Ospedale Niguarda Milano

 
3.8 (27)
Scrivi Recensione

Giudizio dei pazienti

Voto ospedale
 
3.8 (27)
Voto reparti
 
4.5 (900)
Indirizzo
Piazza Ospedale Maggiore 3, Milano
L'Ospedale Niguarda Ca' Granda è situato a Milano in Piazza Ospedale Maggiore 3. La struttura, tra i più attivi Centri Trapianti in Italia, è articolata in 70 strutture di ricovero con oltre 200 ambulatori ed è un Ospedale di riferimento per i pazienti di tutte le età e di ogni regione di Italia. È sede di 26 centri di alta specializzazione di riferimento nazionale, della Banca dei Tessuti, della Centrale Operativa 118 di Milano e Provincia, dell'Unità Mobile Sanitaria per la gestione delle Grandi Emergenze, del Centro Antiveleni, del Centro di Riabilitazione Equestre Vittorio Di Capua, del Centro Grandi Ustionati, del Trauma Center, dell'Unità Spinale Unipolare, del Centro per le Malattie Rare. E' inoltre Centro disassuefazione trattamento danni da fumo e Centro di riferimento per la cura della tubercolosi presso l'Istituto Villa Marelli.

Recensioni dei pazienti

27 recensioni

 
(14)
 
(4)
 
(2)
 
(6)
 
(1)
Voto medio 
 
3.8
 
3.9  (27)
 
3.6  (27)
 
4.1  (27)
 
3.6  (27)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

MEDICINA B

REPARTO DI MEDICINA B.
INFERMIERE SGARBATE E NON DISPONIBILI, LASCIANO I PAZIENTI A LETTO CON CATETERE VESCICALE E PANNOLONE PER LE FECI E NON VENGONO A CAMBIARLI, ANCHE SE RICHIAMATE RIPETUTAMENTE. FANNO PRELIEVI DEL SANGUE LASCIANDO LIVIDI ENORMI. SE SI RICHIAMANO RISPONDONO SGARBATAMENTE.

Patologia trattata
IPOVOLEMIA.



Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Eccellenza a 360 gradi

Voglio esprimere, a nome mio e di mio marito, un plauso al reparto di Neurochirurgia dell'ospedale Niguarda diretto dal meraviglioso professor Cenzato.
Siamo precipitati in un baratro psicologico da un giorno ad un altro, quando a mio marito (44 anni), é stato diagnosticato un aneurisma di circa 12 mm. al ginocchio della carotide sinistra mentre stavano facendo esami per un'altra patologia da trattare.
Di fronte al nostro sgomento, siamo stati indirizzati da un collega proprio dal Professor Cenzato, contattato da me tramite e-mail all'una di notte.
Prontamente la sua risposta la mattina seguente ed in tempi brevissimi appuntamento per consulto.
Professionalità, fermezza, sicurezza e tantissima empatia, questa grande persona ci ha indirizzati alla dottoressa Mariangela Piano, neuro interventista che ha gestito magistralmente tutto il percorso, compreso l'intervento.
Una dottoressa ECCEZIONALE da tutti i punti di vista come medico e come persona!!!!
Adesso siamo qui in reparto, trascorse poche ore dall'intervento, ad attendere il decorso post operatorio. Ogni singola figura di questo reparto merita di essere ringraziata, INFERMIERI, OPERATORI SANITARI, BARELLIERI, nessuno escluso, per la assoluta cortesia, professionalitá, parola o sorriso che regalano a chi purtroppo si trova a dover affrontare percorsi ospedalieri!
GRAZIE DAVVERO A TUTTI VOI!
MARIANGELA PIANO SEI LA NUMERO UNO!

Con infinito affetto,
FILIPPO ROSSI e BÁRBARA VITI

Patologia trattata
Aneurisma intracranico non rotto.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Parto al Niguarda

Ho partorito qui nell’ottobre 2018 su ordine del mio ginecologo di fiducia, poiché affetta da una cardiopatia congenita. Che dire, in sala parto l’ostetrica è stata davvero brava. Il mio problema è stato nel post parto, poiché solo dopo sei ore da questo sono riuscita a riprendermi dalla tachicardia e dai continui crolli di pressione e dal fatto (l’avevo fatto presente ancor prima del parto perché mi era successo anche per il primo parto) che in posizione seduta o in piedi facevo fatica a respirare, ma perché conoscendomi il diaframma si doveva soltanto riabituare alla posizione naturale... quindi sono stata parecchio male e dalle infermiere mi sono sentita dire che era una mia fissazione e che mi facevo venire l’ansia! Peccato che secondo loro l’ansia venga dopo il parto!!
Detto questo, in degenza tutto il personale, tranne i medici, antipatico, scorbutico e frettoloso, dalle Oss alle infermiere, alle puericultrici, al personale di pulizia che mi "cazzia" dicendomi "togli subito la roba da sotto al letto". Ok, ma c’è modo e modo di trattare le persone.

