Istituto Neurologico Besta Milano

 
4.3 (170)

Recensioni dei pazienti

13 recensioni con 3 stelle

170 recensioni

 
(118)
 
(22)
 
(13)
 
(14)
 
(3)
Voto medio 
 
4.3
 
4.5  (170)
 
4.3  (170)
 
4.2  (170)
 
4.1  (170)
Torna alla scheda

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
13 risultati - visualizzati 1 - 13  
 
Per Ordine 
 
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Neurologia 10 - sospetta schwannomatosi

Nulla da dire sulla professionalità, cortesia e assistenza da parte del personale medico (dott. Davide Pareyson, dott. Ettore Salsano); tutto il contrario per quello che riguarda il personale infermieristico (non OSS e pochissime infermiere), che ho trovato altezzoso, spocchioso, mai un grazie o un prego, rispondono in modo svogliato se chiedi i tuoi farmaci ecc ecc.
Altra nota dolente é che, dopo che mi è uscita un'eruzione cutanea in volto il 5° giorno che ero ricoverato, con bruciori assurdi, ho dovuto far andare in farmacia mia sorella a comprare i medicinali perché loro non li avevano. La domanda che sorge spontanea é: ma se non ci fosse un parente da delegare, come si sarebbero arrangiati?

Patologia trattata
Possibile schwannomatosi.


Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Visita "non visita"

Molto semplicemente mi sono recato al Besta per una prima visita. La dottoressa, dopo avermi fatto aspettare 30 minuti durante una visita, si attarda altri 10 minuti a parlare in corridoio con i pazienti che erano prima di me. Mi fa quindi entrare e dopo l'anamnesi mi prescrive un accertamento diagnostico e poi mi fa uscire senza neanche visitarmi nè fare alcuna valutazione neurologica. Sarà prassi, ma non mi pare corretto. Essendo una prima visita, non avrebbe dovuto fare una valutazione generale o forse fare visite col SSN vale meno che da privati? Sono sconcertato... eppure ho sempre avuto fiducia del Besta.

Patologia trattata
Fascicolazioni.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Blood patch per ipotensione liquorale

Dopo essere stato ricoverato 2 mesi in un altro ospedale, dove si è arrivati alla diagnosi di ipotensione liquorale spontanea, l'unica terapia prevista era l'idratazione e il clinostatismo. Vista l'inefficacia della terapia, dopo essermi messo in contatto con i neurologi del Besta, ho subìto il blood patch con un notevole miglioramento immediato.
Tuttavia ad oggi, ad una settimana dall'intervento, sono ancora presenti i mal di testa quotidiani, anche se riesco a tenerli sotto controllo con gli antidolorifici (cosa che prima del blood patch era impossibile).
Volevo però chiedere a chi avesse fatto lo stesso tipo di intervento, o a dei dottori: dopo quanto tempo dovrebbero sparire completamente i mal di testa?

Patologia trattata
Ipotensione liquorale spontanea.


Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Paziente abbandonato a sè stesso

Prenoto una prima visita per mio papà, che ha ricevuto diagnosi di Parkinson in data 18.06.2019, con la Dott.ssa Devigili. Durante la visita la dottoressa è stata molto scrupolosa, ne siamo rimasti soddisfatti. Iniziata la nuova cura durante l'estate, abbiamo avuto un dubbio sul dosaggio del farmaco e ho contattato diverse volte la segreteria per ricevere una conferma dalla dottoressa (ebbene si, il paziente non è in possesso del numero della dottoressa, ma può contattare la segreteria o scrivere email). Ad oggi, a distanza di un mese, ancora non ho ricevuto una risposta. Vista l'assenza di comunicazione tra medico e paziente, siamo costretti a cambiare struttura. Il medico dovrebbe rappresentare una persona di riferimento e di fiducia per il paziente.

