Chirurgia Epatobiliare San Raffaele

 
4.9 (60)
Scrivi Recensione
Il reparto di Chirurgia Generale Epatobiliare dell'Ospedale San Raffaele di Milano, Istituto Scientifico Universitario situato in Via Olgettina 60, ha come Primario il Dott. Luca Aldrighetti. L'attività è dedicata al trattamento integrato delle patologie maligne e benigne del fegato di interesse chirurgico, con prioritaria e specifica attenzione alla patologia tumorale primitiva (epatocarcinoma, colangiocarcinoma, neoplasie rare) e secondaria (metastasi epatiche da neoplasia colorettale, da tumore neuroendocrino, da neoplasie non colorettali non neuroendocrine) del fegato e delle vie biliari (colangiocarcinoma perilare, colangiocarcinoma extraepatico). La recente e rilevante evoluzione delle tecniche e delle tecnologie della chirurgia del fegato nonché le notevoli complessità delle tematiche riguardanti la patologia tumorale del fegato, impediscono il più attuale, idoneo ed integrato trattamento del paziente portatore di neoplasia del fegato in un contesto di chirurgia generale non specificamente dedicato. Per questo motivo, la U.O. è caratterizzata da risorse umane e strutturali che sono state esclusivamente destinate – nel corso di oltre un decennio - a realizzare una estensiva competenza in ogni ambito della chirurgia epatica, con una casistica di oltre 3000 resezioni epatiche (attualmente circa 300 resezioni/anno di cui due terzi realizzate con approccio mini-invasivo) includenti ogni tipologia di resezioni epatiche convenzionali (epatectomie maggiori, epatectomie minori, resezioni di risparmio parenchimale ecoguidate) nonché programmi specifici di resezioni estensive (epatectomie in due tempi, ALPPS) e resezioni mini-invasive laparoscopiche. Il Programma di Chirurgia Mini-Invasiva del Fegato, (Chirurgia Laparoscopica del Fegato), che conta attualmente oltre 1000 resezioni eseguite, è attivo da circa 15 anni e la UO Chirurgia Epatobiliare occupa in quest’ambito una riconosciuta leadership nazionale ed internazionale. Il volume e l’intensità dell’attività chirurgica è centrata sulle esigenze del paziente, affinchè i tempi di attesa siano contenuti ed adeguati alla severità della diagnosi ed alla conseguente necessità di un trattamento sollecito, efficiente, efficace. Particolare attenzione viene costantemente posta alla multidisciplinarietà di approccio al paziente portatore di neoplasia epatica, con la definizione dell’iter diagnostico-terapeutico per ogni singolo paziente da parte di team multidisciplinare – includente chirurgo epatico, oncologo, epatologo medico, radiologo interventista, radioterapista – nel corso di specifico meeting settimanale (MMEB – Meeting Multidisciplinare EpatoBiliare). Questo approccio multidisciplinare e dedicato appare critico soprattutto in alcuni settori “di nicchia”, come ad esempio il colangiocarcinoma perilare, dove un impegno specifico, dedicato e multidisciplinare ha consentito di ottimizzare i risultati oncologici e attenuare significativamente i rischi della chirurgia. L’attenzione all’approccio olistico al paziente è completata dalla presenza nello staff dello specialista epatologo medico, con il conseguente superamento della tradizionale divisione tra chirurgo e medico internista. In questo modo si creano le basi per un lavoro interdisciplinare, indispensabile per ottimizzare le prestazioni di diagnosi e cura. Indipendentemente dalla fase della malattia e dalle esigenze terapeutiche, queste due figure professionali non sono più separate in strutture che trattano isolati aspetti della medesima malattia, ma collaborano all’interno della medesima unità, intervenendo nelle diverse fasi del trattamento. Nell'ambito dell'approccio olistico al paziente, obiettivo prioritario, oltre alla cura della malattia epatica, è il recupero funzionale postoperatorio precoce, volto a minimizzare l’impatto dell’intervento e dell’ospedalizzazione sulla qualità di vita. Il nostro team epatobiliare ha sposato l’idea di un lavoro d’èquipe (chirurgo, anestesista e infermiere con una specifica competenza negli interventi sul fegato e sulle vie biliari - navigator nurse) volto a migliorare e ad ottimizzare l’assistenza clinica nell’ambito del programma ERAS (Enhanced Recovery After Surgery). Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dottori Michele Paganelli, Renato Finazzi, Marco Catena, Francesca Ratti, Federica Cipriani e la navigator nurse Pertshanush Stepanyan.

Recensioni dei pazienti

60 recensioni

 
(59)
 
(1)
3 stelle
 
(0)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.9
 
5.0  (60)
 
5.0  (60)
 
4.7  (60)
 
4.9  (60)
Visualizza tutte le recensioni

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Una storia vera, una fiaba a lieto fine...

Ho scritto questa storia per spiegare ai miei nipotini il motivo del mio ricovero al San Raffaele.
....................................................................
A Pietro e Margherita.
C’era una volta una nonna: era un tipo allegro, le piaceva stare con i suoi nipoti, inventare storie, cucinare torte, fare passeggiate e giocare, raccontare i segreti dell’orto.
Un brutto giorno scoprì che dentro di lei era venuto ad abitare uno gnomo maligno, perfido e silenzioso. Era un Colangio della famiglia dei Carcini, parassiti della peggior specie. Eh già, i Carcini erano tipi pericolosi: si nascondevano, stavano zitti zitti, ma spesso mettevano su famiglia andando ad abitare qua e là con il rischio di diventare così numerosi da rendere il compito di scovarli quasi impossibile.
Piano piano Colangio stava tessendo dentro di lei una tela per spegnere il suo sorriso.
La nonna divenne triste, ma per poco. Subito cercò e trovò un mago dalle mani d’oro che le promise che l’avrebbe aiutata a scacciare quell’intruso.
Il mago in realtà era un sapiente che tutti chiamavano il Professore.
Quando lui parlava, le persone ascoltavano con interesse e ammirazione le sue parole. Si capiva subito che era appassionato del suo lavoro: gli brillavano gli occhi e infondeva fiducia e speranza.
Il Professore era a capo di uno staff di altri sapienti, esperti dalle mani d’oro; tra loro vi erano due meravigliose ragazze, belle come fate, che non solo avevano le mani d’oro, ma dispensavano affetto e sorrisi.
Il Professore disse alla nonna che avrebbe dovuto affrontare una dura battaglia e che anche lei doveva fare bene la sua parte senza mostrare allo gnomo la sua paura.
La nonna ce la mise tutta: ricacciò le lacrime che le salivano agli occhi, continuò a sorridere, indossò abiti colorati (non il viola che era il colore preferito da Colangio!) e si affidò con fiducia all’équipe dei sapienti.
La portarono nella loro grande officina dove su una cupola si innalzava un angelo dalle ali bianche e dorate, dal nome importante: San Raffaele.
La esaminarono in lungo e in largo e alla fine decisero che l’ora era arrivata.
Tutto era pronto e il Professore si mise all’opera con i suoi assistenti: grazie alla sua abilità e all’aiuto di potenti pozioni magiche il Colangio fu sconfitto e tolto di mezzo. Durante la battaglia, la nonna dormiva e al suo risveglio con grande stupore non sentì alcun dolore. Aveva i segni della battaglia, ma tutto sommato stava bene.
Intorno al suo letto ogni giorno andavano e venivano tanti giovani, ragazzi e ragazze, gentili e premurosi, vestiti di bianco con il colletto verde e rosso che eseguivano le istruzioni dei sapienti e aiutavano la nonna a recuperare le forze. Le dicevano: “Cara, come stai oggi? “e la nonna si sentiva circondata da tanto affetto come se fosse stata a casa sua.
Era un brutto periodo: c’era un nemico invisibile nell’aria e tutti giravano con le mascherine. Per di più non ci si poteva abbracciare e il nonno non poteva venire a trovare la nonna. Loro due si parlavano con il cellulare e spesso la nonna doveva consolare e incoraggiare il nonno che senza di lei si sentiva solo.
Venne finalmente il giorno del rientro a casa. La nonna stava bene, ma doveva riposare ancora un po’.
C’era una persona speciale, anche lei era come una fata buona e bella, che la chiamava spesso per sentire se andava tutto bene: aveva un nome dolce e la voce che sapeva di miele. La incoraggiava, la rassicurava, le donava consigli per aiutarla a riprendere le forze e le sue abitudini.
Un giorno alla nonna tolsero i segni della battaglia e giorno dopo giorno riprese la vita di sempre.
Il momento più bello fu quando il Professore le comunicò che era andato tutto bene e che poteva tirare un sospiro di sollievo.
Alla fine, la storia ci dice che quando qualcosa non va come vorremmo, dobbiamo cercare dentro di noi la forza di reagire e riconoscere con gratitudine il bene che ci viene regalato da tante persone buone che amano il loro lavoro e si adoperano per migliorare la vita di chi non sta bene. Sono bravi dottori e infermieri che meritano tutto il nostro rispetto e riconoscenza. la nonna Maria
....................................................................
Ringrazio tutti i medici del reparto di Chirurgia epatobiliare che mi hanno assistito, in particolare il Prof. Aldrighetti al quale soprattutto va la mia riconoscenza per avermi dettagliato con chiarezza le fasi dell’intervento e per averlo eseguito con la perizia che tutti, pazienti e colleghi, gli riconoscono; le dott.sse Ratti e Cipriani, per l’atteggiamento cordiale, accogliente, affettuoso; il dott. Angeriz, il dott. Delpini e il dott. Lee che sempre presenti in reparto hanno riposto con pazienza alle mie domande; il dott. Paganelli, presenza rassicurante; il dott. Catena che ha informato con tatto e chiarezza mio marito sulla mia condizione; la navigator nurse sig.ra Pergi che si prende cura dei pazienti dimessi con amorevole attenzione e naturalmente il personale infermieristico dei reparti dove sono stata ricoverata. Un ringraziamento particolare alla dott.ssa Ronzoni che ho conosciuto al primo appuntamento in ospedale: mi ha accolta con gentilezza, ha compreso la mia preoccupazione, predisponendo l’iter degli accertamenti diagnostici in breve tempo.

