Urologia San Raffaele

 
4.4 (72)

Recensioni dei pazienti

7 recensioni con 3 stelle

72 recensioni

 
(51)
 
(7)
 
(7)
 
(5)
 
(2)
Voto medio 
 
4.4
 
4.7  (72)
 
4.3  (72)
 
4.2  (72)
 
4.2  (72)
Torna alla scheda

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
7 risultati - visualizzati 1 - 7  
 
Per Ordine 
 
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Pessima esperienza

Ok la parte di hotelleria, vuoto assoluto sul resto.. Poco dopo essere stato messo alla porta da loro, sono stato operato in urgenza in altro ospedale. Al San Raffaele non mi hanno riconosciuto una patologia banale e mi hanno respinto in pronto soccorso. Ora tocca pure pagarmi l'andrologo di tasca mia.

Patologia trattata
Subtorsione del testicolo.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Esperienza negativa

Nell'agosto del 2020 mi sono rivolto al Prof. Andrea Salonia per valori di PSA elevati. In seguito ad una serie di visite, a due consigliate RMN multiparamentriche della prostata con Mdc ed ad una biopsia di fusione oggi, a distanza di oltre 2 anni, non solo non ho raggiunto alcun risultato, ma il mio PSA è ulteriormente peggiorato e mi sono sentito trattato peggio che un numero.

Patologia trattata
Valori del PSA elevati.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Abbastanza vergognoso

...da dove dobbiamo iniziare? Ahh ecco.. dunque: proprio in questi giorni ascensori che non funzionano e aria condizionata che non funziona! Non va proprio un bel niente nelle camere, rischio collasso dei pazienti!!! Ma tutte le donazioni che ci sono, dove vanno a finire??? Infermieri sempre abbastanza stanchi, presuntuosi etc etc.. "Stagisti" che non sanno manco da dove iniziare.. hehehe vabbè va!!!!

Patologia trattata
Prostatica.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Intervento

Dopo variate discussioni in famiglia su dove recarsi, abbiamo deciso di portare papà al San Raffaele per un intervento di tumore alla vescica.
Per correttezza e decisione personale ho deciso di non fare nominativi.
Struttura ben organizzata, medici chirurghi e anestesisti molto competenti e all'altezza, pronti a risolvere qualsiasi problemi; nota dolente i componenti del personale infermieristico, non all'altezza dei medici, pochi, scarsi, non professionali e incompetenti, scortesi e anche maleducati.
Ad ogni richiesta del paziente, risposte con tono da infastiditi per essere stati disturbati. Inoltre di notte, ad ogni richiesta del campanello, prima che si presentasse qualcuno i tempi di attesa erano sopra i 30 minuti.
Durante il giorno la pace e tranquillità, molto importanti per chi ha subìto un intervento, non esistono, personale che entra ed esce anche solo per chiacchierare tra di loro, per non stare in corridoio a farsi notare dai responsabili; per non parlare del continuo caos nei corridoi (penso che tutto questa sia all'oscuro dei responsabili) del 5°piano.
Conclusione: decisione giusta per intervento, ma per il resto lo sconsiglio.

Patologia trattata
Tumore infiltrante alla vescica.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Intervento in laparoscopia rene

Sono stato operato il 15.04 al rene destro per una tumorectomia. Per quanto riguarda la professionalità in sala operatoria e anestesia, tanto di cappello, nulla da dire, forse i migliori, mentre per i rapporti umani con il paziente per loro sono veramente un optional, siamo solo numeri.... Per dirla tutta, l'esame istologico mi è stato riferito via telefono dicendo 4 parole: "tumore maligno, ci vediamo tra 4 mesi per il controllo saluti"!!!!!!
Inoltre il personale infermieristico è veramente scadente e non professionale, solo tre infermiere (2 donne 1 uomo, italiani) veramente cordiali gentili e professionali, il tutto al reparto urologia del 5° piano.
Consiglio questo reparto per interventi difficili, mentre per interventi di "routine", ove qualsiasi ospedale è in grado di farlo, lo sconsiglio.