Patologia trattata
Parkinson.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Prima visita in intramoenia

Il 21 gennaio 2019 ho portato mio figlio dalla dottoressa Dina Battino in intramoenia per una visita. Vi racconto la mia storia: nel mese di novembre mio figlio di 12 anni ha avuto una crisi in sonno e, conoscendo la fama dell'istituto Besta, ho deciso di portarlo nel posto che più mi dava fiducia, anche perché volevo un secondo parere. Durante la visita la dottoressa ha guardato i referti redatti dall'altro medico e quando le ho chiesto di guardare i tracciati e la risonanza magnetica, mi ha detto che non era necessario e che potevamo tornare in Sicilia a farci seguire in strutture presenti nella nostra zona e fare aumentare la dose della medicina. .

Patologia trattata
Epilessia generalizzata.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Visita per disturbi del movimento

Scarsa attenzione verso il paziente e sua anamnesi, visita privata sufficiente.

Patologia trattata
Disturbi del movimento.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Decompressione lombare - Dott. Prada Francesco

Ho subìto un intervento lombare delicato. Sono stata seguita dal dottor Prada Francesco, medico di elevata preparazione professionale, capace, che si relaziona con umanità e rispetto con il paziente. Tanti dovrebbero prendere esempio da questo medico spettacolare. Grande dottor Prada. Mi resterà di lui un ricordo indelebile. Nel momento in cui ci si ritrova in una fase di malattia, gratifica sentirsi considerati, ascoltati, e ricevere un sorriso in più, oltre ribadisco alla bravura. Lui eccelle in questo. Grazie dottore.
Un ringraziamento va anche a tutta l'equipe reparto "sala operatoria". Nel momento in cui sono entrata mi sono sentita subito al sicuro, sembrava un altro pianeta rispetto all'equipe infermieristica, caposala compreso, i quali hanno dimostrato di essere poco sensibili nei confronti di noi pazienti, ci hanno fatto sentire una nullità (per non parlare delle battute sarcastiche).
Conclusioni: l'equipe medica eccelle ed è l'anello portante della sopravvivenza dell'istituto BESTA! Il dottor PRADA FRANCESCO lo porto nel cuore. Non permettete ad una equipe infermieristica inefficiente di portarvi via ciò che avete costruito con la vostra professionalità. Sarebbe un peccato..
Cordiali saluti.

Patologia trattata
Decompressione lombare.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
4.0

Agosto: quando i gatti mancano i topi ballano

Medici molto competenti.
OSS molto presuntuosi.
Pulizia zero assoluto.

Patologia trattata
Angioma.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

REPARTO NEUROCHIRURGIA DOTT. SAINI

Dò a questo reparto una lode per quando riguarda i neurochirurghi, la loro eccellente preparazione va sottolineata, in particolare un grazie al dott. Marco Saini, che mi ha fatto rinascere per la seconda volte e, pur essendo un'operazione rischiosa, ne sono fortunatamente uscita vincente...
Il Besta è in eccellenza in questo campo!
Non posso dire la stessa cosa per quanto riguarda l'assistenza e la coordinazione del personale infermieristico.. un disastro!!!!

Patologia trattata
MENINGIOMA TUBERCOLO SELLARE.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Non dalla psichiatra, ma da un BUON Medico!