Patologia trattata
Colangiocarcinoma intra-epatico.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

SENTIRSI AL SICURO...

Mai avrei immaginato di far ritorno nello stesso reparto ed in quelle stanze, dopo soli due anni e mezzo dall'intervento di resezione del fegato per un HCC, praticatomi con successo dal carissimo Prof. Aldrighetti ed il suo Staff nel mese di Agosto del 2018. Già allora avevo avuto modo di testare e beneficiare del calore ed accoglienza, oltre alla competenza e professionalità, da parte di tutta la struttura e del personale medico e paramedico, che mi avevano, fin dal mio primo incontro, prima dell'intervento, trasmesso quella sensazione di "sicurezza" ed "affidabilità" che, dalla prospettiva di un paziente, sono le due cose in assoluto che si ricercano prima di ogni altra conseguenza... A distanza di quel lasso di tempo, pur avendo seguito tutti gli step successivi e controlli programmati, purtroppo il mio vecchio "amico" lo scorso Novembre ha pensato bene di ritornare a farmi visita. Con la stessa fiducia e stima di allora, nei confronti del Prof. Aldrighetti ed il suo team di specialisti, mi sono di nuovo affidato alle loro cure ed esperienza. La scorsa settimana mi sono sottoposto ad un secondo intervento, riuscito con successo, come nel primo caso, grazie alla scrupolosa indagine preventiva ed analisi ampiamente discussa e didatticamente spiegatami, che mi ha permesso di affrontare ancora una volta in totale fiducia ciò che poi mi è stato praticato: l'asportazione del nodulo tumorale che si era formato, praticata in laparoscopia, con un decorso postoperatorio, dal mio punto di vista, provato sulla mia pelle, in assoluta serenità, data l'assenza di dolori e ferite (al contrario del primo intervento praticato in laparoscopia e conseguente chirurgia tradizionale necessaria per la rimozione del segmento di fegato da asportare). L'essermi ritrovato a rivivere questo "deja vù" in un ambiente così familiare e circondato da persone a me così vicine e amichevoli, l'aver ritrovato lo stesso calore di allora, hanno contribuito a farmi sentire "tutelato" da tutto il contesto. In più, quale gradita sorpresa, si è aggiunta l'attenzione prestatami dalla cordiale e cortese Pergi, "New Entry" nello staff del carissimo e ormai "amico" Luca Aldrighetti ("Prof.") durante la mia permanenza in reparto e poi successivamente, una volta a casa. In qualità di "tutore" al paziente, richiedendomi notizie quotidiane sul mio stato. Tutto ciò non può che farmi ancora e per sempre, giustificare il mio totale senso di riconoscenza e profonda stima per tutte le attenzione che mi sono sentito rivolgere e confidenza raggiunta nei momenti più difficili, che ho superato grazie a questa "Equipe" di persone speciali che mai dimenticherò. Tornerò a breve da loro per un controllo e la rimozione dei punti esterni. Spero in quell'occasione di potervi rivedere tutti e ringraziare ancora una volta con il mio cuore per come vi siete dimostrati.
Con affetto,
Claudio Cortinovis

Patologia trattata
RECIDIVA IN HCC.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Infiniti ringraziamenti

Scriviamo queste righe per esternare tutta la nostra gratitudine al prof. Aldrighetti ed a ogni singolo componente del suo staff, medici ed infermieri, che abbiamo avuto il piacere di conoscere ed apprezzare durante la nostra permanenza presso l’ospedale San Raffaele. Dopo un ricovero di urgenza per un tumore alle vie biliari in altre strutture ospedaliere, ci siamo indirizzati al Dipartimento di chirurgia epato-biliare del professore Aldrighetti, a sèguito di numerosi positivi riscontri riferiti da molti colleghi. Devo dire che mai fiducia fu più ben riposta, sia per la alta professionalità di tutti i componenti del Dipartimento, sia per la loro calda umanità e felice percezione della nostra situazione psicologica mia e di mia moglie; quando questi due aspetti si compenetrano, allora si può affermare di essere curati da medici che veramente seguono il dettame ippocratico.A
desso siamo giunti alla non semplice ma positiva conclusione del percorso terapeutico di tipo chirurgico e, se da una parte vi è la soddisfazione di aver eradicato la malattia, dall’altra vi è il rimpianto per doverci allontanare da questi medici che, grazie a rispetto e fiducia, sono diventati parte della nostra famiglia.

Patologia trattata
Tumore di Klatskin.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Professionalità ed umanità

Sono qui a parlare della malattia di mio padre perché possa dare speranza ad altri pazienti nella stessa situazione. La nostra avventura inizia ad ottobre 2019, quando in seguito ad una colonscopia viene diagnosticato un carcinoma della curva splenica. La successiva TAC evidenzia secondarismi epatici. È il nostro stesso endoscopista ad indirizzarci al San Raffaele, presso il reparto di chirurgia epatobiliare diretto dal prof. Aldrighetti. Dopo aver inviato tutta la documentazione, sono stata personalmente contatta telefonicamente dal dott. Guido Fiorentini, il quale mi ha esposto dettagliatamente tutti i particolari dell’intervento a cui doveva necessariamente essere sottoposto mio padre ed ha lasciato ampio spazio alle domande che avevo da porgli.
A febbraio 2020 l’intervento: è durato quasi 10 ore, riuscitissimo e in laparoscopia. Non privo però di complicanze: una infezione ci ha costretti a tornare in ospedale dopo 15 giorni ed ancora una volta si sono dimostrati tutti disponibilissimi: lo hanno immediatamente ricoverato e risolto il problema.
Viviamo a 900 km. di distanza da Milano, ma non ci siamo mai sentiti soli: il dott. Fiorentini è sempre raggiungibile e disponibile a sciogliere qualsiasi dubbio, pronto a ricevere gli esami di controllo e verificare lo stato di salute. La grandiosa Pergi che mi telefona ancora oggi per venire a conoscenza delle condizioni di mio padre: se non ci fosse bisognerebbe inventarla! Quello del prof. Aldrighetti è uno staff fantastico, grande professionalità ed umanità. Oltre al dott. Fiorentini, con grande gratitudine ricordo il dott. Paganelli, di poche parole ma tanto gentile e paziente: mi ha ricevuto nel suo studio per colloquiare tutti i pomeriggi durante la degenza di mio padre. Chi l’avrebbe mai fatto?
Ricordo inoltre con affetto tutte le infermiere e gli infermieri pronti ad aiutare mio padre in ogni momento, sempre con una parola dolce o un gesto affettuoso: atteggiamenti questi che per un paziente valgono tanto.
Il reparto di Chirurgia epatobiliare del San Raffaele è dunque un centro di eccellenza per competenze e professionalità, ma anche per umanità, aspetto questo che purtroppo oggi è diventato una rarità.

Patologia trattata
Metastasi epatiche da K colon.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie

Poco più di un mese fa, a mio marito è stato diagnosticato un brutto male, uno di quelli che fa paura solo a sentirne il nome, un carcinoma alle vie biliari. L’intervento da fare era urgente ma, grazie a una cara persona che ce lo consigliò, descrivendolo come il migliore in questo ambito, abbiamo conosciuto il professore Aldrighetti. Il quattro ottobre, appena dopo il ricovero, una dottoressa Federica Cipriani con fare gentile e rassicurante ci ha spiegato per filo e per segno l’intervento. Forse, proprio l’accuratezza dei dettagli descritti, ci ha resi un po’ più “sereni”, grazie anche alle parole di conforto spese per noi.
Il giorno successivo, dopo ore di attesa estenuante il dottor Catena ci fece chiamare per discutere l’evoluzione dell’intervento. Dopo aver atteso all’incirca tre ore le nostre aspettative non erano più rosee.
Invece il dottor Catena quel giorno ci fece un bellissimo regalo, ci disse che l’intervento era andato più che bene e che finalmente saremmo potuti stare più che tranquilli. In particolare ci spiegò come il professor Aldrighetti, con estrema cura e perizia, si fosse accorto che qualcosa nell’intervento dovesse essere modificato rispetto a quello che precedentemente era stato deciso. Credo fortemente che se non fosse stato lui, naturalmente con la sua equipe, a operare mio marito, strutturando ad hoc l’intervento per di più sul momento, oggi non sarebbe più qui. Ringrazio vivamente il professor Aldrighetti in quanto, non solo durante l’intervento ha mostrato un’estrema premura per i dettagli nonché per il paziente, anche successivamente è rimasto disponibile per ogni eventuale chiarimento. Ringrazio naturalmente anche tutta l’equipe che si è occupata di mio marito per più di 11 ore di intervento, in particolare la dottoressa Ratti che ho avuto il piacere di conoscere qualche giorno dopo l’intervento.
Ringrazio anche i ragazzi specializzandi che hanno seguito mio marito ogni giorno Luca Otraviani ( ragazzo di Brescia), e lo specializzando Delpini.
Infine vorrei ringraziare l’infermiera Pergi sempre disponibile e dedita al suo lavoro, tanto da rimanere in contatto con me per monitorare lei stessa la guarigione di mio marito. Vorrei ringraziare, per ultimo e non per importanza, tutto il reparto in cui è stato mio marito.
Quello che ho scritto più che una review è un ringraziamento come ben si può notare. Di questi tempi questo è l’unico modo che abbiamo per esprimere la nostra gratitudine nei confronti di tutte le persone competenti e buone che abbiamo incontrato sul nostro cammino, non ancora concluso ma sicuramente più roseo.
Ringrazio di cuore tutto il team del Prof. Luca Aldrighetti per l'impegno, la professionalità, l'umanità e la grande ambizione di voler trovare a tutti i costi la soluzione.Chissà magari un giorno potrò rivedere queste persone meravigliose di persona e offrirgli un caffè...
Grazie.

