Istituto Neurologico Besta Milano

 
4.3 (170)

Recensioni dei pazienti

14 recensioni con 2 stelle

170 recensioni

 
(118)
 
(22)
 
(13)
 
(14)
 
(3)
Voto medio 
 
4.3
 
4.5  (170)
 
4.3  (170)
 
4.2  (170)
 
4.1  (170)
Torna alla scheda

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
14 risultati - visualizzati 1 - 14  
 
Per Ordine 
 
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Nessuna soluzione per i miei sintomi

Indico solo alcuni dei disagi avuti.
Visita neurologica con tanto di promesse di cercare di trovare una soluzione ai miei sintomi, successivi appuntamenti continuamente spostati e fissati in giorni in cui la dottoressa non era presente, quindi fatta un'iniezione di botulino da un altro medico che ha sbagliato il loco della puntura creando ulteriori problemi...

Patologia trattata
Paralisi VII nervo cranico, gastroparesi e altri sintomi a cui non sono stati capaci di dare una spiegazione.


Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Tumore intracranico - caso complesso

Scrivo questa recensione a più di 5 mesi dalla morte di mia figlia. Ho lasciato passare tempo per cercare di essere più obiettiva possibile. Scrivo il mio commento sperando che possa essere utile a qualcun´altro che disgraziatamente si trovi ad avere a che fare con la scelta di una struttura ospedaliera dove effettuare un intervento neurochirurgico quasi disperato. Dopo aver valutato alcune tra le migliori strutture europee in ambito neurochirurgico, abbiamo scelto il Besta in quanto il chirurgo (di cui non faccio il nome per rispetto) è stato l´unico a darci speranze sulla riuscita dell´intervento; inoltre, ha ottime referenze e un ottimo c.v.. Purtroppo mia figlia, affetta da un raro tumore intracranico scoperto per caso un mese prima, è deceduta dopo diverse ore di intervento. Non sono qui a discutere la bravura del chirurgo, in quanto esula la mia competenza (su questo si pronunciano i colleghi, e in modo positivo), nè il suo impegno nel salvare la vita di mia figlia durante l´operazione (non ero presente ma credo nella buona fede, fino a prova contraria). Contesto quanto segue, in ordine di importanza:
1.non ci è stato possibile donare le cornee di nostra figlia, in quanto "non era presente un protocollo" a riguardo.
2.l´anestesista, che non sapeva nulla del caso fino al giorno prima dell´operazione, si è pronunciato dicendo che "avremmo dovuto ripensarci e valutare di non operarla, viste le scarse possibilità di riuscita". Questo dopo essere venuti al Besta dall´estero (dove viviamo) e aver pagato un´ingente somma a tre zeri per poter permettere al chirurgo la scelta dell´equipe (ricovero in libera p.); e soprattutto dopo aver fatto tutto questo proprio per l´ottimismo del chirurgo stesso. Mi sono sentita presa in giro come cittadina e come madre.
3.mia figlia è stata addormentata davvero in malo modo, piangendo, e senza nemmeno poter finire la frase che ci stava dicendo. Potrete capire la tragedia, dato che non l´abbiamo mai più vista viva. Lo definisco indice di poca umanità e assenza di sensibilità ed empatia.
4.in generale, ho assistito a episodi che definisco di ben poca professionalità all´interno della struttura, quali: mia figlia ha eseguito un test doppler con un medico, assistito da un´infermiera che non sapeva come eseguirlo (mia figlia ha commentato: "secondo me mamma non dovrebbero fare esercizio coi bambini"_come darle torto!) e poggiando gli strumenti proprio accanto alla suola della sua ciabatta (strumenti che ho spostato io); durante la risonanza magnetica, l´addetto ascoltava musica tipo tecno, e quando ho chiesto se dovevo togliere gli anelli per tenere la mano di mia figlia mi ha risposto: "basta che non li schiaffi contro il magnete"_si commenta da solo; infine un medico, entrando nella stanza, ha rotto un piatto per errore, e, per poter ripulire i cocci, mia madre ha dovuto comprare scopa e paletta in negozio, dato che nessuna infermiera/inserviente ce ne ha portato una per ore.
5.ultimo ma non meno importante, durante l´operazione siamo stati assistiti da un sacerdote; questa persona, mentre noi davamo l´ultimo saluto a nostra figlia giunta in terapia intensiva, rideva e scherzava in una stanza accanto. Amara conclusione per un uomo di fede!
Certamente molti pazienti al Besta hanno trovato la salvezza e hanno avuto esperienze positive, purtroppo per noi non è stato così. Sottolineo nuovamente l´estrema rarità e complessità del caso.

