Ostetricia Ospedale Umberto I Torino

 
3.3 (16)

Recensioni dei pazienti

6 recensioni con 2 stelle

16 recensioni

 
(7)
 
(1)
 
(1)
 
(6)
 
(1)
Voto medio 
 
3.3
 
3.4  (16)
 
2.9  (16)
 
3.6  (16)
 
3.3  (16)
Torna alla scheda

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
6 risultati - visualizzati 1 - 6  
 
Per Ordine 
 
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Esperienza negativa

Sono stata visitata per la prima volta in questo reparto sabato scorso in seguito ad un accesso al pronto soccorso per una vulvovaginite.
Purtroppo la mia esperienza è stata pessima in quanto, nonostante avessi fatto presente al medico che mi ha visitato il dolore e il bruciore che avevo (linfonodi gonfi all'inguine, 37 e 4 di temperatura, non riuscivo a stare seduta ed avevo dolore anche a camminare,) lui mi ha praticamente detto di non fare storie e mi ha trattato in maniera seccata..
Al mio rifiuto di continuare la visita interna poiché il mio dolore era diventato insopportabile, lui ha alzato la voce e mi ha detto che se non poteva continuare la visita, allora mi avrebbe dimesso con un batteriologico vaginale da fare; in quel caso avrebbero usato lo speculum e allora avrei avuto ancora più dolore, così non mi sarei più lamentata della visita!
Alla mia richiesta di dimettermi con qualche terapia dal momento che avevo molto dolore, lui mi ha fatto presente che era lui il medico e che decideva lui cosa prescrivere e cosa no.
A questo punto ho deciso di fare entrare mio marito che attendeva fuori. Improvvisamente il tono di voce del medico si è pacato. Mi ha dimesso con un batteriologico vaginale da fare e con un gel contro la secchezza vaginale e mi ha fatto presente che avrei dovuto ancora ringraziare dal momento che in pronto soccorso mi avevano assegnato un codice bianco e che lui invece mi aveva dimesso con uno verde, così non avrei dovuto neanche pagare il ticket (cosa da me per niente contestata).
L'infermiera, non presente alla visita ma entrata in un secondo momento insieme a mio marito, ha riferito che non avevo certo da lamentarmi dal momento che quello era uno dei medici migliori del reparto!
Senza voler esprimere giudizi sulla competenza medica, ovviamente il gel contro la secchezza vaginale - pur essendo utile - in una fase così acuta non mi ha risolto il problema. Problema che ho poi risolto rivolgendomi ad un altro medico.

Patologia trattata
Vulvovaginite.


Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Mai Più

Sono Sara,
ho partorito al Mauriziano il 15 Febbraio del 2014.
Credo che la cosa più difficile da affrontare non sia stata nè il parto, nè il post-parto, ma tutto ciò che è successo durante e dopo il parto sia a livello di competenza professionale che di gentilezza e comprensione "umana" da parte del personale medico, ostetrico, infermieristico e oss.
Senza andare per le lunghe, mi hanno indotto il travaglio, perchè oltre il termine, con gel.
Mi hanno lasciata sola in travaglio a camminare in corridoio.
Non c'è una ostetrica che ti prende in carico ma capiti con chi trovi.
A travaglio avviato ti lasciano in un camerino... sola con tuo marito e premetto col dire che 'sto stanzino, che somiglia ad uno sgabuzzino, si trova vicino la sala visite dove ci sono tutte le altre donne che si recano lì per visite di routine.
Per cui vi lascio immaginare cosa vedono e cosa sentono...
Mi han rotto le acque a sei centimetri senza motivo, convinte che essendo il secondo figlio avrei partorito velocemente; peccato che sono stata una ora e mezza in sala parto a spingere dopo avermi aiutato a dilatare velocemente con ossitocina, pur non sentendo le spinte.
Alla fine ho chiesto il cesareo per i dolori lancinanti e perchè non sentivo progredire il mio bambino. Oltre allo sfinimento e alla fatica... dopo il cesareo mi hanno trattata male facendomi sentire in colpa per quello che era successo, il personale mi faceva battute ed era scortese..
Comunque alla fine la mia ginecologa, dopo che le presentai il referto delle dimissioni, mi disse che il bambino trovandosi in presentazione cefalica sacrale, ed essendo molto grosso, non poteva che finire in cesareo.
Ma questo in Ospedale non mi è mai stato detto.

