Urologia 2 San Giovanni Addolorata Roma

 
4.9 (263)

Recensioni dei pazienti

5 recensioni con 4 stelle

263 recensioni

 
(251)
 
(5)
 
(2)
 
(5)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.9
 
4.9  (263)
 
4.9  (263)
 
4.9  (263)
 
4.9  (263)
Torna alla scheda

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
5 risultati - visualizzati 1 - 5  
 
Per Ordine 
 
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Asportazione prostata robot assistita

Ringrazio il Dott. D'Elia e tutto il reparto di Urologia - tranne una caposala (di cui non ricordo il nome) che durante il turni di notte con ago che era uscito dalla vena, alla chiamata si è scocciata è mi ha detto "potevi fare da solo".
Gli altri infermieri sono gentilissimi e professionali.
Il post intervento invece è un'altra cosa, non mi sono sentito seguito bene. Per loro è una routine, mentre i pazienti e le famiglie affrontano problemi psicologici, specie quelli di coppia. Comunque grazie al reparto per l'intervento.

Patologia trattata
Tumore della prostata.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Ringraziamento

Nel 2019 ho avuto la fortuna di conoscere il dottor Giovanni Tuffu in seguito alla diagnosi di adenocarcinoma prostatico.
Sono stato operato in data 24/06/2019 dal Dott. Tuffu mediante chirurgia robotica "Leonardo da Vinci".
Oltre all'intervento eseguito con grande professionalità e competenza, vorrei mettere in risalto le profonde doti di umanità e partecipazione ai problemi del paziente da parte del dottor Tuffu.
Queste doti, nel loro insieme, fanno la differenza fra un medico capace ed un grande medico.
Ciò mi è stato ulteriormente confermato a Dicembre 2022 quando, a seguito di sospetta neoplasia della vescica e susseguente TURB, che per fortuna ha dato esito negativo, il dottore ha confermato tutte le positività che ho espresso più sopra.
Auguro a Lui un brillante percorso professionale assolutamente meritato!

Patologia trattata
Adenocarcinoma prostatico.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Una voce fuori dal coro

Mi dispiace non potermi unire al coro di lodi, non poter aggiungere un altro ex-voto alla ricca bacheca del reparto.
Mio padre, 78 anni, è stato in questo reparto due volte. La prima un paio d'anni fa, per fare, in urgenza, un'embolizzazione ad un rene. Tutto bene quella volta.
La seconda, a giugno di quest'anno, per l'operazione denominata TURP, una cosa molto più di routine rispetto alla prima.
Dimesso dall'ospedale, il giorno dopo ha febbre. Torna in reparto ma lo "rimbalzano" al pronto soccorso, che dopo ore di attesa lo rimanda a casa con tachipirina.
Una decina di giorni dopo nuovamente febbre, e il medico curante prescrive antibiotici.
Per farla breve, per 3 mesi mio padre ha alternato giorni buoni ad altri con febbre altissima e brividi scuotenti, è andato diverse volte al pronto soccorso del San Giovanni, ha fatto diversi antibiotici.
Finalmente il 20 settembre qualcuno al San Giovanni lo prende sul serio, fanno emocoltura e ecocardiogramma, e la diagnosi è: endocardite da enterococco, una conseguenza rara dell'intervento di TURP a giugno.
Papà inizia gli antibiotici che dovrà fare da ricoverato per 6 settimane a Medicina 2, ma già dopo la seconda vedono che la valvola aortica è danneggiata, richiedono un trasferimento urgente al Gemelli per sostituirla.
Ma il trasferimento non è mai avvenuto. Mio padre è morto oggi, di infarto, mentre gli facevano un elettrocardiogramma. In passato non aveva mai sofferto di cuore.
Non posso fare a meno di pensare che la gestione degli episodi febbrili di mio padre sia stata quanto meno disattenta. Noi lo abbiamo portato sempre al San Giovanni, dove era stato operato: a saperlo, forse andando direttamente al Gemelli, lo potevano salvare.

Patologia trattata
Ipertrofia prostatica.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Le aspettative erano più alte

Sono venuto a conoscenza del Prof. D' Elia proprio tramite QSalute, dove quasi tutti elogiano il suo operato. Confermo aver percepito passione, precisione e professionalita', ma solo per la prima parte della nostra esperienza, e precisamente fino al giorno dell'intervento di asportazione robotica del tumore, dopo il silenzio assoluto! Sinceramente non comprendo questo comportamento, dato che fuori alla porta della sala operatoria il Prof. mi disse che mi avrebbe chiamato telefonicamente per farmi sapere dell'esito istologico, ma non lo ha fatto. Per ipotesi immagino che sia stato perchè l'istologico era sfavorevole per margini positivi, quindi il tumore e' ancora in parte, anche se minima, in sede sulla loggia prostatica per 2 mm. (speriamo che non sia gia' in cammino verso altre zone del corpo). Attualmente stiamo facendo un ciclo di radioterapia e monitoriamo il tutto con controlli seriali. Quindi il Prof. chiama solo quando l'esame istologico e' favorevole? Poi la parola guarigione deve essere usata con la massima attenzione e rispetto per gli ammalati, dato che per tutta la vita bisogna controllarsi. Comunque in bocca a lupo a tutti voi che vi attingete a leggermi, e informatevi sempre su tutto, e' molto importante darsi forza e affrontare tutto con coraggio, azione e fede.
Dimenticavo una cosa: dato che mio padre ha perso l'erezione. ho scritto al Prof. D'Elia per sapere se gli aveva salvato i nervi erettivi, ma nessuna risposta, nonostante gli avessi detto che, se fosse stato possibile, di salvarli. Quindi delusione anche per questa cosa molto importante per un uomo...

Patologia trattata
Tumore prostata.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Grazie dottor Antonio Cardi

Volevo ringraziare tanto il dottor Antonio Cardi, persona gentile, competente e affidabile. Sono stato sottoposto ad una orchidopessi in urgenza per torsione testicolare tre anni fa e ieri ho effettuato la fissazione dell'altro testicolo in day hospital presso un'altra struttura, ma sempre operato da lui.
Unica nota negativa è che ho avuto dei problemi con l'anestesia nel primo intervento, in quanto l'anestesista inavvertitamente mi ha preso con l'epidurale la dura madre (cosa che mi ha costretto a letto per una settimana data la forte cefalea).

Patologia trattata
Torsione testicolare.
5 risultati - visualizzati 1 - 5