Patologia trattata
Tumore intracranico - caso complesso.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Deludente

Visita prenotata da diversi mesi con la dottoressa Giovagnoli, appuntamento fissato per le 16.30. Partiamo la mattina alla buon'ora dal Gargano, per poi stare in attesa 1 ora e 40 minuti abbondanti oltre l’orario del nostro appuntamento. All’accettazione paghiamo la visita (€ 202). Mia mamma non ce la fa più ad aspettare. Mostro le mie rimostranze. Finalmente entriamo nell’ambulatorio. Durante la visita la dottoressa viene chiamata 3 volte al cellulare e per 3 volte interrompe la visita in corso. Chiude mettendoci alle strette, lamentandosi che non può lavorare in questo modo e che non ha più tempo per noi perché ha altri pazienti da visitare.
Spero che almeno la terapia funzioni.
Sinceramente non mi sono sentita trattata bene.

Patologia trattata
Disturbi della memoria.


Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Visita neurochirurgica

La dottoressa che mi ha vista NON mi ha visitata, in 15 minuti ha diagnosticato una patologia che già ho curato senza successo. Poi non mi ha lasciato un recapito per poterla eventualmente contattare...
170 euro, il viaggio da Savona e una giornata persa di lavoro.
Complimenti a questo istituto che dovrebbe essere l'eccellenza in Italia!!!

Patologia trattata
Non ancora definita. Dolore al gluteo irradiato all'inguine (esclusa patologia reumatica).
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Visita per sospetta epilessia

Abbiamo prenotato una visita a maggio 2017 per un bambino di 5 anni con sospetto di epilessia. Siamo stati visitati dal Prof. Veggiotti del Mondino di Pavia e, per avere un altro parere, ci siamo rivolti al Besta di Milano, ritenuto uno dei migliori in campo neurologico. L'unica ad avere disponibilità immediata era la dottoressa Battino. Abbiamo pagato 200 euro per non essere neanche guardati! Non si è neanche degnata di fare una visita neurologica al mio bambino e si è limitata a scrivere un riassunto della nostra storia e del parere del Prof. Veggiotti del Mondino, senza aggiungere un minimo parere personale e senza dare alcun tipo di consiglio di tipo diagnostico. Non pretendevamo chissà che, ma ci sembrava doveroso che quantomeno facesse almeno una visita neurologica a mio figlio! Quando le ho chiesto di visitare il bambino, mi ha risposto che le basta un semplice sguardo per capire se un bambino ha problemi neurologici. No comment.

Patologia trattata
Epilessia.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

REPARTO DI NEUROLOGIA

Nulla da dire sulla competenza dei medici e i chirurghi che sono attenti e scrupolosi, ma il reparto/degenza post-operatoria è davvero pessimo. Il reparto di Neurologia ha camere piccole, anguste, sovraffollate, squallide, sporchissime, quasi soffocante stare all'interno e, se apri le finestre, c'è un rumore costante e martellante proveniente dagli impianti della struttura. Poi si è senza tv, senza bagno in camera, con un unico bagno a metà corridoio in comune. Corsia mista (uomini e donne). Mi stupisce che una clinica così rinomata non stia attenta all'igiene. Personale infermieristico TOTALMENTE incompetente, talvolta si dimenticavano di portare la terapia, se suoni il campanello ripetute volte passa mezz'ora prima che qualcuno arrivi. E spesso rispondono alle domande sgarbatamente. Il personale del turno di notte totalmente assente. Ho ricoverato mio figlio al Besta per degli accertamenti, che sono solo parzialmente stati guariti con un intervento e una terapia. La donna della camera accanto con cui ho parlato, accertata la malignità del tumore, era in attesa da 15 giorni che la operassero. Assurdo.

Patologia trattata
GLIOMI.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Encefalomielite - Visita neurologica

Ho fatto una prima visita neurologica e sono uscita piangendo disperata. Zero tatto, zero umanità.

Patologia trattata
Encefalomielite.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
3.0

Intervento ernia

Sono stata operata il 24 febbraio 2016 per ernia L4-L5 praticamente inutilmente.
Primo, non mi è stata prescritta una semplicissima radiografia delle anche che avrebbe evidenziato una coxartrosi degenerativa all'anca sinistra.
Secondo, mi hanno fatta attendere oltre tre mesi per l'intervento, che non ha fatto altro che peggiorare la mia deambulazione che ora è assente e mi costringe su una sedia a rotelle in attesa di essere operata per protesi dell'anca.
Ho più volte chiesto aiuto al neurochirurgo che mi ha operata senza avere risposta. Grazie dott. Messina.