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Come mi sono trovata

Ho partorito al Mauriziano, sono Cristina e mi sono trovata male durante il travaglio perchè non ti aiutano per niente; inoltre anzichè tagliare un po' loro mi hanno fatto rompere tutta.. Ho partorito l'anno scorso, ho avuto 12 punti, un ematoma eccetera. L'unica cosa positiva è che tengono i bambini se vuoi la notte sino alle 5.30 del mattino. Per il resto non mi sono trovata per niente bene, assistenza scarsa e ridotto l'orario di entrata per il compagno o marito - è dalle 7.00 alle 8.00 e dalle 12.30 alle 20.30; mentre i parenti stretti dalle 19.00 alle 20.30 e basta.
Il primo giorno hai tanto bisogno di aiuto, al mattino specie se il bebè nasce di notte, e non c'è nessuno.. Personalmente non ci andrò più. Auguri a tutte voi, spero vada tutto bene.

Patologia trattata
Parto.


Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Parto luglio 2010

Ho partorito a 36 settimane + 3 giorni con rottura prematura delle membrane. Ho avuto un travaglio velocissimo senza induzione, ma purtroppo al momento del parto si è presentata una complicazione (doppio funicolo intorno al collo del bambino e rotazione sacrale dell'occipite). Il mio bimbo è nato con il forcipe, dopo un doppio tentativo di estrazione con ventosa ed episiotomia. Fin qui nulla da dire, sebbene sia stato un evento traumatico. Il problema è sorto a partire dal giorno successivo ,quando ho iniziato a non stare bene, ma nessuno sembrava interessarsi al mio dolore fisico, classificandolo come depressione post partum... Poi in settima giornata febbre a 40 e dopo varie a analisi ecco la diagnosi: sepsi puerperale. Completamente assente l'assistenza all'allattamento e inoltre, cosa secondo me incresciosa, hanno lasciato il bambino solo in camera mentre io ero presso altro reparto per ulteriori accertamenti.

Patologia trattata
Parto naturale con complicazioni.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Mai più

Cosa dire... dopo avermi indotto il parto per ben 3 volte e avermi rotto le acque, finalmente sono entrata il travaglio ma... alle 16.00 il ginecologo non si accorge che il bimbo aveva il cordone intorno alla gola e così contino il mio travaglio da sola, perchè non hanno voluto far rimanere mio marito. Alle 21.00, dopo cambio turno, la nuova ginecologa si accorge del cordone ed immediatamente mi porta in sala operatoria dove fanno nascere il bimbo con parto cesareo. Visto che ero infermiera, non si sono curate dell'allattamento... pensando che sapessi tutto... e dopo 2 giorni dal parto hanno deciso bene di dimettermi! Bella esperienza.. Meno male che il bimbo era ed è sanissimo.

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

parto anno 2011

Ho partorito il mio primo bimbo in questo reparto, nello stesso ospedale dove ho lavorato per 12 anni, sicura di essere "come a casa". Il ricordo che ho di quest'esperienza, che doveva essere la più bella, è invece bruttissimo! Sarà perchè il mio bimbo è nato all'inizio di agosto... ma... giustificazioni a parte, dopo avermi indotto le contrazioni e iniziando il travaglio verso la mezzanotte, sono stata lasciata sola contorcendomi dal dolore per tutta la notte; l'ostetrica non mi ha assistita per nulla, neanche dopo le mie ripetute richieste d'aiuto. Non ha voluto chiamare il mio compagno perchè diceva che non ero in travaglio. Avete idea di cosa significhi essere al primo parto da SOLE SENZA ASSISTENZA??? Finchè il mio bimbo ha iniziato a soffrire, allora il ginecologo ha deciso per un cesareo d'urgenza in anestesia generale (La decisione era corretta ma sono sicura che se avessi avuto un'assistenza competente da parte di un'ostetrica professionale, avrei avuto un parto naturale, come desideravo). Nel post-partum l'assistenza è stata pessima. Dimessa con infezione alle vie urinarie, la ferita si è riaperta e per finire una bella raccolta addominale. E tutto ciò con un bimbo di cui prendersi cura. Fortunatamente al nido erano molto preparati e competenti. Personalmente, mai più al mauriziano!!!

Patologia trattata
parto.
6 risultati - visualizzati 1 - 6  
 
 


Altri contenuti interessanti su QSalute