Patologia trattata
Tumorectomia rene DX.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Declino

A causa della mia malattia, sono stata ricoverata più volte presso il reparto di urologia.
Purtroppo devo segnalare un netto peggioramento della qualità e della “quantità” di assistenza che ora si riceve.
Nel mio ultimo ricovero ho potuto constatare che al mattino, e soprattutto nel pomeriggio, il numero degli infermieri presenti era ridottissimo, addirittura solo due nei pomeriggi. E in un pomeriggio ho potuto contare l’arrivo di almeno 6 operati. Come degente lamento una assistenza infermieristica molto frettolosa, anche se competente. Personale infermieristico gentile, competente, ma stanco e stressato. Parlando con il personale ho capito che è la nuova politica della nuova amministrazione, poco personale in servizio per risparmiare su i costi e tanto lavoro (alcuni di loro erano presenti in corsia anche per oltre 12 ore!), forse non ci sono nemmeno i minimi di personale richiesto per l’accreditamento alla Regione Lombardia e comunque la salute deve sempre vincere sul mero profitto.
Un ospedale che era il fiore all’occhiello della sanità italiana, non merita questo declino in nome del contenimento dei costi. Ma soprattutto NOI pazienti non “meritiamo” una assistenza frettolosa a causa della carenza di personale. Comunque un grosso abbraccio ai miei “angeli infermieri”, che anche tra mille difficoltà logistiche si prodigano oltre ogni misura. Spero che questa situazione di carenza di personale si risolva al più presto, sia per il bene nostro di pazienti, sia per quello di chi ci lavora con tanto amore.

Patologia trattata
Renale.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Problemi dopo la degenza per prostatectomia

Durante la degenza post-operatoria alcune volte ho dovuto sollecitare ed aspettare dalle due o tre ore per essere assistito (cambio del sacchetto del ghiaccio o il cambio della traversa).
Alla dimissione dalla degenza (05.04.2012) mi viene fissato appuntamento per il giorno 11/04/2012 ore 8,30 P/o l'ambulatorio di urologia per rimozione del catetere vescicale e i punti di sutura, su indicazioni suggerite dal medico che mi ha dismesso. Il giorno 10.04.2012 dalle ore 11,30 alle ore 15 cerco di contattare il n. 0226432643 per confermare la mia presenza per l'indomani in ambulatorio. Purtroppo dopo molteplici tentativi andati persi per sovraccarico di linea, con invito a provare più tardi, quando sono riuscito a contattare l'uff. prenotazioni (ore 12,15) non gli rispondeva l'ambulatorio, mi ha fornito il n. 0226432422 consigliandomi di provare io direttamente a chiamare. Risultato: ho provato fino alle ore 15.00 ma non ha risposto nessuno, suonava libero e poi cadeva la linea.
L'indomani, presentatomi all'ambulatorio alle ore 8,30 e visto che alle ore 9,30 passate non ero ancora stato chiamato, ho fatto presente all'unico dottore presente se ci fossero problemi e gli ho chiesto di sapere chi era il suo diretto superiore e a chi far presente il disguido, considerando il fatto che ho visto assistere persone con orari di appuntamento dopo il mio (ore 9- 9,30); alchè sono solo stato invitato a aspettare. Risultato, ho visto passare il dottore che mi ha dimesso, gli ho spiegato la situazione, Lui dopo pochi minuti cercando un ambulatorio libero mi ha assistito (erano le ore 11,15), invitandomi a ripresentarmi in ambulatorio per le ore 13.00, che un collega (dr. Castiglioni F.) mi avrebbe eseguito controllo ecografico. Alle ore 13.00 ero presente, sono stato assistito alle ore 14.00 e dimesso con la precisazione che, quando avrebbero avuto il referto dell'esame istologico, sarei stato contattato per la lettera di dismissione definitiva. A tutt'oggi non sono ancora stato contattato. Ho provato a chiamare, dopo attese e rinvii, ho perso la pazienza, anche ritengo inutile fare l'esposto all'ufficio delle relazioni col pubblico, è un ufficio che non serve a nulla- è solo di facciata (ho provato con altri enti ospedalieri).

Patologia trattata
prostatectomia radicale e linfectomia pelvica bilaterale (in data 30.03.2012).
7 risultati - visualizzati 1 - 7