Femara

Femara

 
2.4 (9)
Scrivi Recensione
Principio attivo
Letrozolo
Indicazioni
Tumore al seno (carcinoma mammario)
Femara è un farmaco che ha come principio attivo il Letrozolo, prescritto in genere da solo o in combinazione con altri farmaci per il trattamento adiuvante del carcinoma della mammella in fase precoce in donne in post-menopausa con stato recettoriale ormonale positivo. Spesso somministrato a donne che hanno assunto Tamoxifene per 5 anni, è disponibile in compresse da 2,5 mg. rivestite con film. Nelle pazienti con carcinoma mammario avanzato o metastatico, il trattamento con Femara deve essere continuato finché la progressione tumorale risulta evidente.

Recensioni dei pazienti

9 recensioni

5 stelle
 
(0)
 
(2)
 
(2)
 
(3)
 
(2)
Voto medio 
 
2.4
 
2.8  (9)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Efficacia
Assenza di effetti collaterali
Commenti
Farmaci
Indica la tua fascia di età
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.0
Efficacia 
 
3.0
Assenza di effetti collaterali 
 
5.0

Femara

Ad ottobre scopro di avere un carcinoma invasivo duttale. Chemio fino ad aprile 2020, poi ora Trastuzumab trisettimanale.
Operazione quadrante ed asportazione noduli. Istologico ok.
A breve comincerò la radioterapia. Intanto da 12 giorni prendo il Femara, che mi dà dolori articolari, spossatezza ed obnubilamento mentale... Diciamo che fino ad ora avevo reagito bene a tutto, ma ora sto veramente peggio.

Fascia di età
Da 40 a 60 anni
Sesso
Donna
Malattia trattata
Carcinoma mammario invasivo duttale.


Voto medio 
 
2.0
Efficacia 
 
3.0
Assenza di effetti collaterali 
 
1.0

Femara, effetti sulle ossa nel tempo

Nel 2005, dopo una mastectomia e seguente chemioterapia e radioterapia, ho assunto il Femara per circa 3 anni - dovevano essere 5, ma a un certo punto, ho preteso che mi cambiassero medicinale. Il motivo era che avevo dolori di ogni tipo, unghie dei piedi accartocciate, capelli radi e che facevano fatica a crescere, ma soprattutto dolori di ogni tipo. Ho preteso che mi cambiassero il farmaco, anche se quello che mi hanno dato dopo mi ha creato altri problemi (endometrio inspessito).
La mia domanda è: dopo circa 12 anni che ho smesso di prenderlo, le unghie dei piedi si sono piano piano stese e sono tornate quasi alla normalita', ma i dolori ci sono ancora adesso. Quindi, in che condizioni saranno le mie ossa adesso?

Fascia di età
Oltre 60 anni
Sesso
Donna
Malattia trattata
Carcinoma mammario.
Voto medio 
 
1.0
Efficacia 
 
1.0
Assenza di effetti collaterali 
 
1.0

Letrozolo

Mi è stato prescritto Letrozolo dopo quadrantectomia, radio e 3 cicli di chemio. Farmaco invalidante, dolore alle ossa fortissimo, sono solo 6 mesi che lo prendo e mi è stato prescritto per 7 anni..

Fascia di età
Da 40 a 60 anni
Sesso
Donna
Malattia trattata
Carcinoma mammario lobulare infiltrante.


Voto medio 
 
3.5
Efficacia 
 
4.0
Assenza di effetti collaterali 
 
3.0

Femara

Anche io sto assumendo Femara, ho problemi di perdita di capelli da circa un mese. Mi cadono di notte e già intravedo un buco sul davanti e i capelli mi sono diventati sottili e ricci. Avevo una capigliatura folta e bellissima... Pensavo a stress per il covid-19, ma informandomi ho capito che è il Femara, quindi speriamo che poi ricrescano velocemente.
La cura la faccio da 7 mesi circa.

