Oncologia Ematologia Istituto Humanitas

 
4.2 (9)

Recensioni dei pazienti

9 recensioni

 
(6)
4 stelle
 
(0)
 
(3)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.2
 
4.1  (9)
 
3.8  (9)
 
4.8  (9)
 
4.2  (9)
Torna alla scheda

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
9 risultati - visualizzati 1 - 9  
 
Per Ordine 
 
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

RICOVERO ONCOLOGIA

Desidero ringraziare il reparto di Oncologia per la professionalità, l'assistenza e le cure ricevute nelle mie 3 settimane di degenza.
In particolare ringrazio la dottoressa Licia Siracusano, la dottoressa Giovanna Masci e la dottoressa Agnese Losurdo.
Ringrazio gli infermieri Edoardo, Alessio e Chiara.
Ringrazio gli OSS Gioele, Larisa e Giovanna.

Patologia trattata
Progressione metastasi k mammario.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

COMPETENZA E UMANITÀ

Sono stato curato e assistito dalla dottoressa Rita Mazza con estrema attenzione, disponibilità, competenza e tanta umanità.

Patologia trattata
MIELOMA MULTIPLO.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

COMPETENZA ED UMANITA'

MIO MARITO E' AFFETTO DA LINFOMA NON HODGKIN DAL 2010 ED E' STATO SEGUITO INIZIALMENTE DALLA DOTT.SSA BALZAROTTI, ATTUALMENTE DAL DOTT. CASTAGNA ED IN ENTRAMBI I CASI ABBIAMO TROVATO PROFESSIONALITA' MA, SOPRATTUTTO, UN'ATTENZIONE PARTICOLARE PER IL PAZIENTE CHE CI HA CONFORTATO ED AIUTATO A SUPERARE MOMENTI DIFFICILI.
OGNI VOLTA CHE SI SONO MANIFESTATI DEI PROBLEMI, IL DOTT. CASTAGNA SI E' SEMPRE RESO PRONTAMENTE DISPONIBILE. UN GRAZIE DI CUORE ANCHE AI SUOI COLLABORATORI ED A TUTTO IL PERSONALE, CHE NON HA MAI MANCATO UN SORRISO ED UNA PAROLA DI CONFORTO.
IO NON POSSO CHE ESPRIMERE UN GIUDIZIO ALTAMENTE POSITIVO.
GRAZIE ANCORA..

Patologia trattata
LINFOMA NON HODGKIN.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Complimenti

Dopo 9 anni sono ancora qui!! Il merito sarà di qualcuno? Grazie a tutto il reparto di ematologia e un grazie particolare alla mia dott.ssa Monica Balzarotti.
Ospedale con struttura e personale encomiabili.

Patologia trattata
Linfoma non hodgkin.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Chi ben comincia è a metà dell'opera

Sono appena all'inizio del percorso e aver iniziato col Prof. Carlo Stella e' stato per me fondamentale per iniziare a tracciare una strada. In questi percorsi la differenza la fanno le persone. Consigliatissimo.

Patologia trattata
Linfoma NH.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Struttura rara

Struttura ben organizzata e di facile accesso. Personale qualificato e gentile. Brevi tempi di attesa per le pratiche burocratiche. Da evidenziare la dott.ssa De Sanctis Rita, disponibile anche di notte. Giudizio un po' meno positivo verso l'ufficio per le relazioni con il pubblico e lo sportello dove si paga il parcheggio. Per il resto, ripeto, esperienza più che soddisfacente.

Patologia trattata
Cancro.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Glioblastoma fatale, cure solamente standard