Patologia trattata
Parto naturale.

Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
1.0

Pronto soccorso ostetrico ginecologico

Sono andata in PS ieri 7 luglio 2018 pomeriggio con dei fortissimi dolori al basso ventre. Ho trovato delle infermiere che mi hanno praticamente fatta stare peggio! Dopo 8 ore lì seduta ad aspettare gli esiti delle analisi del sangue, ho citofonato per capire cosa dovevo fare! Mi ha risposto una infermiera dicendomi che dovevo ancora aspettare, oppure andarmene. Dopo un'ora ho voluto andare via perché nessuno mi ascoltava...
Ospedale bello ma gestito male, scorbutici e maleducati, un vero peccato.

Patologia trattata
Gravidanza 6° settimana: forti dolore al sotto ventre.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Frattura scomposta radio

La mia frattura era evidentemente da trattare chirurgicamente, a detta delle voci dei medici colte qua e là durante la permanenza in pronto soccorso. Hanno "provato a ridurla" in sedazione grazie a Dio. Peccato che da settembre a novembre inoltrato nessuno dei medici che mi hanno visitato in ambulatorio, si sia accorto che qualcosa non andava, anche dopo la rimozione del gesso. Tralascio la maleducazione di un certo medico di cui scelgo non fare il nome, ringrazio invece il prof. Rambaldi che all'ultimo controllo si è preso la briga di mettere per iscritto che le cose non stavano andando per il verso giusto, indirizzandomi previa Tac al chirurgo della mano. Ora, dopo ulteriore RMN, mi ritrovo a scoprire di avere due legamenti lesionati. Con la difficoltà di metter mano a un trauma vecchio di quasi 5 mesi. Non mi sono più rivolta ovviamente al Niguarda per la ricerca di un chirurgo della mano. Domanda: ipotizzare in tutto questo tempo ci fosse un problema ai legamenti...n on e venuto in mente a nessuno?

Patologia trattata
Frattura scomposta radio, accesso da pronto soccorso.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Reparto di epatologia: Dott. Claudio Zavaglia

La mia personale esperienza pone il dott. Claudio Zavaglia al massimo livello in termini di professionalità e impegno personale. Ciò che mi ha maggiormente colpito è stata la partecipazione e l’impegno profuso nell’identificare le possibili strade per fermare la mia gravissima malattia (epatocarcinoma lamellare partito dal fegato e diffusosi successivamente al surrene e alle ossa). Contattabile costantemente sia telefonicamente che tramite computer anche durante il week end, ha personalmente coinvolto le strutture e i medici dei vari reparti per trovare le soluzioni più adatte al mio caso. Nella mia difficile situazione credo di essere particolarmente fortunato ad essere curato ed assisto dal dott. Claudio Zavaglia.

Patologia trattata
Epatocarcinoma lamellare.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Chirurgia plastica: eccellenza sanità

Siamo stati qui nel reparto di chirurgia plastica per la rimozione di un emangioma del cuoio capelluto con relativo esame istologico intraoperatorio. Abbiamo trovato competenza, professionalità, umanità in ogni fronte. Non finiremo mai di ringraziare il Prof. Rapisarda insieme al Dott. Canzi ed alla Dott.ssa Corciulo per l'eccellenza dimostrata, nonché tutto lo staff infermieristico e di assistenza. Grazie!

Patologia trattata
Emangioma cuoio capelluto con ricostruzione estetica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Professionalità e assistenza - prof. Cenzato

Mia moglie l'8 febbraio 2017 è stata operata di aneurisma cerebrale gigante dal professor Cenzato, il quale ha effettuato un doppio intervento: prima con un doppio bypass e dopo con un clippaggio dell'aneurisma. Posso solo dire che oltre alla elevata professionalità, è dotato di una gentilezza e disponibilità uniche, quanto la sua capacità nell'affrontare tali interventi. Grazie di esistere.