Patologia trattata
Ernia L4-L5.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Visita per angioma cavernoso frontale

Mi sono recata in questa struttura, e in modo particolare dal dottor Di Meco, consapevole della mia patologia e senza false illusioni. Pago 200 euro per 5 minuti scarsi di visita e con 2 ore di ritardo. Premetto che avevo già subìto un intervento (in altra struttura) un anno prima per un meningioma in fossa cranica posteriore di circa 7 cm. E che mi era stato diagnosticato un grosso angioma cavernoso frontale. Ho 36 anni.. so che ci sono patologie peggiori e io mi ritengo fortunata... ma credo di meritare un minimo di attenzione da un eminente luminare (anche perché ho pagato 200 euro, che io guadagno in una settimana). Quindi entro con mio marito, saluto, spiego brevemente la mia situazione con in mano una cartella clinica alta 2 cm. e una serie di esami (RMN, Tac ecc.). Il dottore mi interrompe dicendo "se il suo neurochirurgo è stato così bravo, perché non è andata da lui".. Dopodiché NON apre nemmeno la cartella clinica, inserisce il cd della RMN e dice "ah sì è un angioma cavernoso, è grosso ma io sono uno dei pochi in Europa che le dirà che è inutile intervenire, se lo tenga, vedo cose ben peggiori". Ma stiamo scherzando?? Ho 2 patologie cerebrali e questa è la risposta??
Esco piangendo.. e cercando scopro l'associazione italiana angiomi cavernosi, che è una rara malattia e come tale è classificata, che è pericolosa e può dare gravi danni, che l'intervento è rischioso ovviamente, ma che si può fare.
Vengo indirizzata agli Spedali Civili di Brescia dal prof. Fontanella: mi operano il 21 settembre. Ora sono passate 3 settimane e io sto bene.. mi hanno risposto, aperto il cervello e, se l'altra mia patologia non può essere guarita ma deve essere monitorata, questa lo è. Non ho più un angioma cavernoso con tutti i problemi correlati e STO BENE grazie alla competenza e umanità di medici che, ci tengo a dirlo, mi hanno visitata GRATIS, essendo una rara patologia, e soprattutto mi hanno GUARITA!!!

Patologia trattata
Angioma cavernoso frontale con interessamento del ginocchio del corpo calloso e voluminoso meningioma in fossa cranica posteriore.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Visita per problemi di memoria

Ho accompagnato mia madre ad una visita in libera professione dal dott. Tiraboschi, nome suggeritomi da un amico.
Motivo della visita: i problemi di memoria presentati da mia madre ottantacinquenne.
Costo della visita 200 euro.
Il dott. Tiraboschi non si alza dalla sua scrivania accogliendoci in un ambulatorio della struttura.
Fatica a salutarci, quasi disturbassimo.
Dopo una sicuramente professionalissima visita, conclude che mia madre ha problemi di memoria. Tra i vari consigli sull'alimentazione, aggiunge di fare almeno 30 minuti di camminata al giorno.
Forse non si era accorto, non avendo alzato lo sguardo, che mia madre, con il mio aiuto e quello di un bastone, aveva impiegato circa tre minuti per raggiungere la sua scrivania.
Dopo avere consigliato esami come una rachicentesi che solo lui fa soltanto per cercare i marcatori di degenerazione cerebrale, quindi inutili per la paziente, prende a pugni la stampante che non vuole saperne di funzionare.
Per stampare un referto inutile...

Patologia trattata
Visita per problemi di memoria in paziente 85enne.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Delusione