Patologia trattata
Carcinoma delle vie biliari.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Emangioendotelioma epitelioide epatico

Subito dopo le mie nozze nel 2019, eseguo una ecografia all'addome per gonfiori di pancia dalle dimensioni assurde. Scopro di avere dei noduli al fegato. Ho cominciato tutta una serie di indagini nella mia città: esami e prelievi di ogni tipo. Soddisfatta del trattamento ma non del risultato, poiché per andare oltre mi sono dovuta necessariamente spostare su Roma, dietro consiglio della mia dottoressa. Prenoto una visita presso lo studio privato di un noto professore, il quale, oltre a non guardarmi neanche in faccia e a non esprimere interesse nei confronti del mio problema, mi prenota una risonanza magnetica con il mezzo di contrasto presso l'ospedale dove presta servizio. Dopo un paio di settimane, mi presento in ospedale per eseguire l'esame, ma due dottori molto giovani e spavaldi decidono di non farmelo eseguire per una mia presunta gravidanza inventata dal nulla, in quanto sapendo di dover affrontare certi tipi di esami sono stata sempre molto attenta. Quindi, dopo 500 km. andata e ritorno, 250 euro tra hotel e pasti e 165 euro di visita privata, torno a casa a mani vuote. Decido di eseguire la risonanza nella mia città. Mi richiama l'ospedale di Roma per riprenotare la risonanza, ma io rispondo di averla fatta da me. Mi chiedono il referto, che io prontamente invio. Dopo circa un mese, mi scrivono un messaggio su WhatsApp (né una email, né una telefonata), dicendo che si tratta solo di una infiammazione. La mia dottoressa chiede di eseguire una laparoscopia, che Roma rifiuta di fare poiché ritenuta NON necessaria. Io, la mia famiglia e la mia dottoressa decidiamo di andare avanti e prendere un'altra direzione per dare un nome e un cognome alla mia problematica! Nel frattempo è passato quasi un anno...
Troviamo il profilo del professore Aldrighetti sul sito dell'ospedale San Raffaele.
Contattiamo l'ospedale, prenotiamo la visita e partiamo in pieno agosto! Tutto alla velocità della luce e con una efficienza strepitosa. Oltre ad essere stata ricevuta con estrema gentilezza e disponibilità dal Professore e da alcuni membri della sua équipe, posso assicurare di aver avuto un'attenta analisi del mio caso da parte loro con grande professionalità e cortesia. Risposte immediate sul da farsi, concretezza e tanta voglia di fare! Gli occhi del professore mi hanno da subito ispirato fiducia, la sua sfrenata ambizione di voler risolvere il problema!!!
Sono stata assistita e ricoverata nel suo reparto per due interventi a distanza di un mese luno dall'altro, di cui il primo, una laparoscopia necessaria per avere l'esame istologico, e il secondo di vitale importanza per la mia sopravvivenza, in quanto l'esame istologico ha delineato una malattia tumorale molto rara... e che avevo dentro di me da un anno!!!
Non ci sono parole per descrivere la mia esperienza sia a livello medico-sanitario, che umano- assistenziale. Un'equipe medico-sanitaria senza eguali, sempre presenti, accorti, che lavora senza sosta per garantire la salute dei pazienti. Ringrazio di cuore tutto il team del professore Luca Aldrighetti per l'impegno, la professionalità, l'umanità e la grande ambizione di voler trovare a tutti i costi la soluzione per ogni paziente. Mi sono sentita come a casa, è stata una esperienza incredibile soprattutto a livello umano! E ringrazio tutti gli infermieri, Oss, la caposala dolcissima, e Pergi, che mi ha assistita telefonicamente dopo essere tornata a casa.
Siete UNICI!
INFINITAMENTE GRAZIE!!!

Patologia trattata
Emangioendotelioma epitelioide del fegato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Quando si dice ECCELLENZA...

Ci tengo a scrivere questa recensione per chi, come me che in questo momento si trova ad affrontare certe "bestie", possa avere un lume di speranza e sapere che per fortuna ci sono grandi persone e professionisti come l'equipe del Prof. Aldrighetti, pronti ad aiutarci.
Tutto è partito circa due anni fa, quando a mio padre veniva diagnosticato un nodulo epatico, interpretato però come benigno.
Passato il periodo sopra citato, tramite una RMN, tale nodulo si rivela essere un HCC, giudicato purtroppo inoperabile dagli stessi medici che avevano seguito mio padre.
Non convinti di tale esito, ci rivolgiamo allora al reparto di chirurgia epatobiliare del S. Raffaele, in particolare al Prof. Luca Aldrighetti.
Sin dal primo istante abbiamo capito di essere nel posto giusto.
Il Prof. Aldrighetti insieme al Dott. Fiorentini hanno subito visionato tutti i precedenti referti (ormai vecchi di due mesi) e pazientemente ci è stato spiegato, nel dettaglio, la reale situazione ed il da farsi. Ci tengo a precisare che tutto è avvenuto in un tempo brevissimo, tra nuovi esami da fare e giorno dell'intervento.
Il Prof. Aldrighetti, insieme alla sua splendida equipe, hanno eseguito un delicatissimo e magistrale intervento di segmentectomia durato circa 10 ore e con un esito stupefacente.
Durante il periodo di degenza mio padre è stato seguito egregiamente e scrupolosamente da tutto il personale medico ed infermieristico - e per questo non finiremo mai di ringraziare tutti.
Purtroppo, a causa della pandemia legata al Covid-19, non ho avuto il piacere di interagire con tutti coloro che hanno seguito mio padre e di cui purtroppo non ricorda i nomi.
Ringrazio infinitamente l'immenso Prof. Aldrighetti, grandissimo professionista, capace di andare oltre, lì dove molti medici si sono arresi e in particolare grandissimo uomo, capace di infondere speranza al paziente tramite la sua simpatia ed ironia, mettendoci al nostro agio sin dal primo incontro.
Il Dott. Guido Fiorentini, il quale ci ha seguito tramite mail e telefonate, rispondendo pazientemente e dettagliatamente ad ogni nostra domanda.
Il Dott. Marco Catena, che il giorno dopo l'intervento ci ha contattati e spiegato scrupolosamente tutto sull'esito dell'intervento.
La splendida navigator nurse Pergi, che sia in reparto che tramite telefonate dopo le dimissioni di mio padre si premurava di sapere l'andamento di mio padre.
Anche se la battaglia è ancora lunga, ci sentiamo sicuri ed in ottime mani.
Inoltre è bello sapere che anche altri pazienti hanno recensito le medesime sensazioni che abbiamo provato noi.

Patologia trattata
EPATOCARCINOMA.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
3.0

Come a casa

Un grazie speciale a tutto il reparto e al prof. Luca Aldrighetti per averci fatto sentire come a casa in questi tre difficili anni di malattia della mia amata mamma a cui, nel 2017, è stata ridata la vita dopo la scoperta purtroppo di una neoplasia molto aggressiva e già avanzata.
Inutile sottolineare la competenza e la professionalità del professore, che reputo una persona molto profonda e intelligente, capace di entrare in punta di piedi nelle storie dei suoi pazienti e gioire e piangere con loro.
Grazie alla dottoressa Ratti, perché ha il sorriso di una bambina bellissima e ha sempre tempo anche quando deve correre.
Grazie al dottor Renato Finazzi, che con la sua simpatia infonde una grande atmosfera di leggerezza in un luogo dove si respira aria pesante.
Grazie a Fabio, perché fa il suo mestiere con passione e a Dario perché non ti fa pesare nulla, ti aiuta e ti abbraccia.
Grazie a Miguel, perché ha degli occhi bellissimi e sinceri e con il suo accento spagnolo gironzola per il reparto e si emoziona davvero se un paziente migliora.
Lo troverai di notte, di giorno e di pomeriggio con i suoi orari di lavoro estremi, ma lo troverai sempre in forze pronto a qualsiasi cosa.
Grazie a Pergie, che è una delle figure più importanti per il familiare, con lei puoi parlare e ti senti ascoltata.
Purtroppo non sempre le cose hanno un lieto fine, ma questo è ciò che la mia mamma avrebbe voluto che scrivessi su di queste splendide persone.
Lei non c’è più , l’11 ottobre si è addormentata nello stesso luogo che le aveva ridato la vita e sono sicura che è stato un giorno triste al San Raffaele.
Un abbraccio a tutti dalla figlia di Annalisa.

Patologia trattata
Colangiocarcinoma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

La peculiarità

Temevo di non riuscire a trovare le parole adatte a esprimere la mia riconoscenza al prof. Aldrighetti e alla sua equipe. Ho avuto la percezione che mi fosse stato riservato un trattamento particolarmente attento e premuroso, così mi son preso la briga di scorrere tutte le recensioni che pazienti operati prima e dopo di me hanno lasciato a testimonianza della loro esperienza. Ho scoperto che tutti avevano da manifestare i miei stessi sentimenti, la mia stessa gratitudine, i miei stessi ringraziamenti . Questa è la straordinaria peculiarità di questa equipe, si la competenza, si la professionalità ma soprattutto la fiducia che riesce a trasmetterti con grande umanità. Quando ti confronti con queste diagnosi ti senti nudo, impotente. Nulla può la tua volontà, sei disarmato contro il tumore tuo nemico, non puoi contare sulle tue forze, metti la tua vita nelle mani altrui. In questo momento è importante sentire attorno a te la la premurosa attenzione di un reparto che esibisce strumenti e operatori di assoluto valore. Grazie professore, grazie a tutta l’equipe per essere riusciti a dare a tutti la tranquillità e la certezza che con abnegazione siete al nostro fianco in questa sfida.
Non sta a spendere elogi sulla competenza di questa equipe. Io ne sono la testimonianza, io che sono ancora qui, io che sto benissimo - e questo non era un epilogo scontato dopo che mi era stato diagnosticato un voluminoso colangiocarcinoma. Probabilmente altri nuovi sfortunati leggeranno questi commenti. A loro mi rivolgo: sappiate che se cercate competenza, abilità, professionalità, attenzione e umanità, qui le trovate.
Facchinetti Antonio

Patologia trattata
Colangiocarcinoma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamenti per tutta l'equipe

In data 22 giugno 2020 sono stato sottoposto a doppio intervento chirurgico di epatectomia destra + colecistectomia + emicolectomia dall'equipe del prof. Luca Aldrighetti. Non ho parole per ringraziarli per avermi letteralmente salvato la vita. Io e mia moglie saremo eternamente grati a tutti coloro che hanno partecipato all'intervento - prof. Aldrighetti/ dr. Paganelli/ dr. Catena/ dr. Finazzi/ dr.ssa Cipriani/ dr.ssa Ratti/ dr. Fiorentini- e alla sig.ra Pergi Stepanian, Navigator Nurse della chirurgia epatobiliare. Se ho dimenticato qualcuna, chiedo scusa.
Ancora un grande ringraziamento per la professionalità e l'umanità dimostrate, a conferma che le eccellenze esistono ancora. Il San Raffaele di Milano ne è un fulgido esempio.