Patologia trattata
Aneurisma cerebrale gigante.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
5.0

Giudizio

La pulizia, specialmente nei luoghi comuni, è trascurata, addirittura personale poco rispettoso nei confronti delle persone.
Per il resto, medici ed infermieri sono eccellenti e amanti del loro lavoro.

Patologia trattata
Neuropatia ed altro.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Chirurgia Generale1 Niguarda

Ritengo la struttura di chirurgia generale oncologica e mininvasiva di un elevato livello europeo sia per quanto concerne la strumentazione chirurgica, sia (in primis) per la preparazione eccellente sotto il profilo medico, tecnico-chirurgico di tutto lo staff di chirurghi e medici.
Anche le terapie si sono rivelate essere pienamente appropriate.

Di buon e alto livello generale tutta la classe di infermieri e paramedici, esperti e di grande manualità pratica.
Qualche lacuna da parte degli studenti praticanti l'apprendimento.

Per quanto concerne l'esito della cura, a neppure un mese dall'intervento di "colecistectomia laparoscopica, marsupializzazione cisti epatica di grande dimensione e omentoplastica", mi sento di definire allo stato attuale di avviarmi verso una guarigione totale in corso.

Patologia trattata
Colecistite acuta gangrenosa, cisti epatica semplice di 11 cm. circa in S6, noto adenomioma e formazione litiasica nella colecisti di 1,07 cm.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

ESAME TAC: DISORGANIZZAZIONE TOTALE

MI SONO RECATO PER FARE UNA TAC. DOPO ORE DALL'APPUNTAMENTO PRESTABILITO, NESSUNO SI ERA VISTO. PERSONALE CHE NON ERA IN GRADO DI FORNIRE SPIEGAZIONI. UNA OSCENITA' TOTALE. FORSE SONO MEGLIO GLI OSPEDALI DEL SUD, ALTRO CHE NIGUARDA!

Patologia trattata
TAC.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

INTERVENTO TIPS

Cercherò in queste pagine di esprimere un doveroso ringraziamento a più Strutture di questo Centro sicuramente d'eccellenza a livello Nazionale e sintetizzare la mia esperienza.
Sono affetto da cirrosi epatica complicata da severa trombosi portale, con ripetuti episodi di sanguinamento da varici esofagee e gastriche.
A seguito di visita con il Prof. De Carlis, direttore Chirurgia Generale e dei Trapianti, inquadrata la situazione, sono stato subito indirizzato dal Prof. Rampoldi direttore della Radiologia Interventistica, uno dei pochi in Italia per esperienza e capacità, ad intervenire per una complessa operazione di posizionamento di TIPS con accesso Trans-splenico (dalla milza).
Entrambi i professionisti sono stati eccezionalmente disponibili e umani.
Il 6 maggio 2016 avveniva l'intervento di posizionamento, perfettamente riuscito, eseguito dal Prof. Rampoldi e dalla sua equipe, a cui esprimo il mio più sincero ringraziamento per l'altissima professionalità dimostrata.
Ringraziamento esteso per competenza ed umanità anche al Dott. De Gasperi - direttore Anestesia e Rianimazione.
Nel periodo pre e post intervento sono stato ricoverato nella Struttura di Epatologia e Gastroenterologia diretta dal Prof. Belli, persona squisita per umanità e disponibilità.
In questa Struttura ho avuto modo di conoscere ed apprezzare per competenza e disponibilità diversi medici dello staff, in particolare il dott. Airoldi, la dott.ssa Viganò, la dott.ssa Vinci, la dott.ssa Stigliano, il dott. Perricone.
Un ringraziamento va anche allo staff infermieristico sempre presente, gentile e disponibile.
Sicuramente avrò dimenticato qualcuno e me ne scuso ma a tutti indistintamente va il mio ringraziamento.
Consiglio pertanto a tutti di affidarsi con fiducia a questo Centro che ritengo di altissima qualità e competenza.
Claudio Scanu

Patologia trattata
CIRROSI EPATICA CRIPTOGENICA.
Derivazione porto-sistemica intraepatica transgiugulare (TIPS)
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ottima équipe neurochirirgica dell'epilessia

Ottima struttura ospedaliera sotto ogni aspetto.