So perfettamente che l'Istituto BESTA è un fiore all'occhiello della Sanità italiana, per me era come una luce in fondo al tunnel quando presi l'aereo dalla Sardegna con ottimismo e speranza, convinta che al BESTA avrei trovato le risposte e le cure ai miei seri problemi. Malauguratamente per me, non è stato affatto così! Purtroppo io ne ho riportato un'esperienza sgradevole, avvilente e mortificante. Dopo anni di malessere profondo dovuto alle mie molteplici discopatie e artrosi degenerative, prendo in considerazione il consiglio dei medici della Terapia del Dolore di un'altra struttura ospedaliera e chiedo una visita privata con uno specialista del Besta. L'appuntamento mi viene fissato a distanza di un mese e nel frattempo stavo sempre più male, il mio sistema immunitario era impazzito: infezione al nervo sub-oculare con violento mal di testa, crampi muscolari e nervosi diffusi, Erpes Zoster, erpes simplex a non finire, capogiri, perdita di sensi, amnesie, fitte dolorosissime su tutto il corpo, difficoltà nel coordinare i movimenti e varie cadute per mancanza di equilibrio, calo di peso (6 kg. in poco più di un mese..). I miei familiari preoccupati e inermi. Finalmente arriva il giorno della visita specialistica al Besta. Porto con me tutte le documentazioni come mi vennero richieste telefonicamente: RM, TAC, LASTRE, ECOGRAFIE, analisi del sangue, insomma, tutto ciò che testimoniava la mia patologia, che si andava aggravando ogni giorno di più. Arrivo al Besta, pago la visita e aspetto. Il Dottore è in ritardo, pazienza... noto che noi pazienti "paganti" siamo tanti, aspetto d'essere chiamata. E finalmente eccomi seduta di fronte al Dottor Ettore Salsano. Non si scusa per il ritardo, fa niente, sto troppo male, ho bisogno d'aiuto... Mi guarda con distacco mentre mi dice "mi dica, mi descriva i suoi malesseri". Io comincio ma per non rubargli troppo tempo, accenno a porgergli i dischetti con le varie RM, Tac, Radiografie, perchè così il Dott. avrà una visione più chiara e precisa della mia patologia (penso...), ma vengo subito bloccata: "Questi non mi interessano, mi descriva i suoi malesseri". Allora continuo, il Dott. non mi guarda, ho come la sensazione di parlare per me stessa... nel frattempo scrive al pc, mi chiede età, lavoro, famiglia, marito, luogo di residenza. Gli sto chiedendo aiuto, sono venuta dalla Sardegna piena di speranza e ottimismo... ma il Dott. non mi guarda neppure un attimo, scrive... e continua a non voler vedere tutti gli esami che ho appoggiato sulla scrivania. Mi invita ad alzarmi, solita prova dei riflessi, stare in equilibrio su una sola gamba, portare il dito destro al naso, poi quello sinistro; e forse son passati 5 minuti... Si risiede e ancora senza mai guardarmi mi dice: " Io non credo che lei abbia qualcosa, se stesse così male non avrebbe potuto prendere l'aereo dalla Sardegna ed arrivare fin qui a Milano... Non credo che abbia tutti i malesseri di cui mi parla... Lei soffre soltanto di crisi di panico... Non credo che abbia tutti questi malesseri. Non ho nessuna diagnosi da farle, lei ha soltanto crisi di panico e io le consiglio soltanto uno psichiatra, e nel frattempo mi raccomanda vivamente un solo nome; stesso nome mi viene sottolineato nel foglio di "NON" diagnosi. Subito dopo mi indica con durezza l'orologio al suo polso e "Il mio tempo per lei è scaduto da un bel pò (ero entrata mezz'ora prima). Io esito, sono sconcertata e incredula, il Dottore si dirige alla porta, la apre e con espressione ostile me la indica con la mano "si accomodi, arrivederci". Oggi, dopo due mesi dall'incontro col Dottore che NON ho avuto il piacere d'incontrare, sono in lista prioritaria per un intervento alle vertebre L-S che comprimendo la sacca del midollo mi stanno arrecando una buona parte di quei troppi malesseri e conseguenti infezioni che inutilmente ho cercato di spiegargli... O forse è meglio che vada dalla psichiatra? Ero ammalata e lei mi ha umiliata!

Patologia trattata
Discopatie e artrosi degenerative.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Sanità Lombarda fiore all'occhiello della sanità..

Sul sito i tempi medi di attesa per prima visita neurologica sono 87.
Ho prenotato una prima visita al reparto Epilessia col servizio sanitario = prima data utile APRILE 2015.
Solo per riuscire a farlo telefonicamente ci ho messo 3 giorni, perché tutti gli operatori sono sempre occupati.
L'ho fissata con la libera professione = 15 giorni, costo € 250, ma quando una settimana dopo l'ho disdetta, la prenotazione non risultava.
COMPLIMENTI A TUTTI.