Patologia trattata
Epatocarcinoma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

PROFESSIONALITÀ, COMPETENZA E UMANITA'

Fin dal primo incontro con il prof. Aldrighetti ho percepito di essere nel posto giusto.
Poi ai primi di marzo, quindi in piena esplosione Covid-19, sono tornata dalla Sardegna per l'intervento al fegato.
Tutto lo staff del reparto è stato professionale, attento e disponibile. Sono stata operata al fegato l'11 marzo e l'intervento è andato bene. Poi, vista la situazione del covid e le difficoltà ad affrontare un altro viaggio dalla Sardegna, il prof. Aldrighetti ha organizzato il secondo intervento al linfonodo inguinale il 18 marzo. Tutto è andato bene e il 20 marzo ero di nuovo a casa con la mia famiglia.
Un ringraziamento va a tutti. A partire dai medici, sino agli anestesisti, infermieri, Oss e tutte le persone che lavorano con serietà, professionalità e con l'attenzione al paziente, che non è per nulla scontata.
Grazie alla Pergi che mi ha seguito a distanza anche dopo il mio rientro a casa.
Un grazie particolare al prof. Aldrighetti per la sua umanità e disponibilità.

Patologia trattata
Metastasi fegato e linfonodo inguinale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie

Come la maggior parte dei pazienti del reparto di chirurgia epatobiliare, siamo arrivati al San Raffaele in un momento molto difficile e con tanta paura.
Abbiamo incontrato il Prof. Luca Aldrighetti nella prima visita. Dal primo incontro abbiamo subito capito che eravamo in mani sicure. Insieme alla Sua equipe, ha operato e salvato mia mamma da un colangiocarcinoma intraepatico perilare.
Oltre alla professionalità ed alla competenza, abbiamo trovato in tutti loro disponibilità, pazienza ed una grande umanità. Non ci siamo mai sentiti soli.
Di grandissimo supporto è stata anche la navigator nurse Pergi, sempre premurosa sia durante il ricovero che ancora oggi dopo le dimissioni.
Io e la mia famiglia vi saremo sempre grati per tutto quello che avete fatto per mia mamma.
GRAZIE.

Patologia trattata
Colangiocarcinoma intraepatico perilare.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamento

Volevo ringraziare tutto lo staff, dal Prof. Aldrighetti al Prof. Paganelli agli altri medici, ed a tutti coloro che in questi anni ci hanno supportato, aiutato e coccolato.
Purtroppo mio marito non ce ha fatta, ma sarò infinitamente grata per il tempo che ci avete regalato in più con lui.
Un abbraccio immenso a Pergi per la sue gentilezze.
Grazie di cuore.
Cosetta Beltrame Dell’Utri

Patologia trattata
Colangiocarcinoma.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

QUANDO SI DICE ECCELLENZA

Sono stata operata in sincronia ed in laparoscopia per tumore del sigma con metastasi al fegato dalla doppia equipe del professor Aldrighetti e del professor Rosati. Consiglio vivamente di rivolgersi al S.Raffaele ed in particolare all'equipe del prof. Aldrighetti per problemi epatobiliari, che con la sua grande competenza, esperienza, professionalità, simpatia e, non per ultima, grande umanità, mi ha consentito di affrontare con ottimismo e serenità la malattia.
Ringrazio la dottoressa Ratti, il dott. Paganelli ed il giovane e promettente dott. Marco Palucci, preziosi come gli altri per consigli e trasmissione di ottimismo.
Un particolare ringraziamento va al dott. Marco Catena, competente e sempre disponibile (anche la vigilia di Natale) pronto a tranquillizzarmi ed a darmi tutte le spiegazioni in modo semplice e comprensibile sulla fistola biliare che tardava a chiudersi. Ringrazio altresì tutto il reparto, sempre gentili.
Lascio per ultima, ma non per ultima, Pergi (navigator nurce) ormai un'amica che ha fatto da trade union fra me e l'equipe del professor Aldrighetti.
Che aggiungere: GRAZIE DI CUORE A TUTTI!!

Patologia trattata
Adenocarcinoma del sigma con metastasi epatiche.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Grazie al Prof. Aldrighetti e alla Dott.ssa Ratti

Il giorno 15 di giugno sono stata operata al fegato per una doppia resezione di metastasi generate da una lesione primaria al colon. Il risultato è stato stupefacente, l'intervento è ottimamente riuscito e ad oltre un mese di distanza sono in piena forma e pronta per l'intervento al colon.
Per questo non finirò mai di ringraziare il professor Aldrighetti. Un grazie particolare ed infinito anche alla dottoressa Ratti, eccellenza della chirurgia italiana, per la sua professionalità e gentilezza. Non posso inoltre non ringraziare tutto il personale infermieristico per le premurose cure, guidato dalla ineguagliabile navigator nurse Pergi.

Patologia trattata
Metastasi epatica per adenocarcinoma del giunto retto-sigma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Professionalità ed umanità imparagonabili

Sono stato ospite del reparto di chirurgia epatobiliare del San Raffaele dal 17 al 23 luglio 2020 per metastasi al fegato da tumore del colon. La prima volta che ho deciso di affidarmi a questa struttura è stato circa un anno e mezzo fa quando, incontrando il prof. Luca Aldrighetti, non ho esitato ad affidargli la mia vita. Non mi sono mai pentito della scelta fatta ed è solo grazie a lui ed alla sua fantastica equipe che oggi sono qui a scrivere. Umanità, serietà, professionalità e competenza ti accompagnano dall'ingresso al reparto sino al giorno delle dimissioni.
All'immenso prof. Luca Aldrighetti, alla speciale dott.ssa Francesca Ratti, a tutta la meravigliosa equipe, al personale infermieristico ed alla fantastica, premurosa ed attenta navigator nurse Pergi, va il mio più grande e sentito GRAZIE.
Aldo Cherchi

Patologia trattata
Metastasi al fegato da k colon.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Competenza, Professionalità, Umanità, Cortesia.

Queste sono solo alcune delle doti che per mia fortuna ho riscontrato nel Prof. Aldrighetti e nel suo Team.
Da anni sono affetto da una policistosi al fegato, alcune delle quali con dimensioni superiori ai 10 centimetri. Le cisti, ormai, non compromettono unicamente il buon funzionamento del fegato, ma creano pressione e problemi anche ai polmoni, stomaco e reni.
Con questa patologia debilitante mi sono rivolto al Prof. Aldrighetti, il quale dopo accurate visite ed esami, mi ha esaustivamente esposto i vantaggi e gli svantaggi delle possibili scelte operatorie.
Il giorno 9 Giugno 2020 il professore ed il suo Team eseguivano un magistrale intervento di settoriectomia laterale sinistra videolaparoscopica e fenestrazione di alcune cisti di grosse dimensioni dell'emifegato destro.
Devo ringraziare coloro che mi hanno ridato quella qualità di vita che avevo smarrito. Oltre allo staff dei chirurghi, la mia gratitudine si rivolge a tutto il gruppo infermieristico che con pazienza e gentilezza mi ha aiutato durante la degenza, avviandomi alla ripresa che a distanza di un mese mi ha permesso di risalire in bicicletta per lunghe passeggiate.
Mi è di conforto sapere che in questo nostro bistrattato paese esistono ancora centri di eccellenza come Il San Raffaele di Milano.

Patologia trattata
Policistosi Epatica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Una grande stima e riconoscenza

Da circa 8 anni mio marito è in cura presso il reparto di chirurgia epatobiliare diretto dal prof. Luca Aldrighetti, dove è stato sottoposto per ben 3 volte ad intervento chirurgico per noduli al fegato. Non finiremo mai di ringraziare tutto lo staff del professore Aldrighetti per la grande professionalita' ed umanità, e direi anche familiarità, con cui siamo accolti quasi come sentirci a casa... Grazie di cuore per aver salvata la vita a mio marito.
Un ringraziamento speciale alla meravigliosa Pergi ed alla dott.ssa Cipriani per il loro affetto, che ricambiamo di cuore.
Grazie di esistere queste eccellenze!!
Mario e Maria Teresa Castellani.

Patologia trattata
Epatocarcinoma con recidive.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie al dottor Aldrighetti e collaboratori

Nel giugno del 2019 la mia vita è cambiata dopo aver preso atto di un K alla vescica. Dopo l'intervento chirurgico alla vescica, effettuato nel novembre 2019, a fine maggio 2020 la TC evidenzia una lesione focale epatica. Mi è stato consigliato di rivolgermi al dottor Aldrighetti, al San Raffaele di Milano. Solo chi ha vissuto queste situazioni può capire le preoccupazioni che attanagliano la persona malata prima di un intervento. Questo è stato effettuato per via laparoscopica. Sono tornato a casa soddisfatto. Sin dal primo giorno di ricovero il dottor Aldrighetti, in maniera molto gentile, mi ha spiegato in termini precisi il da farsi. A Lui ed al suo staff va tutto il mio ringraziamento!! Un ringraziamento particolare va alla coordinatrice Pergi, che mi chiama tutte le settimane per sapere come sto, e questo è molto professionale.
Sappiate che da alcuni giorni in Abruzzo c'è un cuore che batte forte per voi.
Vorrei inoltre ringraziare il dottor Nicola Di Bartolomeo della Clinica Villa Serena di Città Sant'Angelo, il mitico Prof. Domenico Genovesi, responsabile della radioterapia dell'ospedale di Chieti, e la bravissima dottoressa Raffaella Basilico della Radiologia dell'ospedale di Chieti.