Patologia trattata
Epilessia farmaco-resistente causata da un ganglioglioma temporo-parietale destro.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Visita privata. Epatologia

Ho prenotato e svolto una visita privatamente all'ospedale Niguarda presso il Sig. Giovambattista Pinzello.

A mio parere non è stato in grado di ascoltare e capire i miei sintomi e problemi. Dopo aver esposto quali erano i miei sintomi, mi sono trovato davanti una persona svogliata e superficiale.

Non ho visto empatia e voglia di comunicare con il paziente. Alle mie domande non ho ottenuto risposte sufficientemente argomentate, ma solo sgarbate.

Patologia trattata
Problemi epatici e gastrointestinali.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Chirurgia oncologica - tiroidectomia

Mi è stato diagnosticato da un'ecografia di controllo un carcinoma alla tiroide; il mio endocrinologo mi ha indirizzato dalla dott.ssa Rossetti, bravissima sia dal punto di vista professionale che umano. Sono stata ricoverata nel reparto di chirurgia oncologica e dei trapianti e ringrazio lei e tutta la sua equipe perchè sono stati davvero fantastici, disponibili e gentili.. Ora sono sotto controllo per i prossimi 5 anni, ma tutto sembra essere andato per il meglio.
GRAZIE.

Patologia trattata
Carcinoma papillare tiroideo.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Ginecologia - MAV uterina

Ho avuto forti ed intense emorragie, mi sono recata al pronto soccorso ostetricia e ginecologia dell'ospedale Niguarda ed ho trovato una equipe medica preparata ed efficiente, come lo staff a seguito. A tale proposito ho incontrato una dottoressa capace, seria, preparata: la dottoressa Luisa di Luzio che, grazie ad una semplice ecografia, mi fece una tempestiva diagnosi di una MAV uterina (malformazione arterovenosa) all'interno dell'utero, che in seguito grazie alla Tac angiografica con mezzo di contrasto trovò conferma!! La dottoressa si è rivelata non solo eccellente come medico, ma umanamente dolce, sensibile ed estremamente disponibile, standomi accanto durante il percorso non semplice. Fui sottoposta ad esame angiografico con annesso intervento di embolizzazione uterina. Ora sto bene e di questo devo ringraziare la dottoressa di Luzio per prima e con lei tutto lo staff di ginecologia!!!

Patologia trattata
Malformazione arterovenosa uterina MAV.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

MAV, esperienza positiva

Sono stata dimessa oggi da Niguarda. Ero impaurita e preoccupata. Ma mi sono subito tranquillizzata per la professionalità e umanità di tutto il personale.
Ho potuto vedere la competenza di tutta l'equipe della sala operatoria. Mi hanno fatta sentire in mani eccezionali. UN GRAZIE AL DOTTOR VERCELLI ed alle infermiere in sala operatoria, che dolcissimi mi hanno coccolata ed assistita in modo meraviglioso.

Patologia trattata
Malformazione arterovenosa.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Centro sterilità

Appuntamenti cancellati, mesi per ottenere nuovi appuntamenti e poi ritardi inaccettabili su appuntamenti fissati alla mattina presto.

Patologia trattata
Centro sterilità.
Punti di forza
Il dott. Bini, bravo e simpatico (ma non c'è sempre).
Punti deboli
Inefficienza del centro per mancanza di risorse da parte dell'ospedale.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Radiologia

Scandaloso come alle 3.00 del pomeriggio l'intero reparto di radiologia di un presidio come l'ospedale maggiore, sia completamente deserto... E la povera gente per eseguire una tac deve sborsare centinaia di euro per eseguirla in solvenza. Fin quando qualcuno non mi spiegherà queste dinamiche, non credo riuscirò a capire...

Patologia trattata
TAC.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Epatologia - Trattamento ottimo

Reparto gestito molto bene, il primario è persona squisita che si interessa completamente dei pazienti. Personale infermieristico gentile nonostante la carenza di addetti.