Fascia di età
Da 40 a 60 anni
Sesso
Donna
Malattia trattata
Tumore seno.
Voto medio 
 
2.0
Efficacia 
 
3.0
Assenza di effetti collaterali 
 
1.0

Effetti collaterali del Letrozolo

Mi chiedo con quale leggerezza si possa prescrivere un farmaco pieno di effetti collaterali quale il Letrozolo, senza prima capire quali siano le problematiche della paziente.
Nel 2012 sono stata operata di quadrantectomia per K al seno, e in seguito oltre alla radioterapia, che ho tollerato benissimo, l'oncologo mi ha prescritto una pillola di Femara (Letrozolo), al giorno per 5 anni. Gli effetti collaterali non si sono fatti attendere: insonnia, malumore improvviso, dolori alle articolazioni, colpi di calore, senso di panico notturno, perdite ematiche vaginali,e altro ancora. Nel 2013 mi è arrivata anche un'infezione urinaria, su consiglio del medico di base ho fatto l'urinocoltura, il cui esito diceva che era in via di risoluzione, ma intanto, ogni tanto vedevo un po' si sangue quando mi pulivo dopo aver urinato, ma pensavo fossero vaginali, visto che il bugiardino del Femara lo dice.
Nel 2015, da una semplice ecovaginale di routine, si evidenziano in vescica grossi polipi. Da allora è cominciato un vero e proprio incubo, dal 2015 a oggi ho subìto 9 interventi alla vescica con 22 instillazioni di BCG, relative cistoscopie, 3 TAC ecc. Fortuna che il medico urologo che mi cura è a dir poco eccezionale, e gliene sarò grata fin che vivrò. Durante le mie degenze in urologia, per ben 2 volte mi son trovata in camera con donne che mentre facevano l'ormono- terapia dopo un intervento al seno, si sono trovate con un carcinoma vescicale; mi viene quindi spontaneo, visto che lo sospettavo già, dare la colpa al Letrozolo, che dopo averlo preso per 3 anni e mezzo, l'urologo mi detto chiaramente di smettere. Tra i medici delle varie discipline ho trovato tanto scetticismo, ma ho trovato anche medici che se anche non lo dicono esplicitamente, lasciano ben trasparire i loro dubbi sull'innocuità del farmaco, che si continua a prescrivere come se fosse il miracolo assoluto, mentre invece non c'è nessuna certezza che dopo una terapia a base di Letrozolo il K mammario non torni. Ma quando un K vescicale ti prende, posso assicurare che la vita non è più la stessa di prima, quindi credo che nel bugiardino del Letrozolo dovrebbe essere aggiunta una voce in più!

Fascia di età
Oltre 60 anni
Sesso
Donna
Malattia trattata
K mammella e K vescica.
Voto medio 
 
1.0
Efficacia 
 
1.0
Assenza di effetti collaterali 
 
1.0

Letrozolo vs Exemestane

Ho 54 anni. Premetto che sono una di quelle pazienti quasi "miracolate" che in 3 mesi di chemio con adriamicina + ciclofosfamide seguiti da 4 di taxolo, non ha MAI avuto un minuto di nausea (vomito men che meno)!!!
In compenso non ho tollerato il letrozolo. Artralgie e debolezza muscolare invalidanti. A metà del 5° mese ho gettato la spugna.
Tempo una settimana e tutti i dolori sono scomparsi. Dopo 2 settimane di sospensione sono passata ad un altro inibitore dell'aromatase, l'exemestane (Aromasin, ma esiste anche il generico). Ora, al 7° mese di terapia in corso, sto decisamente bene, oserei dire senza alcun effetto collaterale rilevante.

Fascia di età
Da 40 a 60 anni
Sesso
Donna
Malattia trattata
Tumore al seno.
Voto medio 
 
3.0
Efficacia 
 
3.0
Assenza di effetti collaterali 
 
3.0

Speriamo in bene

Anche a me hanno diagnosticato un tumore al seno, il mio era al secondo stadio. Alla diagnosi sono seguiti circa sei mesi di chemioterapia e poi cinque settimane di radioterapia. Come purtroppo accade, ho perso i capelli. Ma poi pian pianino sono ricresciuti.. TUTTI!!! Solo quando l'oncologo mi ha prescritto il Temoxifene, ho iniziato a perderli di nuovo, per la precisione dopo un anno e sette mesi che assumevo il farmaco. In testa diciamo che l'effetto ero quello di capelli radi (insomma, si vedeva molto il cuoio capelluto).
Lasciato il Temoxifene, sono passata al Femara col primo di settembre di quest'anno (2015).
Per ora gli effetti collaterali che sto vivendo e subendo sono forti vampate di calore (arrivano anche 10 volte al giorno!!) e un incredibile aumento di peso. Quest'ultimo lo sto combattendo andando a correre a giorni alterni e con una drastica (ma ponderata) dieta alimentare.
Ora come ora il tutto è abbastanza gestibile, ma ho il terrore che mi vengano fuori effetti come quelli sotto descritti. Non ci voglio neanche pensare..