Prof. Angelo Franzini, Ho portato mia madre da Lei il dicembre scorso per un meningioma. Nel corso della visita, durata non più di 10 minuti, Lei ha solo confermato quanto scritto nella referto della risonanza, rassicurando che non c’era niente di preoccupante e di urgente e che pertanto si potevano tranquillamente aspettare i tempi tecnici di intervento da lei previsti, considerando le festività natalizie, in circa 60 giorni. La breve visita si è poi conclusa con prescrizioni di compresse di cortisone che, a suo dire, avrebbero permesso a mia madre un leggero recupero e le avrebbero comunque consentito di arrivare all’operazione in condizioni stabili e migliori; non ha accennato assolutamente ad eventuali e possibili crisi epilettiche solitamente frequenti in queste patologie. La visita, ripeto molto breve e asettica, si è conclusa senza che Lei ci fornisse riferimenti diretti a cui contattarla, probabilmente perchè era certo che mia madre non corresse pericolo alcuno e comunque non d’urgenza. In poche parole ha seguito un protocollo standard e di routine senza tenere conto non solo che ogni paziente possa avere reazioni diverse, ma che la patologia potesse, come purtroppo è accaduto, dimostrarsi molto peggio di quanto Lei avesse diagnosticato. Dopo le festività natalizie ho cominciato a sollecitare il ricovero perchè vedevo il peggioramento di mia madre, ma non ho avuto nessun riscontro alla mia preoccupazione, finchè il 20 gennaio scorso mia madre è stata ricoverata d’urgenza all’Ospedale Maggiore Di Parma con un quadro clinico ben diverso dal suo e in condizioni molto critiche, tanto da intervenire e operare con urgenza. Non Le sto ad elencare tutto ciò che è successo, ma le posso dire che grazie al dott. Filippi (Staff Prof. Giombelli) mia madre sta meglio, è ancora sotto cura ma salva e ringrazio solo e unicamente la neurochirurgia di Parma dopo l’esperienza negativa del BESTA. Cosetta Montecchi - Parma

Patologia trattata
Meningioma fronto parietale.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

500 chilometri PER NULLA!

AFFETTO DA POLINEUROPATIA EREDITARIA, HO FATTO 500 KM. PER NULLA.
AMBIENTE ANGUSTO, SI ENTRA CON IL NUMERO (COME AL SUPERMARKET) E POI 5 MINUTI DI VISITA
E QUESTI SAREBBERO I MIGLIORI?

Patologia trattata
POLINEUROPATIA SENSITIVO MOTORIA.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

VISITA PRIVATA

VOLEVO RACCONTARE LA VISITA CHE DUE SETTIMANE FA E' STATA FATTA AL BESTA A MIO FIGLIO DI 12 ANNI. HO PRENOTATO LA VISITA PERCHE' A MIO FIGLIO E' STATA TROVATA UNA PICCOLA CISTI NEL CERVELLETTO. L'APPUNTAMENTO ERA PER LE ORE 18,00 E SIAMO ENTRATI ALLE 19,45 (VISITA PRIVATA, COSTO 200€).
SIAMO ENTRATI IN QUESTA STANZETTA BUIA IN CUI IL DOTTORE CI HA ACCOLTO DICENDOCI "COSA SIETE VENUTI A FARE??!", SENZA LEGGERE LA CARTELLA MEDICA CON GLI ESAMI DI MIO FIGLIO, HA INSERITO IL CD DELLA RISONANZA E NON E' RIUSCITO A DARCI NESSUN PARERE IN MERITO ALLA CISTI E, SENZA NESSUN GENERE DI VISITA AL BAMBINO, DOPO 10 MINUTI CI HA LIQUIDATI DICENDOCI CHE AVREBBE FATTO VEDERE IL CD AI RADIOLOGI E CI AVREBBE DETTO DI PIU'. E' VERAMENTE RIDICOLO SPENDERE TUTTI QUESTI SOLDI PER ESSERE TRATTATI IN MALO MODO E NON AVER NESSUN RISCONTRO DA PARTE DEL MEDICO.
DOPO 2 SETTIMANE SIAMO IN ATTESA DELLA TELEFONATA DEL DOTTORE.

Patologia trattata
CISTI CEREBELLARE.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Pessimo servizio di accoglienza

Ho telefonato al reparto di NEUROLOGIA DELLO SVILUPPO per avere delle prime informazioni per una visita cui avresi voluto sottoporre mio figlio di 3 anni.
Non conoscendo nessuno in questa struttura e dovendo affrontare col bambino un lungo viaggio, volevo prepararmi bene per non fare una fatica inutile.
L'addetta che mi ha risposto mi ha dato informazioni superficiali ed inutili al limite del ridicolo, non rispondendo con la dovuta professionalità alle mie domande. Inoltre è stata frettolosa e scostante.
Secondo lei avrei dovuto fissare una visita con un neuropsichiatra qualsiasi senza poter sapere prima se chi avevo difronte era idoneo a trattare il mio caso, del tipo "intanto venga poi si vedrà al momento...."
Se è vero che tutti i neuropsichiatri sono uguali, resto nella mia città.

Pessimo servizio di accoglienza e informazione agli utenti.

Patologia trattata
Leucomalacia periventricolare.
Punti di forza
essere a Milano.
Punti deboli
le relazioni con il pubblico.
14 risultati - visualizzati 1 - 14  
 
 


Altri contenuti interessanti su QSalute