Patologia trattata
Epatica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Trapianto di fegato eseguito 18 anni fa

Mi chiamo Palmieri Giovanni ed ho 62 anni.
Il mio trapianto di fegato risale e ben 18 anni fa, ovvero esattamente al 5 marzo 1997.
All’epoca era primario il Prof. FORTI presso il centro Trapianti di Niguarda. Un chirurgo di grande professionalità.
Una eterna gratitudine va in primis al DOTT. BELLATI, oggi anch’egli primario, che con intuizione ma anche con tempestività, professionalità, competenza e coraggio mi propose, per la prima volta, dopo anni che venivo seguito da altri medici, il trapianto di fegato mettendomi in lista di attesa.
Devo ringraziare dal profondo del cuore anche tutta l’equipe medica, gli infermieri e tutto il personale del reparto che con sacrificio e dedizione mi aiutò in quei momenti difficili, che furono si dolorosi ma anche preziosi per me e per la mia famiglia, in quanto mi diedero la possibilità di rinascere una seconda volta.
In particolare voglio ricordare con grande gratitudine, tenerezza e riconoscenza anche il PROF. DE CARLIS, il PROF. DE GASPERI, il Dott. SLIM ed il Dott. RAMPOLDI i quali si presero cura di me come un bambino appena nato.
Non ho aggettivi per definire queste speciali persone se non “ANGELI”, mandati da DIO in mio soccorso.
Queste persone, sebbene fossero dei grandi luminari, si sono distinte per la loro semplicità e per il loro amore sia verso la scienza, sia verso i pazienti che come me erano affidati nelle loro mani.
Non mi sono mai sentito un numero. Mi hanno spronato, incoraggiato ed aiutato anche nei momenti di grande sconforto. Senza di loro sicuramente non ce l’avrei fatta.
Non li dimenticherò mai finchè Dio mi darà un alito di vita.
Mi spiace non ricordare i nomi degli infermieri, a cui va comunque il mio ringraziamento e gratitudine, che all’epoca lavoravano nel reparto.
Ogni giorno ringrazio DIO per questo grande regalo di avermi messo sul cammino persone come queste, a cui va la mia preghiera quotidiana di ringraziamento e di gratitudine.
Li abbraccio con tutto il mio cuore.
Palmieri Giovanni

Patologia trattata
TRAPIANTO DI FEGATO.
Punti di forza
IL PERSONALE MEDICO, INFERMIERISTICO E STRUTTURA.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Punto prelievo e i bambini

Questa mattina mi sono recata presso l'ospedale per un prelievo del sangue a mia figlia di 3 anni compiuti.
Preso il numero per l'accettazione prioritaria dei prelievi bambini fascia 3-10 anni, dopo un minuto era già il mio turno per l'accettazione.
Fino a qui tutto bene, se non che poi mi viene assegnato per il prelievo il numero standard non prioritario. Ebbene: avevo la bellezza di 150 numeri davanti.
Mi chiedo che senso abbia mettere la priorità nell'accettazione e non nell'effettuazione del prelievo.
Chiedo all'accettazione sperando in uno sbaglio dell'addetto, ma mi viene detto che la procedura è corretta e che se proprio la bambina fa i capricci ed è stanca, posso chiedere allo sportello prelievo di poter passare avanti.
Vado subito allo sportello prelievi e chiedo gentilmente se la bambina può avere una priorità.
L'addetta mi risponde un po' seccata che vede se riesce a ridurre i tempi.
Rimaniamo ammassati in piedi in un angolo ad aspettare insieme a un centinaio di persone.
Ebbene, dalle ore 10.00, mia figlia viene chiamata per il prelievo alle ore 11.30, quando ormai rimanevano 10 numeri prima del suo, quindi quando ormai ne erano passati 140.
Allo sportello prelievi mi danno le provette e mi dicono di mettermi in coda all'ultima persona in attesa di entrare nel box prelievo e aspettare il mio turno (avevo davanti circa 7/8 persone).
Per caso esce un dottore da un box che mi guarda e dice "Ma signora, i bambini hanno la precedenza, passi avanti!".
Ma questi poveri bambini hanno oppure no la precedenza????
E' inaccettabile far aspettare un bambino di 3 anni 1 ora e mezzo per un prelievo del sangue.
Servizio sicuramente da rivedere completamente.