Patologia trattata
Lesione focale ipodensa epatica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

IMPECCABILI, GRANDE UMANITÀ

Sono arrivata in ospedale dopo un periodo complicato, quando la malattia si era nuovamente presentata.
La cortesia ed il calore trovato in reparto hanno sopraffatto la paura e la tristezza che mi portavo dentro.
Sin dal primo momento si sono tutti mostrati gentilissimi e umanamente vicini a me, al mio stato d’animo e a ciò che stavo vivendo lí dentro.
In sala operatoria hanno messo la musica che avevo richiesto per farmi stare più tranquilla, è stato un atto d’amore che non dimenticherò mai nella mia vita.
Ogni singola persona incontrata si è impegnata per far sì che stessi bene, sia prima che dopo l’operazione.
Il professor Aldrighetti, oltre alla sua incredibile competenza, si è dimostrato molto umano e disponibile, sempre pronto a sdrammatizzare momenti complicati.
Ringrazio di cuore tutta l’equipe medica insieme a tutti quelli che si sono occupati di me in quella settimana così lunga, a partire dai medici, passando per gli infermieri, chi si è occupato di pulire la stanza, cambiare le lenzuola del letto, mantenendo l’ambiente sempre pulito e chi mi ha servito da mangiare.
Un particolare ringraziamento a Pergi, che con la sua disponibilità, il suo sorriso ed il suo calore ha reso tutto il percorso più leggero. Si è occupata di me con grande serietà ed attenzione, sia quando ero in ospedale che dopo, sempre reperibile, gentile, dolce e premurosa.
Non avrei potuto trovare di meglio.
Grazie a tutti.

Patologia trattata
Metastasi epatiche da neoplasia colorettale.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Tumore di Klatskin

Sono entrato in contatto con il professore Luca Aldrighetti sotto consiglio del primario del reparto presso il quale ero ricoverato.
Il Professore mi ha subito spiegato in maniera chiara ed inequivocabile la situazione nella quale versavo, illustrandomi dettagliatamente l'intervento al quale dovevo sottopormi.
L'intervento, perfettamente riuscito, è durato più di 8 ore, ma devo ringraziare lui e la sua equipe se oggi ho l'opportunità di poter scrivere questa recensione.
Estendo la mia gratitudine anche allo staff del reparto, in particolar modo alla navigator nurse Pergi per la sua vicinanza e professionalità.

Patologia trattata
Tumore di Klatskin.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Pienamente soddisfatto

Dopo quasi vent’anni ho rivisto il prof. Aldrighetti, che nel 2001, come membro dell’equipe guidata dal prof. Ferla, aveva operato e salvato la vita ad un mio famigliare.

Avevo per questo già allora avuto modo di constatare le grandi capacità professionali e umane del professore.

Nelle settimane scorse, quando un mio congiunto ha dovuto operarsi, ha deciso di rivolgersi a lui e alla sua straordinaria equipe medica (non posso citarli tutti per non correre il rischio di dimenticare anche un solo tassello di un mosaico così ben riuscito).
L’intervento chirurgico è stato eseguito alla perfezione e con capacità non comune.

Chiarezza, competenza, preparazione e professionalità hanno aiutato rapidamente a superare le varie difficili fasi che la problematica ha comportato.

Da sottolineare positivamente la vicinanza umana e l’attenzione personale costante ricevuta da tutti anche dopo le dimissioni, con telefonate quotidiane e parole di incoraggiamento sia da parte del Professore che dai suoi più stretti collaboratori come Pergi.

Vorrei aggiungere che la grande professionalità e umanità sono state decisive anche per indurre il paziente a decidere di farsi operare in un momento così complesso e delicato a causa del coronavirus. Non vi è stata alcuna paura del contagio e vi era la piena sensazione di essere in sicurezza. Così è stato.
Una sola parola a tutti voi: grazie.

Patologia trattata
Noduli HCC.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Quando curi una malattia puoi vincere o perdere

Il mio primo contatto con il Prof. Aldrighetti è avvenuto l'11 febbraio 2020 in seguito al suggerimento della mia oncologa di riferimento, che mai finiro' di ringraziare.
Sono giunta da lui dopo essermi sottoposta a dieci chemio che hanno fortunatamente determinato un'importante riduzione delle gravi lesioni epatiche secondarie, causate da una primitiva con sede nel colon (sigma).
In quell'occasione il Prof., ad oggi per me persona speciale ed illustre professionista, schietto e rigoroso ma al tempo stesso accogliente e premuroso, mi ha dedicato il suo tempo e la sua attenzione senza risparmiarsi, illustrandomi con un linguaggio chiaro e comprensibile cosa intendesse fare, sciogliendo tutti i miei dubbi e fornendo una risposta precisa ad ogni mia domanda (ero lì con una discreta lista).
Valutando, dopo attenta analisi, la mia situazione ottimale per poter intervenire chirurgicamente, si é immediatamente attivato, insieme alla splendida dott.ssa Ratti, affinché questo avvenisse nel più breve tempo possibile: il 13 febbraio ho effettuato tutti gli esami preoperatori ed il 19 sono stata operata con esito positivo.
Durante i giorni di degenza ho avuto modo e piacere di conoscere tutta l'equipe: ciascuno di loro ha la sua peculiarità, una sorta di elemento distintivo che lo rende immediatamente identificabile agli occhi del paziente; esiste però tra loro un comune denominatore che risiede, a mio parere, nella passione sconfinata per il proprio lavoro, che io non considero una professione ma una vera e propria missione, nel rispetto e nella presa in carico del paziente a 360 gradi, nel riuscire a vedere davanti a sé in primis la persona nella sua unicità, con la sua storia, le sue paure, le sue fragilità, e dopo la sua malattia, che rappresenta solo una parte del tutto, seppur in quel momento significativa e forse totalizzante nel vissuto della persona stessa.
Io mi sento molto fortunata ad aver incontrato questi "esseri speciali"...la relazione costruita con loro nei giorni di degenza, durante le puntuali visite quotidiane, in cui mi informavano sul mio stato di salute e dove non si sono mai presentati sprovvisti di un sorriso o di una parola carina, la telefonata inaspettata del Prof., le chiamate quotidiane ed i messaggi sinceri della mia amata Pergi, una volta tornata a casa, hanno fatto la differenza nel modo di affrontare il momento decisamente più difficile della mia vita, almeno fino ad oggi.
Mi sono sempre sentita seguita, protetta, in mani sicure, e mai, neanche solo per un istante, mi sono sentita un numero.
Questo vissuto continua a restituirmi tuttora, a circa due mesi di distanza dall'intervento, una sensazione di fiducia e conforto nei momenti in cui, e ci sono, lo sconforto rischia di prendere il sopravvento.
Infinitamente GRAZIE...

Patologia trattata
Metastasi epatiche da k colon.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Cistoadenoma mucinoso del fegato con displasia

La mia diagnosi è molto seria e l’intervento di radicalizzazione è un intervento assai delicato. L’intervento è necessario. Il rischio di mortalità per questo tipo di intervento è dell’ordine del 4-6%. Sembra un numero basso, ma è un numero importante visto che in genere, mi dicono, si opera con un rischio dell’1%. Ma io non ho scelta: questa operazione va fatta! Perché se dovesse partire il tumore, le possibilità di vita sono basse.
Sono al San Raffaele, nelle mani dell’Unità Operativa Chirurgia Epato- Biliare, che ha come direttore il dott. Luca Aldrighetti.
La mia storia è un po’ complicata, sono passata da una diagnosi di cisti semplice, alla diagnosi di cui sotto. Tutti gli esami fatti, ecografie, TAC, RMN, non avevano messo in evidenza una situazione del genere ed ora bisogna “radicalizzare”, togliere tutta la parete della cisti rimasta, che purtroppo risulta essere un cistoadenoma biliare con displasia di alto grado dell’epitelio.
Sono stata operata il 2 dicembre 2019 con previo posizionamento di una protesi plastica nel dotto biliare; protesi che poi mi verrà tolta prima delle dimissioni.
La settimana scorsa ho fatto gli esami di controllo, una RMN e gli esami del sangue ed alla visita di controllo il dott. Aldrighetti con il dott. Catena, in presenza del dott. Fiorentini, che mi hanno operato, mi hanno detto: “Praticamente guarita!”. Certo, devo sottopormi ad altri controlli come da follow-up.
Sto bene, molto bene. Tutto era cominciato con un rialzo della YGT, e guarda dove sono arrivata!
Devo ringraziare tutto il personale infermieristico del reparto, la navigator nurse Pergi, che mi ha seguito con molta professionalizza e gentilezza, con telefonate quando già ero a casa, e tutta l’equipe medica.
Un particolare ringraziamento alla dott.ssa Francesca Ratti che mi ha accolta e si è resa molto disponibile e presente con telefonate ed e-mail e si è premurata di chiamarmi per vedere insieme l’esito della biopsia della precedente operazione (dove appunto si evidenziava la presenza di cellule ad alto rischio di trasformarsi in tumore). Eravamo a due giorni dalla Pasqua del 2019 e quando le ho detto sorridendo: “Magari era meglio che questa notizia me la dicesse dopo Pasqua, almeno la passavo bene”; mi ha risposto: “Sí, lei sí, ma io no, avrei avuto tutto questo come un peso”.
Bhe che dire! Questo, per me, è stato molto di più di tanti discorsi.
Il ringraziamento più grande, naturalmente va al dottor Aldrighetti ed al dottor Catena che mi hanno operata: quelle ottime mani nelle quali ogni paziente vorrebbe finire. Ringraziamento non solo per essere una eccellenza in questo campo, ma anche per le qualità umane che li contraddistinguono. Ho trovato sempre grande disponibilità per ogni cosa. E sono stata e sono seguita anche ora in modo eccellente; quell’eccellenza e quell’attenzione di cui noi pazienti abbiamo assolutamente bisogno.
Voglio lasciare questa mia testimonianza affinchè possa dare speranza di guarigione: siamo in ottime mani!

