Casa di Cura Santa Maria di Bari

 
4.5 (120)

Recensioni dei pazienti

7 recensioni con 3 stelle

120 recensioni

 
(94)
 
(10)
 
(7)
 
(9)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.5
 
4.7  (120)
 
4.4  (120)
 
4.6  (120)
 
4.4  (120)
Torna alla scheda

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
7 risultati - visualizzati 1 - 7  
 
Per Ordine 
 
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Tutto bene fino al parto

Sono un medico e ho scelto questa struttura per partorire con partoanalgesia. Assistenza, professionalità e competenza innegabili nel blocco parto, dove medici e ostetriche ti assistono e garantiscono rispetto e privacy per le pazienti ricoverate, in travaglio.
Dopo il parto sono stata ricoverata al quinto piano, dove le stanze accolgono 4-6 pazienti con relativi bimbi neonati e un parente che le assistono, per cui in ogni stanza ci sono almeno 8 adulti e 4 bambini. Al momento della visita pomeridiana, che coincide con l’arrivo del vitto, non c’è alcun controllo sul numero di visitatori, per cui in stanza abbiamo raggiunto anche 40 persone tra adulti e bambini (sempre
con i neonati in stanza). Le puericultrici non sono state assolutamente d’aiuto nonostante le richiese esplicite di primipare come me. L’esperienza post partum è stata assolutamente deludente.

Patologia trattata
Parto naturale.


Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
1.0

Parto naturale

Recente esperienza di parto di mia figlia. Ospedale pulito, ordine e disciplina come in nessuna struttura sanitaria pubblica, ma devo lamentare la scarsa assistenza e la totale mancanza di umanizzazione dell'esperienza di un parto, ridotto a un puro evento clinico. Nessun coinvolgimento del partner di mia figlia che, essendo medico, aveva chiesto di assistere sua moglie almeno durante il travaglio. Nessuna assistenza per l'allattamento e per la donna che, dopo una sola notte dal parto, viene lasciata sola a gestire il neonato.
I medici sono stati competenti, il resto del personale disponibile ma scarso, forse perché hanno fatto tagli per risparmiare. Questa clinica era un fiore all'occhiello nella nostra realtà, ma la gestione attuale lascia a desiderare.

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Sala parto ok, ma degenza terribile

Ho partorito in questa clinica il 3 gennaio 2015. Posso solo elogiare il personale del blocco parto, in particolare l'ostetrica Annamaria D'Arpa, che contrariamente all'impressione di donna tutta d'un pezzo e un po' burbera, è invece una eccezionale professionista. Mi ha aiutato a far nascere la mia bambina con grande umanità, incoraggiandomi e sostenendomi con i suoi sorrisi al momento giusto. Eccezionale anche l'anestesista, di cui purtroppo non ricordo il nome, ma che mi ha assistito con dolcezza e umanità.
Al contrario, la degenza è stata da incubo: infermiere sgarbate e poco empatiche, puericultrici praticamente assenti: nessuno che si sia prodigato di aiutarmi ad avviare l'allattamento nonostante lo abbia chiesto più volte. Sono stata male per un problema legato all'episiotomia e nessuno che mi abbia dato retta, dicevano che i miei dolori erano normali e che al massimo potevo prendere una tachipirina; ebbene, una volta tornata a casa mi sono fatta visitare dal mio ginecologo che ha evidenziato un importante versamento conseguente alla sutura, che mi ha fatto penare per oltre due settimane con dolori atroci e impossibilità a stare in piedi e accudire mia figlia.
Ricordo il parto come un'esperienza splendida che ripeterei anche domani, mentre sono rimasta davvero delusa e quasi traumatizzata dal post-partum. Onestamente non so se tornerei alla Santa Maria in caso di nuova gravidanza...

Patologia trattata
Parto spontaneo.


Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Intervento ginecologico

Ho subìto un intervento di isterectomia nel reparto di ginecologia della suddetta clinica.
Devo dire francamente che se non sei paziente dei medici che lavorano in reparto, non sei praticamente nessuno per loro, per avere spiegazioni del pre e post intervento dovevi tirare loro le parole dalla bocca (manco una fosse sottoposta ogni giorno a questo tipo di intervento). Pertanto credo che un po' più di umanità e disponibilità non guasterebbe affatto. Nulla da dire sulla professionalità, ma così è come se su una bellissima torta di compleanno mancassero le candeline.
Elogio alle infermiere, a chi puliva le stanze e perfino a chi serviva i pasti.

