno.
Punti deboli
Competenza e assistenza.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Non consiglio la struttura

Lasciate ogni speranza o voi che entrate .... diceva il sommo poeta ....
Mio padre entrato in codice rosso non è più uscito. Dopo essere stato al pronto soccorso è stato trasferito alla medicina uomini. Premetto che il suo stato fisico non era ottimale, loro lo hanno definito "decadente"; ciò nonostante mi sono scontrato su 2 diagnosi diverse. Un medico mi ha detto che aveva una polmonite, un altro ha detto di no. Comunque nel dubbio gli hanno somministrato la cura per polmonite. Per farla breve, alla fine è morto di morte naturale! In merito al personale mi occorre spendere una nota di merito per un'infermiera di colore, la quale è stata l'unica premurosa e professionale. Consiglio? Se vi capita, portate il paziente in un altro ospedale.
Andrea Spinella

Patologia trattata
Presunta polmonite.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Medicina e Chirurgia

Ringrazio tutto il personale medico per la professionalità e il personale paramedico per l'umanità dimostrata verso tutti i pazienti.

Patologia trattata
Carcinoma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Pronto Soccorso

Non posso dare giudizi relativi all'ospedale nel suo complesso globale, perché sono stata solo in pronto soccorso, dove mi si è presentata una scena apocalittica, pensavo di essere la protagonista di un film sul Vietnam: un unico enorme stanzone stipato da pazienti uomini e donne (35/40 pazienti più o meno ho stimato ad occhio) gestiti soltanto da due medici e due infermiere. Ma non parliamo di pazienti comuni, c'era ogni tipo di patologia, pazienti che piangevano e urlavano, mi è sembrato di vivere un incubo. Ma quello che mi ha veramente colpito è stato il personale medico e paramedico che, forse dotato di forze divine, è riuscito, nonostante il loro esiguo numero, a espletare tutte le assistenze ai pazienti (incluso accompagnarle in bagno, in radiologia ecc. ecc.) Quindi un grazie di cuore da parte mia va all'Infermiere dell'ortopedia e al medico dell'ortopedia, ai 2 medici presenti al pronto soccorso e alle 2 infermiere (una di loro nonostante la mole di lavoro, è stata così gentile da accompagnarmi in bagno) del turno di notte del 25/09/2012.
Grazie di cuore, avete dimostrato che per qualcuno la medicina è rimasta una vocazione e non una professione, come per tanti altri!
Con stima e affetto,
Katja Giese paziente n° 176.

Patologia trattata
Trauma da caduta ginocchio destro.
Punti di forza
Lo scarso personale, motivato, preparato, gentile e anche spiritoso e fermo all'occorrenza!
Punti deboli
Sempre il personale: sotto organico per la mole di lavoro da svolgere!
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ospedale Grassi - diversi reparti

Ufficio Relazioni Pubblico
Ospedale G.B. Grassi- Ostia.

Si parla tanto di malasanità ma è anche giusto parlare delle cose positive che si riscontrano nei nostri ospedali. Pur conoscendo bene tutte le problematiche che affrontano tutti del personale dell'Ospedale G.B. Grassi (sovraccarico di lavoro) voglio parlare della mia esperienza.
Negli ultimi 15 mesi mi sono rivolto all’ospedale per diversi problemi. In ottobre 2010 sono stato operato di cataratta ad un occhio, e di nuovo nel mese di aprile 2011 per l’altro occhio. Ai primi di giugno sono stato ricoverato nel reparto Chirurgia Uomo per un piccolo intervento chirurgico e poi di nuovo ai primi di novembre in Day Hospital per un altro piccolo intervento. Ultimamente, il 2 gennaio, a seguito a un malore, sono stato trasporto in ambulanza al Pronto Soccorso e dopo una notte di osservazione, sono stato rilasciato l’indomani mattina.
Questo elenco per dire che in tutti gli ambiti in cui mi sono ritrovato, ho avuto sempre da fare con medici e personale ospedaliero, gentili, premurosi e disponibili oltre che professionali. Doppiamente meritorio sapendo che fanno orari lunghi e stressanti. La mia riconoscenza va a tutti loro che con dedizione svolgono il loro lavoro.
Ringraziandovi, colgo l’occasione per augurarvi Buon Anno e buon lavoro.
Mario Ricci

Patologia trattata
diverse.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

trauma cranico e pronto soccorso

ricoverato con codice rosso alle 21.00 dopo un incidente in moto, riportando un grave trauma cranico e altri traumi in varie zone del corpo, alle 7 della mattina successiva venivo dimesso con codice verde senza aver effettuato visite di controllo neurologiche o tac al cranio..
dopo tre giorni di amnesie progressive torno al P.S. del San camillo e mi diagnosticano un ematoma in testa per il quale ho subìto poi un intervento..
La sala di osservazione del Pronto Soccorso del G.B. Grassi era poi poco pulita e con una serie di barelle piuttosto che dei letti, senza un minimo divisorio, per un pò di privacy tra i vari pazienti.

Patologia trattata
trauma cranico e politrauma post incidente stradale
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ospedale G.B. Grassi ostia

Il personale medico é preparato e presente, lo stesso vale per il personale paramedico (a parte qualche rara eccezione). Professionalita' e cortesia si riscontrano in questa struttura sanitaria oberata di lavoro, motivo per cui é assolutamente necessario aumentare il personale.
Al Grassi ci sono tanti professionisti che, tra quelle mura, svolgono il proprio lavoro con dedizione, scrupolo e - spesso - anche oltre i limiti della professionalità, profondendo quell'umanità che la loro "missione" richiede.

Patologia trattata
Frattura femore.
Asportazione ernia inguinale.
Punti di forza
Reparto di Ortopedia, Ginecologia e Ostetricia, Cardiologia, Otorinolaringoiatria,Nefrologia (i medici sono preparati, aggiornati, e dotati di un'umanità che non é facile incontrare...purtroppo sono numericamente pochi ma questo non é un loro demerito, ovviamente)
Punti deboli
L'Ospedale Grassi ha bisogno di maggior personale medico e paramedico.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ricovero d'urgenza per I.M.A.

Un ringraziamento meritato al personale del pronto soccorso, dove mi sono rivolto il giorno 23 Gennaio 2010 alle 06.00 di mattina in preda a dolore al petto e al braccio sinistro, ed in particolare al medico in servizio al momento che ha dimostrato bravura e professionalità anche per il supporo psicologico. Lo ringrazio anche per essermi venuto a trovare al reparto di cardiologia.

Patologia trattata
I.M.A. subito diagnosticato al Pronto Soccorso dell'Ospedale Grassi di Roma con relativa terapia d'urgenza il giorno 23/01/2010. Trasferimento in ambulanza al San Camillo per intervento di angioplastica effettuata con successo e rientro al Grassi. Dopo una settimana di ricovero, tra U.T.I.C. e reparto di cardiologia, le dimissioni.
Punti di forza
La preparazione di ottimo livello del personale medico e paramedico e l'eccellente professionalita e scrupolo nell'esercizio della professione.
Punti deboli
Ci vorrebbe più personale.


Altri contenuti interessanti su QSalute