Patologia trattata
Cistoadenoma mucinoso del fegato con displasia di alto grado/ cistoadenocarcinoma in situ.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

VERA ECCELLENZA E UMANITA'

Nel mese di agosto 2019 venivo ricoverata presso l'ospedale di Saronno dove, dopo asportazione di calcoli al coledoco, viene diagnosticato sospetto colangiocarcinoma.
A questo punto il Dott. Zetti, chirurgo epatologo dello stesso ospedale (che mi è stato di grande aiuto dopo il rientro a domicilio nel controllo dei drenaggi) mi metteva in contatto con il Prof. Aldrighetti che, oltre alla sua professionalità e competenza, con la sua dote non indifferente di umanità, da subito mi ha ispirato fiducia, molto chiaro nelle spiegazioni e sempre disponibile a chiarire ogni mio dubbio.
Il 24 ottobre sono stata operata dal Prof. Aldrighetti, che ha dovuto affrontare con la sua equipe un intervento molto complesso e delicato, durato più di 8 ore.
Nel periodo post operatorio, durante le visite del Prof. Aldrighetti e della sua equipe, ho avuto la conferma della professionalità e competenza di tutti loro e mi rendevo conto della fortuna che ho avuto di trovarmi in questa struttura.
E' difficile trovare parole per esprimere la mia gratitudine, se non "GRAZIE" del trattamento ricevuto, anche da parte del personale infermieristico.
Un ringraziamento particolare alla navigator nurse Pergi, che considero la mia assistente personale, sempre disponibile, sia durante il decorso post operatorio ma anche dopo il rientro a domicilio. Le sue telefonate e i suoi messaggi sono stati un grande sostegno in un periodo non facile. Ancora oggi è per me un punto di riferimento importante.

Patologia trattata
COLANGIOCARCINOMA - epatectomia centrale (segmenti 4-5-8) + resezione carrefour biliare, linfadenectomia e doppia anastomosi bilio-digestiva per via laparotomica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Incontro provvidenziale

E’ trascorso poco più di un mese dall’intervento ed ora ripenso all’esperienza vissuta. Da esami fatti per caso si era evidenziato un problema di salute. Amici mi avevano segnalato il dott. Cereda dell’ospedale S.Raffaele. Il dr. Cereda ha capito sin dal primo incontro la gravità della malattia e tempestivamente, tramite la dott.ssa Federica Cipriani, mi ha indirizzato al dr. Luca Aldrighetti, che sapevo essere un’eccellenza nel campo della chirurgia epatobiliare. Da subito sono rimasto colpito dalla chiarezza con cui il dr. Aldigretti mi esponeva la gravità e la complessità dell’intervento, ma soprattutto mi sorprendeva il tono rassicurante con cui mi dava coraggio e speranza. Nei giorni post-operatori, durante le visite quotidiane del dr. Aldigretti e della sua équipe, mi sono reso conto della professionalità di tutti e sempre più li sentivo vicini in un periodo per me particolarmente delicato. Mi sento di esprimere un ringraziamento particolare alla dott.ssa Reineke, in cui ho posto tutta la mia fiducia e che mi ha assistito per ore dopo l’operazione sino al mio risveglio. La mia riconoscenza va anche al dott. Gaetano Lombardi, con cui ho dialogato a lungo una sera, alla dott.ssa Cipriani, che pazientemente mi ha dato i primi chiarimenti, e alla dott.ssa Francesca Ratti, che con il suo sorriso aperto mi ha contagiato con la sua allegria.
Un grazie affettuoso alla gentilissima Pergi con cui scambiavo comunicazioni riguardanti le problematiche della mia salute e che con la sua dolcezza mi ha sempre incoraggiato. Ho trovato tutto il reparto infermieristico attento, premuroso e cordiale e sempre disponibile. L’incontro con il dott. Luca Aldigretti è stato per me importante e certamente serberò nel mio cuore l’eccellente professionista e la simpatica persona che condivideva con me la passione per le montagne e per il calcio.

Patologia trattata
Colangiocarcinoma intra-epatico.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie infinite

Il servizio è stato eccellente da tutti i punti di vista.
Siamo stati ricevuti e sostenuti con umanità ed efficienza.
Non potevamo chiedere di meglio.

Ringraziamo di cuore il Prof. Luca Aldrighetti e tutta la sua squadra e in particolare Pergi, per il supporto e la disponibilità.

Patologia trattata
Trattamento chirurgico di metastasi epatiche.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Epatocarcinoma

Il 5 aprile 2018 ho avuto una forte aritmia. Ricoverato d'urgenza, mi viene praticata la cardioversione; trattenuto in ospedale mi vengono fatti tutti gli esami del sangue. Risultati tutti sballati, da lì mi fanno eco addome, Tac, RM, con esito di epatocarcinoma.
Mia moglie, spaventata da tale esito, ha interpellato il reparto di chirurgia epatobiliare del San Raffaele. Dopo il primo colloquio telefonico con la Dott.ssa Ratti Francesca, ho fatto avere tutta la documentazione in mio possesso; la Dott.ssa Ratti e il Prof. Aldrighetti hanno visionato il tutto e, dopo avermi spiegato la mia reale situazione, hanno deciso di operarmi il laparoscopia. Confesso che ero molto spaventato, mia moglie più di me e cercava di farmi coraggio. Il 7 giugno 2018 mi hanno operato, il 10 sono tornato a casa e, dopo un mese di convalescenza, ho ripreso il mio lavoro di camionista. Ringrazierò sempre con affetto tutta l'equipe del professor Aldrighetti per avermi ridato la vita. Ringrazio la Dott.ssa Ratti per avermi seguito nei controlli successivi.

Patologia trattata
Epatocarcinoma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie

Vogliamo condividere, con chi in questo momento si trova in un periodo pieno di incertezze, la nostra esperienza diretta quella di mia madre (come paziente) e indiretta la mia (come figlia).
Tutto è partito ad agosto 2019 da un banale ma incessante prurito confuso, per troppa leggerezza del medico curante, con una allergia. Più passavano i giorni e più la situazione di mia mamma peggiorava, gli esiti delle analisi erano drammatici. Al pronto soccorso della nostra città dal primo esame si accorgono subito che c’è qualcosa che non va. Mia mamma è stata ricoverata 12 lunghissimi giorni nell’incertezza generale sulle procedure da eseguire, poi finalmente una speranza, un nome: il Professore Aldrighetti.
Il primo passo: il caso.
Pochissimi giorni dopo il secondo passo: il ricovero.
Nello stesso giorno esami su esami e preparazione all’intervento.
Da subito il Professore e tutta la sua equipe si sono dimostrati professionalmente competenti e meravigliosamente umani.
L’intervento di mia mamma è durato 10 lunghissime ore, è rimasta un paio di giorni in rianimazione e poi è iniziato il suo post operatorio, non privo di qualche complicazione.
Durante tutto questo periodo, dal nostro primo incontro a durante tutta la degenza, dopo la dimissione e ancora adesso, non ci siamo mai sentiti soli, ogni dubbio è stato sempre fugato ogni preoccupazione messa a tacere da competenza ed empatia.
Non è quantificabile la gratitudine che proviamo per tutti; per il Professore Aldrighetti che, mosso dalla sua evidente e immensa dedizione per il suo lavoro, sostenuto dalla sua straordinaria equipe, l’ha salvata; per la Pergi, sempre presente e disponibile e che con il suo motivante “fuori dal letto“ ha spronato mia mamma a reagire con coraggio; per tutto il personale infermieristico, sempre attento e competente, in particolare la competenza e la dolcezza di Lucia e la competenza e la premura di Jacopo; per tutto il personale OSS; per l’attenzione di Emilio e Laura, l’allegria di Davide e per l’instancabile e insostituibile Rino; per i fisioterapisti e per tutte le figure professionali che abitano quel reparto. In questi lunghi mesi non ci siamo mai sentiti dei numeri. Abbiamo ancora un po’ di strada da fare, ma grazie a tutti voi possiamo ricominciare a vivere.

Patologia trattata
Colangiocarcinoma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

RESTITUITO ALLA VITA!

Il 17 Dicembre 2019, senza che avessi avuto un problema o un dolore o un fastidio, ho avuto qualche linea di febbre, improvvisa e fugace. Mia moglie, come tutte le donne, si è subito allarmata ed ha voluto che facessi una visita da un gastroenterologo. Alla visita è seguita una ECO ed una colonscopia. La colonscopia risultava parziale, come se vi fosse in atto un forte restringimento del colon. Una veloce, ma approfondita, indagine dei Social, indicava alcuni Centri di eccellenza in Italia. Il Pascale di Napoli, l'Humanitas di Milano ed il San Raffaele di Milano. 3 visite prenotate e 3 visite fatte e la certezza, da subito, di aver già scelto. Sarebbe stato il Prof. Luca Aldrighetti a decidere della mia Vita, un'empatia piena, immediata, totale. Prima Visita il 3 Gennaio. Convocazione al 12 ed intervento al 21 Gennaio 2020. Un intervento di 12 ore, con 2 Equipe: un primo intervento al colon, che non era in fase di restringimento, come erroneamente si era pensato in sede di colonscopia, ma era semplicemente invaso da una massa tumorale; un secondo intervento al fegato, ove già si andavano formandosi piccoli focolai di tumori maligni. Il risveglio, con la mia mano in quella dell'anestesista e la sua voce che mi riportava in vita. Le lacrime di mia moglie e dei miei amati figli ... sono vivo. Una sensazione meravigliosa, un orologio che sembrava fermato che riprende a ticchettare. I sogni, le aspirazioni, la voglia di vivere. Tutto riprende ad avere un senso. Poi la degenza post intervento. Un'assistenza corale, puntuale, umana e professionale. Personale paramedico (tutto giovanissimo) e lo Staff del Prof. ALDRIGHETTI, semplicemente straordinari. Ho da subito manifestato la mia riconoscenza, ma non smetterò mai di esserVi riconoscenti in eterno e sono felice di aver fatto la scelta migliore che avrei potuto fare. Dal Prof. ALDRIGHETTI, a PARISE, a QUATTROMANI, ad OTTAVIANI, alla PERGI, a tutto lo Staff, ai giovani infermieri, nessuno escluso, il mio eterno grazie.