Patologia trattata
EPILESSIA.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

1 anno dopo l'intervento, quasi il mio compleanno

un anno fa sono stata operata (7 ore di intervento), dopo che mie era stato diagnosticato un glioblastoma multiforme; mi ha operato il dott. Di Meco con tutto il suo splendido staff, giovani entusiasti del proprio lavoro. Dopo tre giorni sono stata dimessa e al di là della notizia oggi sno viva.. Certo, c'è da dire che la dr.ssa Milanesi, con il dott. Salmaggi dr.ssa Ferrari ed il dott. Prodi, mi marcano stretta, mi chiedono sempre di lottare con le mie forze, ma non so cosa mi accadrà domani, so solo che devo dirvi grazie , non fermatevi mai vi prego..!!! Voglio ringraziare anche lo staff della radioterapia, tutti, Walter.., Giuditta seg. neuroncologia, Epifani che mi aiuta durante le lunghe risonanze e tutti quelli che tutti i giorni alla nostra paura rispondono con un sorriso!!! GRAZIE.

Patologia trattata
Glioblastoma Multiforme.
Punti di forza
competenza dei medici.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Assente assistenza post operatoria

A metà maggio 2011 sono stato operato privatamente (a pagamento) dal Dr. Stefano Brock e regolarmente dimesso dopo 3 giorni di ricovero, intervento compreso. Il grave dolore di sciatica di cui soffrivo ormai da parecchi mesi prima dell'intervento, è stato superato. Però è subentrato subito (appena tre -quattro giorni dopo l'intervento) un fortissimo dolore di tipo diverso, anche se situato allo stesso livello del punto operato. Da questo momento in poi mi sono sentito abbandonato, non creduto e direi deriso. Ero bloccato a letto con dolori peggiori di quelli pre-operazione. Il collegamento telefonico con il Dott. Brock era filtrato malamente dalle sue segreterie. Quando e se mi richiamava, insisteva perchè non fossi assillante. Il tono era di chi dice al paziente di sopportare i dolori normali del post operazione. Solo dopo 20 giorni e dietro mia insistenza, mi fa fare una TC lombosacrale, dalla quale la recidiva non viene evidenziata. I dolori continuano fortissimi e sono bloccato a letto. Sempre non creduto insisto per una visita ulteriore. Dopo oltre un mese dall'intervento, quando quasi svengo dal dolore nel reparto dove faccio una risonanza magnetica, finalmente mi viene diagnosticata la recidiva ernia L3-L4 causa del mio stato. Ancora non incontro Brock, che solo per telefono mi dice finalmente che ho ragione, mi cambia cura in funzione dell'ernia recidiva e non più in funzione di normali dolori post-operatori. Mi dice anche che mi deve rioperare subito e di urgenza, e che non mi avrebbe fatto pagare la sua parcella per il nuovo intervento. Dice che SICURAMENTE mi richiamerà fra una settimana, e da allora non ho più avuto il bene di sentirlo. Nel frattempo mi sono fatto visitare privatamente da un primario neurochirurgo del Galeazzi di Milano, il quale (chirurgo) mi sconsiglia assolutamente di operarmi nuovamente. Seguendo il suo consiglio, ho iniziato a fare piano piano della ginnastica anche in acqua e solo a Settembre ho potuto nuovamente guidare, muovermi e sedermi su una poltrona!! Oggi cammino, nuoto, vado in palestra, guido e conduco una vita attiva e normale. Nulla da dire quindi sulla competenza del Besta e del Dottor Brock (non ne ho titolo), però sentirsi uno scocciatore solo perchè si sta male non è bello. Assistenza e organizzazione: punteggio minimo. Inoltre ho chiaramente percepito una mancanza di "spirito di gruppo" fra personale infermieristico- segreterie e dottore. Spero di essere il solo con una esperienza così.

Patologia trattata
Ernia del III disco lombare a destra e successiva recidiva.
Punti di forza
Il dolore sciatico a destra oggetto dell'intervento è sparito.
Punti deboli
recidiva L3-L4 quasi immediata e non identificata prontamente.
13 risultati - visualizzati 1 - 13  
 
 


Altri contenuti interessanti su QSalute