Patologia trattata
Isterectomia.
Punti di forza
personale infermieristico.
Punti deboli
staff medico.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Esperienza reparto riabilitazione cardiologica

Purtroppo non posso dare un giudizio positivo alla struttura. Mio padre il giorno 4/03/15 è stato sottoposto ad un intervento di cardiochirurgia per sostituzione della protesi valvolare aortica e della protesi vascolare aorta ascendente per endocardite batterica recidivante. Il cardiochirurgo, Mauro Cassese, persona dotata di un alto grado di professionalità, competenza e umanità, ci ha informato dell’estrema delicatezza dell’intervento. L’intervento, grazie alla professionalità del dottore Cassese, ha avuto esiti più che positivi, così come il decorso post-operatorio. Quindi mio padre, dopo due giorni in U.T.I. (Unità Terapia Intensiva) è stato trasferito nel reparto di cardiochirurgia, dove ha avuto una ripresa brillante. Giorno 12/03 è stato dimesso dalla cardiochirurgia con la presenza di versamento pericardico a livello delle sezioni dx di 2 cm., e trasferito nel reparto di Riabilitazione Cardiologica. Qui è successa la tragedia, fino al 26/03 era in ottimo stato di salute, i medici del reparto hanno sempre detto che il decorso era regolare, addirittura è stato eseguito in data 23/03 un ecocardiogramma transesofageo, esame dotato di un’altissima sensibilità, dove non è stato segnalato nessun problema. Fatto sta che la notte del 26/03 mio padre accusa una sensazione di malessere generale al punto di perdere coscienza; hanno eseguito un ecocardiogramma e hanno evidenziato una sacca di sangue con grumi che premeva sul ventricolo destro, situazione detta tamponamento cardiaco. A seguito di tutto ciò è andato in arresto cardiocircolatorio, quindi nonostante abbiano cercato di rianimarlo, l’assenza di ossigeno ha provocato una gravissima lesione al cervello, che non gli ha permesso di risvegliarsi e dopo circa venti giorni di coma è deceduto. I medici del reparto non hanno dato una spiegazione dell’accaduto, potrebbe essere stato un punto che si è allentato o un vaso che è scoppiato. A me suona strano tutto ciò, innanzitutto per esserci i grumi di sangue vuol dire che la fuoriuscita non è stata improvvisa, bensì almeno da qualche giorno; poi mi fa tanta rabbia che per 22 giorni mio padre sia stato benissimo, è un’utopia pensare ad una complicanza post-operatoria dopo 22 giorni. Scrivo questo per tutte le persone che leggeranno, i cardiochirurghi sono eccellenti ma il reparto di riabilitazione cardiologica con tutti i medici cardiologi e non, lascia veramente a desiderare. Credo che il dovere dei medici e il diritto dei familiari è quello di avere spiegazioni dettagliate soprattutto quando c’è un decesso di mezzo.

Patologia trattata
Sostituzione protesi valvolare aortica e protesi aorta ascendente.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Umanità zero

PECCATO CHE IO NON POSSA PARLARE BENE DI QUESTA STRUTTURA. A GENNAIO LA MIA MAMMA E' DECEDUTA DOPO UN INTERVENTO ALLA VALVOLA MITRALICA. E' VERO CHE L'INTERVENTO NON ERA FACILE SU DI LEI, MA A DETTA LORO L'INTERVENTO ERA ANDATO BENE. DOPO 48 ORE DI TERAPIA INTENSIVA CI HANNO CHIAMATO PER INFORMARCI CHE ERA TUTTO OK E SI TROVAVA IN REPARTO. L'ABBIAMO VISTA, STAVA BENE. IL SECONDO GIORNO SI ERA ALZATA, AVEVA FATTO COLAZIONE, AVEVA PRANZATO, MA LA SERA STESSA DOPO LA VISITA PARENTI SI E' SENTITA MALE.. (NESSUNA TELEFONATA PER INFORMARCI). IL GIORNO DOPO, ALL'ORA DELLE VISITE, CI DICONO CHE ERA DI NUOVO IN TERAPIA INTENSIVA E CHE ERA GRAVISSIMA. IL GIORNO DOPO ANCORA E' DECEDUTA... IN TUTTO QUESTO NON ABBIAMO RICEVUTO NESSUNA CHIAMATA. QUINDI PER NOI UMANITA' 0 DI TUTTO IL REPARTO DI CARDIOCHIRURGIA!

Patologia trattata
TRAPIANTO DELLA VALVOLA MITRALICA.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Reparto chirurgia

Sono stata operata per ben tre volte, ma mai un risultato! Il dott. Simone, oltre ad aver sbagliato l'intervento, mi ha fatto andare quasi ogni giorno a Bari da Mesagne (BR) per le medicazioni, che in realtà non erano necessarie e, nonostante io lo informassi che non c'erano miglioramenti, bensì peggioramenti, mi continuava a dire che tutto andava bene. Ho passato 45 giorni d'inferno tra medicazioni dolorose e stati d'animo a zero. Finalmente sono andata da un altro dottore, che mi ha detto ciò che pensavo, cioè che la fistola c'era ed anche più grande. Ora penso che la non riuscita di un intervento ci stia (anche se son tre), ma infierire no! Il dottore si doveva fermare e dire le cose come stavano! Io sono madre di tre figli, una di 2 anni, e non certo navigo nell'oro e mi ha fatto andare quasi ogni giorno a Bari inutilmente.

Patologia trattata
Fistola.
7 risultati - visualizzati 1 - 7  
 
 


Altri contenuti interessanti su QSalute