Patologia trattata
TUMORE AL COLON DISCENDENTE E 4 NODULI METASTATICI AL FEGATO.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Un Grazie di cuore a tutti

Un grazie infinito a tutti.
A mio padre a marzo 2018 era stato diagnosticato un nodulo  tumorale al fegato e, dopo vari consulti presso gli ospedali dell'asl imperiese e savonese, ci è stato consigliato di consultare il dottor Aldrighetti.
Prima del consulti papà era molto demoralizzato, ma devo dire che la professionalità, l'umanità, la disponibilità  del dottor Aldrighetti ci hanno reso tutto più semplice.
A dicembre 2018 papà è stato operato. L'intervento è riuscito benissimo e siamo stati seguiti molto premurosamente da tutto lo staff di medici e infermieri. Siamo stati seguiti nel post operatorio in maniera eccellente con messaggi e telefonate. Ogni dubbio che avevamo è stato chiarito subito grazie  alla disponibilità  di tutti; in particolar modo un ringraziamento speciale a Pergi, alla dottoressa Francesca Ratti ed alla dottoressa Federica Cipriani che ci hanno seguito scrupolosamente  in ogni momento portandoci aiuto e conforto in un momento poco facile.
Papà ha avuto bisogno di un altro intervento a novembre del 2019 con lo stesso identico trattamento del primo... DI NUOVO PROFESSIONALITÀ, DISPONIBILITÀ  E UMANITÀ.
Un grazie sincero al dottor Aldrighetti  e a tutta la sua equipe di dottori e  infermieri.

Patologia trattata
Tumore del fegato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Vera eccellenza italiana

Sono stato ricoverato più volte (epatectomia sinistra allargata; ripristino continuità biliare; emicolectomia sinistra laparoscopica; doppia bilioplastica; nodulectomia; posizionamento di endoprotesi biliare riassorbibile; ERCP con bilioplastica) presso il reparto di Chirurgia epatobiliare dell'Ospedale San Raffaele, diretto egregiamente dal Prof. Aldrighetti. Un vero luminare, ricercatore, professionista assoluto, studioso, chirurgo imparagonabile, innovatore, competente, sempre disponibile, umano, schietto, un motivatore per la sua equipe e per i pazienti. L'equipe chirurgica è decisamente di altissimo livello e grande professionalità, coadiuvata da uno staff di personale infermieristico e di OSS che supportano il paziente in ogni momento, con competenza, cortesia, bravura e umanità, costante attenzione anche una volta dimessi dal reparto. Così il Dott. Paganelli, il Dott. Marco Catena, il Dott. Renato Finazzi, le fantastiche dottoressa Francesca Ratti e dottoressa Federica Cipriani. Fantastica la navigator nurse (Pergi), estremamente competente, attenta e disponibile. Insomma un reparto che è una perfetta macchina da guerra contro le malattie epatobiliari. Tutto il reparto gode inoltre di enorme stima presso gli altri reparti del San Raffaele, lo dimostra l'estrema attenzione che viene riposta ai casi provenienti dall'epatobiliare, la cortesia e lo scambio professionale che ne fa una eccellenza introvabile altrove. A Roma non avrei avuto scampo.
Il mio è un sincero ringraziamento al Prof. Aldrighetti, alla sua equipe e al suo staff, con infinita stima e riconoscenza.

Patologia trattata
Localizzazione epatica di adenocarcinoma mucinoso, metastasi epatica da neoplasia primitiva del grosso intestino.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

GRAZIE DI CUORE

Riporto l'esperienza avuta con mia mamma, non riguardava me direttamente.
Siamo giunte al reparto di chirurgia Epatobiliare del San Raffaele dopo un intervento in un'altra struttura di colecistectomia totale.
L'esito era di neoplasia della colecisti.
Una persona a me cara ci ha consigliato di appoggiarci all'equipe del Dott. Aldrighetti ed in particolare siamo stati indirizzati dalla Dott.ssa Ratti, la quale ci ha seguito con attenzione ed umanità nel nostro percorso, soprattutto per gli esami e gli accertamenti.
L'intervento al quale mia mamma é stata sottoposta era di resezione di parte del fegato.
L'esito dell'intervento é stato positivo e per fortuna non sono servite terapie oncologiche aggiuntive.
Ora siamo in fase di controlli come da prassi.
Un particolare ringraziamento va a tutto lo Staff del reparto Epatobiliare, in particolare alla Dott.ssa Francesca Ratti (che ci ha dato un grandissimo supporto soprattutto umanamente), al Dott. Michele Paganelli e alla Navigator Nurse Pergy, che è stata un punto di riferimento importantissimo durante tutta la degenza in ospedale, ma anche a casa dopo le dimissioni.
É entusiasmante vedere che il lavoro di squadra parta dai Chirurghi ma coinvolga tutto il personale con ottimi risultati!!
Grazie a tutto lo Staff, siete davvero una Eccellenza nella professionalità e nella sensibilità coi pazienti ed anche coi familiari!

Patologia trattata
NEOPLASIA COLECISTI - intervento RESEZIONE EPATICA.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Riconoscenza e ringraziamento

Nel dicembre 2018, presso l'ospedale di Saronno, nell'ambito di accertamenti per un'embolia polmonare bilaterale da trombosi, mi veniva inaspettatamente diagnosticato un colangiocarcinoma intraepatico tipo T4, non operabile, non trapiantabile. A dispetto del verdetto, il Dr. Zetti, chirurgo epatico nello stesso ospedale, mi metteva in contatto con il Dr. Aldrighetti, responsabile del reparto di chirurgia epatobiliare del San Raffaele, il quale, con chiare e puntuali informazioni che non escludevano difficoltà e possibili insuccessi, mi proponeva un intervento urgente al fegato, donandomi così una speranza verso una possibile soluzione del problema.
Ho così avuto modo di conoscere e apprezzare sia la professionalità e reale multidisciplinarietà del gruppo del Dr. Aldrighetti, che la cura individuale del paziente, ai suoi dubbi e necessità, con puntuali e immediate risposte da parte di tutto lo staff, dai medici al navigator nurse.
Il percorso è ancora lungo e tortuoso, ma non sarei certamente ora qui a parlarne senza l'aiuto e la professionalità di queste persone, a cui è indirizzato il mio più sentito ringraziamento.

Patologia trattata
Colangiocarcinoma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie di cuore a tutti

Sono stata operata a luglio 2019 dal prof. Aldrighetti per quello che, scoperto per puro caso, si rivelato poi essere un tumore neuroendocrino al fegato.
Ho ricevuto da tutti, medici ed infermieri, un trattamento davvero eccezionale sia dal punto di vista medico sia dal punto di vista umano. Questo ha permesso a me e ai miei familiari di vivere questo momento con maggiore tranquillità, avendo la certezza di essere in ottime mani.
Perfetta anche la disponibilità e l'attenzione dimostrata dopo le dimissioni. Le telefonate ed i messaggi della dr.ssa Ratti e di Pergi (sempre disponibili anche durante le loro vacanze) sono stati un grande aiuto e un sostegno in un periodo non facile.
Grazie di cuore a tutti quanti.

Patologia trattata
Tumore neuroendocrino al fegato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

5 stelle

Ho subìto 4 interventi presso questa struttura da parte del prof. Aldrighetti e, da veterano, posso affermare che il dottore e la sua squadra sono professionisti di altissimo livello, curano con attenzione sia dal punto di vista clinico che umano.

Patologia trattata
Metastasi epatiche da k colon.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Colangiocarcinoma

Diagnosticato dal Prof. Luca Aldrighetti un colangiocarcinoma, è stato nei mesi successivi curato con estrema professionalità e dedizione dallo staff infermieristico del reparto, coordinato dalla Dott.ssa Francesca Ratti, dottor Renato Finazzi e dottor Michele Paganelli con il contributo dei medici Fiorentini e Mastriale.
Un riconoscimento particolare a Pergi, che rimane un punto di riferimento insostituibile dello staff in termini di disponibilità e umanità.