Dopo l'intervento di craniotomia per un glioblastoma multicentrico, ci siamo appoggiati alla stessa struttura per le cure oncologiche e ci hanno ampiamente delusi. In reparto ci era stata prospettato una cura oncologica personalizzata, mentre in realtà è stato applicato il protocollo standard come in tutta l'Europa, anzi, c'era molta resistenza a personalizzare il trattamento. Mio marito (giovane!), ormai deceduto dopo soli 6 mesi dall'intervento, è stato trattato con Temodal, che non ha fatto alcun effetto su di lui, dopo 3 mesi dall'intervento c'erano già nuovi focolai ovunque e il tumore, che non era stato asportato completamente in quanto impossibile, stava già passando dall'altra parte dell'emisfero cerebrale, aveva attaccato il ponte e si era come un polipo sparso un po' dappertutto; quindi, anche a noi che non siamo medici ma siamo persone che si sono informate, hanno sentito altre opinioni di altri centri oncologici anche all'estero, era palese la totale impossibilità di miglioramento. Nonostante avessimo, in assenza del malato, parlato molto chiaramente agli oncologi chiedendo di fare maggior chiarezza con noi famigliari, nessuno di loro ha avuto il coraggio di dire le cose come stavano. Le risposte ricevute erano sempre nebulose e vaghe, tante ipotesi, tanti "non si può dire o sapere", tanti "potrebbe essere che...", tanto fumo e basta. Oltretutto devo sottolineare che gli oncologi presenti in Humanitas all'epoca non erano specializzati sui tumori al cervello, ma su altri tipi di tumori. Non esisteva in quel momento un oncologo dedicato con esperienza solo nell'ambito neurologico e tumori cerebrali. Durante il percorso di trattamento (totalmente inutile) abbiamo chiesto di introdurre il farmaco CCNU (Lomustina), di provare il TTF, di provare terapie alternative in addizione al classico Temodal - cose che vengono fatto normalmente all'estero ma all'Humanitas no. Si fanno tanta pubblicità con le nanoparticelle killer dei tumori, ma in realtà non sono nemmeno ancora disponibili, lo studio è ancora indietro. Insomma, la reazione degli oncologi a proposte diverse dallo standard era molto negativa, ci siamo trovati un muro contro... o così o andate da un'altra parte.
Solamente a 8 settimane prima del decesso di mio marito, hanno incaricato uno specializzando (?) di comunicarmi via telefono (dopo diverse sfuriate mie al pronto soccorso) che ormai il tempo rimasto sarebbe stato molto molto poco. Anche il "calcolo" del tempo da parte loro è stato fallimentare, a metà gennaio ci hanno detto 15 mesi, ad inizio maggio ci hanno detto massimo massimo 6-8 settimane. Poi il triste ed antipatico compito di comunicare questa notizia a noi famigliari è stato affidato al più giovane, al più inesperto, al (ancora) più umano e gentile di loro, il Dr. Persico, che è stato l'unico in assoluto a comportarsi sempre in modo molto molto umano, gentilissimo, educatissimo e persino affettuoso con noi. E' stato anche l'unico da cui ho percepito sincero dispiacere per la situazione. Tutti gli altri hanno fatto sentire mio marito come un numero anonimo. Se dovesse capitare nuovamente un caso in famiglia che ha bisogno dell'oncologia, andrei da un'altra parte, per quella che è stata la nostra esperienza, non è valsa la pena fare tantissimi km. per andare a Rozzano.

Patologia trattata
Glioblastoma.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Umanità un optional

Non voglio esprimere un giudizio sul reparto ma su un medico, la dott.ssa Balzarotti, a causa della quale mi rivolgerò ad un'altra struttura. Visita a pagamento, per niente disponibile all'ascolto, zero umanità. In sede di visita mi dice che posso contattarla via email, le invio delle analisi mancanti come d'accordo e non ha mai risposto. Dopo due giorni la incontro in ospedale e cerco di chiederle un'informazione importante perché mi hanno appena diagnosticato un carcinoma, e mi risponde che non si ricorda chi io sia e va via senza, di nuovo, ascoltare. Non so quanto valga professionalmente, ma a questo punto non mi interessa.

Patologia trattata
Gammopatia monoclonale.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Epatocarcinoma

Troppo lenti.. Anche se mia mamma aveva una patologia grave, non dovevano farla andare avanti e indietro per niente dandole speranza; poi tolta bruscamente perché ormai era tardi.. Abitando noi lontane, esami su esami invasivi e poi, ripeto, per niente.. Poca umanità.

Patologia trattata
Epatocarcinoma.
9 risultati - visualizzati 1 - 9  
 
 


Altri contenuti interessanti su QSalute