Fascia di età
Da 40 a 60 anni
Sesso
Donna
Malattia trattata
Tumore al seno.
Voto medio 
 
2.0
Efficacia 
 
3.0
Assenza di effetti collaterali 
 
1.0

Io ho smesso di prenderlo

La mia esperienza col Femara è stata davvero provante. Io appartengo alla categoria che "non ce l'ha fatta".
Partendo dall'inizio, circa due anni fa mi avevano diagnosticato un tumore al seno di basso grado e per fortuna individuato e preso in tempo. Mi hanno rimosso la massa maligna e un nodulo mammario. Poi, dopo l'intervento, sono seguiti cicli di radioterapia. Finita l'ultima radio, mi è stato detto di iniziare subito col Femara.
Durante le prime tre settimane non ho avvertito nessun cambiamento particolare in me. Dopo la quarta settimana ho invece iniziato a sentire l'inizio di una specie di irrigidimento delle articolazioni, che piano piano è diventata insopportabile ai piedi. La rigidità articolare ha colpito un po' tutto il corpo, ma il dolore, quello terribile, era perlopiù ai piedi. Mi pareva di impazzire. A ciò si aggiunga un senso di oppressione al torace, mi pareva sempre di faticare a trovare l'aria, cui è seguìto anche uno specie di stato di offuscamento che mi accompagnava dalla mattina alla sera.
Dopo mesi di Femara, avevo dolori insopportabili e non ero mai lucida. Sono anche caduta in depressione a causa di ciò, ma ero determinata, anche grazie all'aiuto della mia famiglia, a tenere duro. Ma senza anti-dolorifici mi era praticamente impossibile andare avanti..
Credetemi, svegliarsi ogni mattina e mettersi a piangere è una cosa che devasta..
Inoltre io ho un lavoro!! E il dolore ai piedi stava compromettendo ogni cosa.
Come è andata a finire?
Ho smesso il 27 novembre di prendere il Femara.

Fascia di età
Da 25 a 40 anni
Sesso
Donna
Malattia trattata
Tumore al seno.
Voto medio 
 
3.0
Efficacia 
 
4.0
Assenza di effetti collaterali 
 
2.0

Lo sto ancora assumendo

Purtroppo nel 2011 mi è stato diagnosticato un tumore al seno, per la precisione un carcinoma duttale infiltrante stadio III A.
Con l'oncologa abbiamo pianificato tutto l'iter da seguire, che comprendeva circa quattro mesi di cicli di chemioterapia in DH, per arrivare ad effettuare (se le cose fossero procedute come si pensava) all'intervento chirurgico di mastectomia bilaterale ad aprile dell'anno seguente. E' andato tutto esattamente così, e dopo l'operazione ho effettuato anche cinque settimane di radioterapia.
Dopo la radioterapia, mi hanno prescritto il Temoxifene, che ho assunto per un anno circa, seguito poi dal Femara. Femara che sto prendendo tutt'ora.
Bene, quello che posso dire in base alla mia esperienza, è che sia efficace e il suo lavoro lo fa (detto dal medico con cui sono in cura e che mi segue da anni). Però gli effetti collaterali sono molto fastidiosi. Innanzitutto provoca continue e forti vampate di calore, certe volte davvero difficili da gestire (immaginate questa estate col caldo che ha fatto..). ma questo sarebbe il minimo, lo sopporterei anche bene o male. La cosa che più mi dà fastidio è il perenne stato di torpore, di sonnolenza e di stanchezza, a volte anche di scarsa lucidità, in cui mi fa stare. Insomma, come farmaco è davvero "pesantino". E' che ormai di battaglie ne ho fatte tante, e tengo duro.
PS: ultimamente mi è iniziata anche una cospicua perdita di capelli, ma non so se sia colpa del Femara.. Qualcun'altra ha i mio stesso problema?

Fascia di età
Da 40 a 60 anni
Sesso
Donna
Malattia trattata
Carcinoma mammario duttale infiltrante.


Altri contenuti interessanti su QSalute