Patologia trattata
Colangiocarcinoma.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Un ringraziamento dal profondo del cuore

il 12 giugno 2019 sono stata operata al fegato per un tumore dal dott. Luca Aldrighetti. Oggi a distanza di un mese e mezzo sto scrivendo questo commento sul terrazzino davanti al mare, in cui tutti i giorni faccio il bagno, in vacanza.
Quando a ottobre 2018 ho scoperto il tumore avevo deciso di arrendermi. Era il quarto tumore che affrontavo: seno destro, seno sinistro, colon e adesso fegato. Operazioni, radioterapia, 2 chemioterapie, lo svuotamento del cavo ascellare destro, trombosi venosa profonda braccio sinistro, parestesie, neuropatie mani e piedi e in più una artrite reumatoide in fase acuta.
Ho pensato adesso basta, se il mio corpo continua a produrre tumori lascia che sia. Non posso affrontare un'altra volta tutto il dolore e la fatica di questo percorso. Poi un chirurgo di Reggio Emilia che mi aveva operato in passato mi ha detto di vedere il dott. Aldrighetti.
Sono andata a Milano; il dott. Aldrighetti mi ha detto "la posso operare e fra un mese lei ritornerà alla sua vita normale". E' così sto facendo le stesse cose che ho fatto l'anno scorso prima del tumore.
Quello che posso affermare con sicurezza è che il dott. Aldrighetti e la sua equipe sono eccezionali. Non solo per professionalità e competenza, ma anche per la grande umanità e attenzione che dedicano ai pazienti.
Non mi sono mai sentita sola con la mia malattia. Ogni dubbio, ansia, domanda angosciosa ha trovato immediata e serena risposta, telefonica o via mail, sia prima che dopo l'operazione.
Tutto è stato spiegato con chiarezza, con sollecitudine e empatia. Tutto lo staff sia medico che infermieristico di altissimo livello e di grande umanità.
Un grazie dal profondo del cuore da me e da tutta la mia famiglia a tutti e al dott. Aldrighetti.
Con Pergi ho un debito: un caffè nel suo meraviglioso paese, a Erevan.

Patologia trattata
Epatocarcinoma.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Chirurgia Epatica di eccellenza

Oltre alla competenza professionale, segnalo la qualità della squadra, a tutti i livelli e l’attenzione al valore della persona.

Patologia trattata
Metastasi epatiche.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Straordinaria umanità e professionalità

Ringrazio tutto lo staff multidisciplinare della Liver Unit e della Chirurgia Epatobiliare e, in particolare, il Dr. Aldrighetti, il Dr. Finazzi, la Dr.ssa Reineke e la Nurse Navigator Pergi. L'esperienza umana dalla prima visita al pre-ricovero e all'intervento è stata bellissima e mi ha fatto attraversare con gioia un periodo drammatico della mia vita segnato da una diagnosi avvenuta per caso (grazie al Dr. Gianpiero Cardone e alla Radiologia del Ssn Raffaele Turro) di una malattia che è terza causa di mortalità per cancro a livello mondiale. La loro professionalità e la loro umanità mi ha fatto sentire sempre al sicuro, in ottime mani, e mi ha fatto percepire l'importanza che ho avuto per loro e la costante vicinanza umana in un contesto organizzativo e scientifico di eccellenza. Non dimenticherò mai il calore e l'accuratezza delle visite di pre-ricovero e la mia commozione nel vedere, in sala operatoria, tutte le persone che avevo incontrato nei giorni precedenti presenti e pronte per me, con tanta dedizione e con tanta carica professionale ed umana. L'intervento è perfettamente riuscito, compresa l'anestesia e la gestione del dolore postoperatorio: ho grandi speranze di poter superare la malattia, o comunque di vivere più a lungo; sono stato seguito da remoto anche dopo la dimissione e, grazie a tutti loro, ho vissuto questa esperienza con gioia e con serenità. Non ho parole per ringraziare, è come se fossi nato nuovamente. Sono consapevole del privilegio di essere stato curato in una divisione chirurgica di eccellenza mondiale, sia per l'aspetto chirurgico, sia per quello anestesiologico perfettamente integrati in una squadra unita e vincente, così come per le cure ricevute in reparto. Animato da una forte fede religiosa, ringrazio il Signore per averci donato un ospedale così eccellente con personale eccellente per preparazione ed umanità.
Grazie ancora, di cuore, alla Chirurgia Epatobiliare e alla Liver Unit dell'Ospedale Universitario San Raffaele di Milano.

Patologia trattata
Carcinoma Epatocellulare HCC.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

RINGRAZIAMENTO

Sono stata visitata dal Dr. Luca Aldrighetti a seguito della scoperta accidentale di un sospetto adenoma epatico a seguito di un intervento di colecistectomia per calcoli biliari.
Il dr. Aldrighetti mi ha subito ispirato fiducia e messa a mio agio e nelle spiegazioni è stato chiaro, in quanto non ha usato paroloni difficili o termini scientifici, di cui la maggior parte delle volte non se ne capisce il significato o si ha paura di scoprirne lo stesso, ma ha usato termini semplici e puliti ed ha chiarito qualsiasi dubbio e domanda che gli è stata posta.
Un ringraziamento va a tutto lo staff medico e infermieristico e anche all'anestesista che mi ha seguita, la quale anche lei è riuscita a placare le mie paure in merito all'anestesia.
Grazie di cuore anche a Pergi, conosciuta il giorno del pre-ricovero e che con il colloquio, seppur breve, mi ha rassicurato con le sue parole, mi ha messo subito a mio agio, mi ha seguita tutti i giorni passo per passo alla mia dimissione e ha sempre avuto parole rassicuranti e incoraggianti.
Che dire, un team fantastico che ti fa sentire come in una grande famiglia.
Grazie di cuore a tutti.
Laura

Patologia trattata
ADENOMA EPATICO, SOSPETTA IPERPLASIA NODULARE FOCALE.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Un’eccellenza che merita il meglio

Non parlo volentieri pubblicamente della mia malattia, ma sento di voler esprimere estrema riconoscenza al dott. Luca Aldrighetti per la professionalità e per la fiducia che mi ha trasmesso. Un intervento per me impegnativo, che mi ha messo in difficoltà fisicamente ed emotivamente, ma che ora, a distanza di quasi 6 mesi, mi lascia ricordi positivi. Nel suo staff ho incontrato medici e infermieri meravigliosi: la dottoressa Ratti, che con dolcezza mi ha preparata spiegandomi l’intervento e passando a salutarmi sempre, con il suo sorriso bello e le parole gentili; il dott. Pagnanelli, che mi ha spronata a camminare senza indugi durante la degenza leggendo la mia forza oltre le difficoltà e che mi ha consegnato la lettera di dimissioni incoraggiandomi; la dott.ssa Cipriani, che ho conosciuto in visita prima dell’intervento e dietro la cui espressione un po’ severa lascia scoprire il lato più umanamente vicino al paziente; Federico l’infermiere, presente al momento giusto ogni volta che il bisogno chiamava; Veronica l’infermiera, che con le sue carezze mi ha fatta sentire coccolata; Paolo il barelliere, che tutti i giorni passava per un saluto e una battuta; la dott.ssa Reineke, l’anestesista a cui ho prestato una parte di me lasciandomi pungere con tutta la mia paura e non mi ha lasciata sola nemmeno nei giorni seguenti; Pergi, la mia assistente personale speciale, perché non saprei come altro definirla, visto quanto si è resa disponibile sempre.
Queste sono le persone che ho incontrato, per me anime belle, che accordano professionalità estrema con umanità profonda. Se Saper formare e mantenere una squadra di alto livello è una rarità in tutti i settori professionali, in campo medico ha un valore ancora più alto, perché “si lavora” con la vita delle persone, allora ecco che riuscirci significa avere alla guida una persona estremamente intelligente, preparata e motivata. In questo la chirurgia epatobiliare del San Raffaele eccelle e io mi sento molto fortunata per aver avuto la possibilità di essere passata nei vostri corridoi mettendo la mia vita nelle vostre mani, nelle vostre intelligenze e nei vostri cuori. Il mio grazie è per tutti voi e naturalmente ringrazio il mio oncologo, Dott Giovanardi, per avermi accompagnata fin da voi e per essere vigile al mio fianco sempre.

Patologia trattata
Resezione epatica 7s in laparoscopia per secondarismo epatico da carcinoma mammario.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

GRAZIE A TUTTI

Un Team eccezionale guidato dal grande Prof. Aldrighetti, medico preparatissimo, disponibile e umano, nonché una persona gentile e simpatica.
Infermieri e collaboratori medici, anche loro, gentili, attenti e premurosi nei confronti dei pazienti.
Struttura, servizi e macchinari all'avanguardia.
Grazie di cuore a tutti.

Patologia trattata
IPERPLASIA NODULARE FOCALE (FNH EPATICO).
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

RINGRAZIAMENTO

Il 15 febbraio ho avuto un intervento chirurgico al San Raffaele, molto complesso e delicato; più precisamente trattasi di resezione epatica del Sg 5-6, colecistectomia ed emicolectomia destra per via laparoscopica: doppio intervento durato otto ore e mezzo e riuscito perfettamente.
Le parole per ringraziare le varie equipe che si sono prestate per entrambi gli interventi, sono difficili da trovare.
Posso però dire a loro un immenso GRAZIE, in particolare al Primario della chirurgia Epatobiliare Dott. Aldrighetti e staff, alla chirurgia Gastroenterologia, agli Anestesisti, agli assistenti tutti, GRAZIE DI CUORE A TUTTI per la grande professionalità dimostrata.
Non voglio dimenticare di ringraziare tutto il personale infermieristico, da me chiamati “Angeli custodi” per la loro cortesia, pazienza e professionalità, e alla Sig.ra Pergi la Navigator Nurse della chirurgia epatobiliare, che passando ogni giorno aveva sempre una parola di conforto.
Se dimentico qualcuno, ne chiedo venia e mi scuso.

Patologia trattata
Resezione epatica del Sg 5-6, colecistectomia ed emicolectomia destra per via laparoscopica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

I nostri angeli custodi!

Non ci sono parole adatte per descrivere la nostra esperienza.
Mia madre Graziella è arrivata all’ospedale San Raffaele scoraggiata, impaurita e sofferente. Siamo stati immediatamente accolti da un clima di umanità e professionalità. Un ringraziamento a tutto il personale del reparto di chirurgia epatobiliare.
Il professor Aldrighetti e tutta la sua equipe hanno inquadrato il problema e ci hanno consigliato la strada da percorrere guidandoci e incoraggiandoci.
Durante il ricovero in reparto abbiamo notato la professionalità di tutto il personale. Credo che ogni ammalato avrebbe il diritto ad essere curato e seguito come hanno fatto al San Raffaele!

Patologia trattata
Coledocostomia e asportazione calcoli.
Guarda tutte le opinioni degli utenti


Altri contenuti interessanti su QSalute