Patologia trattata
Prelievo del sangue.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

PESSIMO PRONTO SOCCORSO

Sono andata al pronto soccorso, in quanto purtroppo ho più patologie peggiorate che necessitavano accertamenti; il medico di base mi ci ha mandata di corsa. Ora sono a casa e sto rischiando la vita, non andateci mai, sono sgarbati, incompetenti e inconcludenti. Abbiamo chiesto di passare lì la notte - dato che ho anche una patologia di cui non riescono a fare diagnosi - per ricovero presso il centro malattie rare e necessito di urgenti accertamenti a pancia, stomaco e per probabile tiroidite autoimmune. Ci hanno detto che non mi lasciavano rimanere e che, se volevamo stare lì, di andare fuori a dormire sulle banchine! Abbiamo chiesto di metterlo per iscritto, ma figurati! Così, arrivata in ambulanza privatamente da Vercelli, mi hanno fatto alla fine solo 4 analisi di routine.

Patologia trattata
Diverticolite, endometriosi, calcolosi biliare, accertamenti a stomaco e intestino da ultimare, patologia con forti dolori non diagnosticata, probabile problema alla tiroide, svenimenti e attacchi di panico, sudorazioni, brividi, collassi.
Punti deboli
Incompetenza, maleducazione.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Accompagnatore di trapiantato

Vorrei ringraziare tutti i medici per l'aiuto durante la degenza di mio nipote.
La portineria dell'Ospedale mi aiutò anche nel trovare un comodo alloggio a soli dieci minuti a piedi, così ogni mattina ero in reparto prestissimo per assistere mio nipote.
Consiglio Holiday Homes Residence in Via G. Murat 6, come struttura ideale per accompagnatori che vogliono spendere poco, c'è anche la cucina e il supermercato è dietro la struttura. Spero di esser stata utile.

Patologia trattata
Trapianto.
Punti di forza
Servizi ed accoglienza.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Trapianto di fegato

Dopo la valutazione dei moltissimi esami da parte dei luminari, ho avuto la comunicazione che l'unica soluzione al mio problema era il trapianto, data la non più efficienza a breve del mio originale fegato.
Apprendere tale notizia non è cosa leggera, ma è stata comunicata con estrema umanità. Grazie di tutto
Aggiungo che non è possibile elencare tutto il personale che ad unisono nelle proprie mansioni ha mostrato un grande senso di responsabilità e altruismo.

Patologia trattata
Trapianto di fegato
Punti di forza
competenza, efficienza ed umanità
Punti deboli
Non ne ho trovati.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Reparto Trapianti di fegato

credo che i medici di questo reparto siano molto bravi, nel mio caso ringrazio la dottoressa Raffaella Viganò per la sua gentilezza, la sua chiarezza nelle diagnosi, la competenza nella cura post operatoria, il corpo umano è un universo impegnativo da scoprire, meno male che dio ha mandato sulla terra questi medici e soprattutto gli infermieri di questo reparto: tutti competenti e sempre disponibili che io ringrazio per tutto quello che hanno fatto per me.
dott.ssa Viganò- dott.ssa Vinci- dott.ssa Stigliano- Prof. Pinzello- dott. Alberti- dott. Belli- dott. Mancuso- dott. Airoldi Giacomo (Dott.Haus), Tommaso, Matteo, Francesco, Elena, Anna 1 e Anna 2, Annalisa, Maria, Nicoletta, Elisa, Maria, Emi, Caposala Ratti, Rosanna, Rosa, Alessandra, Silvana, Nicoletta, Giovanna, Caterina,Gloria.
GRAZIE DI ESISTERE SIGNORI TUTTA LA MIA STIMA E IL MIO RISPETTO PER VOI CHE SIETE, I NOSTRI ANGELI SULLA TERRA.

Patologia trattata
TRAPIANTO DI FEGATO
Punti di forza
LA TROUPE MEDICA E' IL MOTORE DEL REPARTO;
GLI INFERMIERI!!!
Punti deboli
LA PULIZIA, CHE IN QUESTO REPARTO DOVE LE DIFESE IMMUNITARIE SONO BASSISSIME DOVREBBE ESSERE DISINFETTATO MOLTO PIU SPESSO
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

il miglior ospedale che esista

strano non vedere nessun commento per l'Ospedale migliore che esista.. Comunque sono stato ricoverato d'urgenza nel blocco DEA dopo un incidente sul lavoro e devo ringraziarli perche' mi hanno salvato il braccio... grazie di cuore.
Una struttura ottima sotto ogni punto di vista.

Patologia trattata
fasciotomia ed innesto cutaneo
Punti di forza
competenza, umanita, cordialita', efficienza
Punti deboli
nessuno


Altri contenuti interessanti su QSalute